ABBRUNARE v.

0.1 abruna.

0.2 Da bruno 1.

0.3 Legg. S. Caterina, XIV in. (tosc.): 1.

0.4 Att. unica nel corpus.

0.5 Solo pron.

0.7 1 Pron. Farsi buio.

0.8 Pr Larson 10.03.1998.

1 Pron. Farsi buio.

[1] Legg. S. Caterina, XIV in. (tosc.), str. 41.5, pag. 500: Poi che 'l terzo giorno si consuma, / cibo adomanda l'appetito, / s come natura lo costuma, / come il corpo prima, sta nodrito; / in quella pregione non si abruna / per lo isplendore che v' s chiarito: / da l'angelico cibo si notrica [[Caterina]], / credo che la storia lo dica, / amore e riposo di fatica / sor ongni dolzore savorito.

[u.r. 22.03.2017]