ACCISMATO agg.

0.1 acesmae, acesmai, acesmo.

0.2 V. accismare.

0.3 Amico di Dante, XIII ex. (fior.): 1.

0.4 In testi tosc.: Amico di Dante, XIII ex. (fior.).

In testi sett.: Anonimo Genovese (ed. Cocito), a. 1311.

0.5 Nota il part. pass. forte acesmo in Amico di Dante, XIII ex. (fior.).

0.7 1 Pronto, disposto. 2 Ordinato, apparecchiato.

0.8 Paolo Squillacioti 14.10.1998.

1 Pronto, disposto.

[1] Amico di Dante, XIII ex. (fior.), Son. 44.7, pag. 762: Amore, i' aggio vostro dire inteso, / del quale io hocconforto amme medesmo: / ch non mi par lo stato ora s pesmo, / n lo servir, c'ho fatto, male ispeso, / udendo di che son da voi ripreso; / ch certamente nel mi' core i' esmo / che 'n ci mi troverete s acesmo / ch'i' non ne servir di stare in peso, / ma d'esser, como dite, tosto e breve / in parte di dover merito averne, / se 'n tal maniera mi dovete darlo.

[2] Anonimo Genovese (ed. Cocito), a. 1311, 38.114, pag. 238: Li barestrei son tar e tanti, / che, vegi, mezan e fnti, / som de ferir s acesmai / che lo par no ne vi z mai.

2 Ordinato, apparecchiato.

[1] Anonimo Genovese (ed. Cocito), a. 1311, 43.85, pag. 257: Ma e', per star tropo loitam, / e chi lo cor tropo vam, / no lo poea ben intende; / che l me convenia prende / mea civ s che faesse / che me' morim semper morese; / che le gente eram s acesmae, / poi ch' le tore eran segnae, / che per inpir le ventre seme / ognomo veiva star a rreme.

[2] Anonimo Genovese (ed. Cocito), a. 1311, 146.250, pag. 650: Tanto m'i dito o pricao, / tuta la mente m'i stravota; / chi t' mostrao, contando, dir / parole tute acesmae?

[u.r. 27.05.2005]