ACCĎRGERE v.

0.1 acchorgha, acchorgiea, acchorgiendosi, acchorgiesse, acchorse, acchorsono, acchorto, accorga, accorgano, accorge, accorgea, accorgendo, accorgendocene, accorgendoci, accorgendomi, accorgendosene, accorgendosi, accorgendovi, accorger, accorgerÓ , accorgerÓe, accorgerai, accorgere, accorgerebboro, accorgersene, accorgersi, accorgesse, accorgessero, accorgessi, accorgessono, accorgeste, accorgete, accorgeva, accorgh', accorgi, accorgia, accorgiamo, accorgiarÓ , accorgiare, accorgie, accorgiesi, accorgiesse, accorgiessero, accorgite, accorgiti, accorgo, accorgomen, accorgomi, accorgon, accorgono, accors', accorse, acc˘rse, accorser, accorsero, accorsesi, accˇrsesi, accorsi, acc˘rsi, accorsono, accort', accortasene, accortasi, accorte, accortesi, accorti, accorto, accortosi, accˇrtosi, accuorii, achorcer, achorcerÓ , achorcesse, achoršo-me, achorgersene, achorgha, achorgiesero, achorse, achorsse, achorta, achorto, achorzer, achorzo, acoršando, acoršandose, acorše, acoršÚ, acoršeam, acoršer, acoršerÓ , acoršeray, acoršese, acorcesse, acoršesse, acorceva, acorši, acorcier, acorciesse, acoršome, acoršo-me, acorga, acorgea, acorgeano, acorgemmo, acorgendosi, acorgendosse, acorgendossi, acorgeno, acorger, acorgerai, acorgere, acorgerse, acorgesse, acorgessi, acorgessimo, acorgete, acorgi, acorgie, acorgiendo, acorgiere, acorgierebbe, acorgiete, acorgio, acorgo, acorse, acorseno, acorsero, acorsese, acorsesi, acorsi, acorsse, acort, acorta, ńcorta, acorte, acorti, acorto, acorze, acorzeno, acorzesi, adcorgeva, adcorta, adcorte, agorgiesse, 'corgeano, 'corto.

0.2 Lat. accorrigere (LEI s.v. accorrigere).

0.3 Ritmo S. Alessio, XII sm. (march.): 1.

0.4 In testi tosc. e toscanizzati: Guido delle Colonne, XIII pm. (tosc.); Ubertino del Bianco d'Arezzo, a. 1269 (tosc.); Bono Giamboni, Vizi e Virtudi, a. 1292 (fior.); Fatti di Cesare, XIII ex. (sen.); Stat. sen., 1309-10 (Gangalandi); Doc. volt., 1322; Lett. pist., 1331; Cavalca, Rime (ed. Bottari), a. 1342 (pis.).

In testi sett.: Proverbia que dicuntur, XII u.q. (venez.); Patecchio, Splanamento, XIII pi.di. (crem.); Elucidario, XIV in. (mil.); Anonimo Genovese (ed. Cocito), a. 1311; Auliver, XIV c. s.d. (trevis.); Poes. an. bologn., 1322; Matteo Corr. (ed. Corsi), XIV pm. (padov.?); Enselmino da Montebelluna, XIV pm. (trevis.); Sam Gregorio in vorgÓ , XIV sm. (lig.).

In testi mediani e merid.: Ritmo S. Alessio, XII sm. (march.); Armannino, Fiorita (13), p. 1325 (abruzz.); Buccio di Ranallo, S. Caterina, 1330 (aquil.); Neri Moscoli, Rime, XIV pm. (castell.); Cecco Nuccoli (ed. Marti), XIV pm. (perug.); Anonimo Rom., Cronica, XIV.

0.7 1 Pron. Avere la percezione (sensoriale o intellettuale) di qsa; rendersi conto di qsa; valutare una situazione. 1.1 Sost. CapacitÓ d'intendere e valutare una situazione. 2 Scorgere. 2.1 Sost. 3 [Detto della lingua:] rendere pronto. 4 Scortare.

0.8 Paolo Squillacioti 29.06.2000.

1 Pron. Avere la percezione (sensoriale o intellettuale) di qsa; rendersi conto di qsa; valutare una situazione.

[1] Ritmo S. Alessio, XII sm. (march.), 180, pag. 25: O[r] poi ke questu audia la sponsa šita, / cande em terra et foe stordita; / mae non se adcorgeva [d]e quella gita, / net emtemdeva de quella vita / lÓ ove A[lessiu] la ma[r]ita...

[2] Proverbia que dicuntur, XII u.q. (venez.), 143, pag. 529: De lo cor de la femena eu me 'n son ben acorto: / fontana Ŕ de malicia et arbor fruitante torto.

[3] Patecchio, Splanamento, XIII pi.di. (crem.), 188, pag. 568: źCognosent om Ŕ questo╗; mai no s'adÓ del rire / dig savi qe s'acorše qe 'nveša ie'l fa dire.

[4] Guido delle Colonne, XIII pm. (tosc.), 5.66, pag. 109: Or mi son bene accorto, / quando da voi mi venni, / che quando mente tenni / vostro amoroso viso netto e chiaro, / li vostri occhi piagenti / allora m'addobraro, / che mi tennero menti / e diedermi nascoso / uno spirto amoroso, / ch'assai mi fa pi¨ amare / che no am˛ null'altro, ci˛ mi pare.

[5] Bono Giamboni, Vizi e Virtudi, a. 1292 (fior.), cap. 56, pag. 92.23: E quando ebbe cosÝ fatto, si partÝ tanto nascosamente che neuna persona se n'accorse.

[6] Fatti di Cesare, XIII ex. (sen.), Luc. L. 7, cap. 62, pag. 295.9: Assai si vidde l'anno appresso esempli di sua morte innanzi che ci˛ venisse: bene se ne poteva elli medesimo accorgiare tre o quattro mesi innanzi ch'e' segni appariro.

[7] Giordano da Pisa, Quar. fior., 1306 (pis.>fior.), 37, pag. 194.18: Udendo questi il consiglio de' savi, acorsesi che dissero bene, intr˛ nel Giordano e lavossi sette volte, e immantenente fu libero da la malattia, e lasci˛ via quel mal cuoio e sbucchiossi tutto, e divent˛ la carne sua bella e purificata e giovane come d'uno fanciullo.

[8] Elucidario, XIV in. (mil.), L. 1, quaestio 48a, pag. 99.14: Li demonii alcuna fiada representeno ymaginatione e fantexie in le aneme de la gente e se le aneme le receveno illi se n'acorzeno bene e ben lo sano, kÚ incontanente ke quelle ymaginatione e fantexie in formade in l'anima de l'homo, l'anima, ke l'era sý com lux, Ŕ tuta volta in tenebre.

[9] Stat. sen., 1309-10 (Gangalandi), dist. 1, cap. 4, vol. 1, pag. 45.13: Intanto che da le fini d'Italia, spetialmente da le parti di Lombardia, ne le quali per certo ci siamo accorti che la loro iniquitÓ pi¨ latamente abonda, et giÓ infino al reggimento nostro di Cicilia Ónno derivato li rivoli de la loro perfidia...

[10] Anonimo Genovese (ed. Cocito), a. 1311, 45.1, pag. 263: Em veritae me som acorto / che tuto lo mundo Ŕ torto...

[11] Fr. Grioni, Santo Stady, a. 1321 (venez.), 391, pag. 59: Sovra una valle un poco larga / Plašidas se acorse e guarda: / Una senbla de šervy el vete, / Che molto granda li parete, / Che per natura iera asemblady / E tuti inssenbre aconpagnady.

[12] Doc. volt., 1322, 6, pag. 16.28: Singnori popolari, che sete tucti Guelfi, non v'acorgete voi come voi sete isforšati, ingannati et traditi?

[13] Poes. an. bologn., 1322, 8, pag. 7: Da vuy, dona, desexe / l'ora che ne le man vostre mi prese / l'alto segnor, che šÓ de mi s'acorse, / ch'ad obedir sempre enmašinay.

[14] Armannino, Fiorita (13), p. 1325 (abruzz.), pag. 20.12: Quan Enea abe complito de legere quello breve, molto se fece alegro, a reguardar incomenzau unde la sagecta venuta fosse; a la fonesta vede star Lavina, allora ben se accorse donde venia la sagecta et in plu modi soa alegrecza cresce vedendo colley tanto conta et bella, la quale pi¨ veduta non avea.

[15] Nicol˛ de' Rossi, Rime, XIV pi.di. (tosc.-ven.), Son. 28.9, pag. 38: S'Amore m'ancide, mi sono acorto, / tanto m'Ŕ cum Hector m'aves[se] morto, / salvo ch'elo mi pare plu benigno...

[16] Buccio di Ranallo, S. Caterina, 1330 (aquil.), 752, pag. 384, col. 1: Tucti li altri docturi / e Maxentiu ancuri / e tucta l'autra gente / che era lly presente / sedeano sbergogniati / colle corpora inclinati / e dubitaro scý forte, / poy che sse foru accorti...

[17] Lett. pist., 1331, pag. 253.21: Elli Ŕ buona persona et leiale, di quello che io mi posso acorgiere infine a qui.

[18] Ant. da Tempo, Rime (ed. Grion), 1332 (tosc.-padov.), 62.12, pag. 173: Usando questo vešomi perire / De la sua rete che non me n'acorsi.

[19] Cavalca, Rime (ed. Bottari), a. 1342 (pis.), Benfare e mal patir, 12, pag. 457: E vŕsi al Mondo e a sua gloria morto. / Tuttafiata sý mi sono accorto, / PerchÚ a virt¨ onor dÓ impedimento: / Teme ogni giusto venire a suo porto.

[20] Matteo Corr. (ed. Corsi), XIV pm. (padov.?), 1.21, pag. 146: Prima che niun pel mi fosse al volto / cominciai a far tua l'anima mia, / per˛ che mi sentia / tutto arrossirmi quando ti mirava; / e poi cantava e sospirava molto, / ed era amore e non me ne accorgia.

[21] Enselmino da Montebelluna, XIV pm. (trevis.), 936, pag. 60: Poi dise: o Verzene, io m'achorzo bene / del gran dolor che dentro el chuor te lania, / e de le tuo angosose e forte pene.

[22] Neri Moscoli, Rime, XIV pm. (castell.), canz. 1.20, pag. 544: OimÚ, che non s'accorgon del mio danno; / chÚ moro, e spesso pi¨ quant'ho pi¨ tempo, / perchÚ doglioso conforto m'adduce...

[23] Cecco Nuccoli (ed. Marti), XIV pm. (perug.), Tenz. 10.1.12, pag. 788: - V'ha la puledra?- e questo Ŕ 'l mio riproccio. / Ond'io m'accorgo che non val pi¨ dirme / ched ei mi vesta: ch'esso s'Ŕ disposto / di non mettere in me un denai' di costo...

[24] Maramauro, Exp. Inf., 1369-73 (napol.>pad.-ven.), cap. 15, parr. 16-23, pag. 271.3: Questi sodomiti non vedeno el pecato; incitati dal foco de la luxuria, non se acorgeno che perdeno el loro seme onde se fa l'umana generatione.

[25] Anonimo Rom., Cronica, XIV, cap. 26, pag. 225.20: Questo Nicola da Buscareto, essenno presente a queste ammasciate, disse: źSignore lo legato, e non conoscete la rottura delli Malatesta? Non te accuorii ca nelle paravole soie missore Galeotto Ŕ rotto e perduto?

[26] Sam Gregorio in vorgÓ , XIV sm. (lig.), L. 4, cap. 41, pag. 267.10: Ma como se parse a la fin non era cosý como parea, chÚ mostrando ello de šacunÓ' cum li frai, ocultamenti maniava, e li frai non s'acoršeam de questo vicio.

1.1 Sost. CapacitÓ d'intendere e valutare una situazione.

[1] Dante, Commedia, a. 1321, Purg. c. 6.123, vol. 2, pag. 100: O Ŕ preparazion che ne l'abisso / del tuo consiglio fai per alcun bene / in tutto de l'accorger nostro scisso?

[2] Petrarca, Canzoniere, a. 1374, 119.79, pag. 157: Ruppesi intanto di vergogna il nodo / ch'a la mia lingua era distretto intorno / su nel primiero scorno, / allor quand'io del suo accorger m'accorsi...

2 Lo stesso che scorgere.

[1] Tristano Veneto, XIV, cap. 256, pag. 221.1: Et aci˛ qu'ello non fosse achorto da nigun e qu'ello podesse la raina veder ala soa volontade, elo desmontÓ in uno boscho spesso...

2.1 Sost.

[1] Auliver, XIV c. s.d. (trevis.), 51, pag. 511: Al bel guadangn, ch'eu n'ai, me'n pos percorger, / che cent se'n part da lui šenša 'l son scorger. / Auliver dis ch'esser p˛ tart l'acorger, / ver' che l'om def for lengua et ovra sporger.

3 [Detto della lingua:] rendere pronto. || Cfr. lingua accorta, s.v. accorto agg.

[1] Ubertino del Bianco d'Arezzo, a. 1269 (tosc.), Son. 2.2, pag. 386: Assai sotilgli tuo fellon coragio / e tua ria lingua acorgi im sua usata / in dir di me villania ed oltragio...

4 Scortare. || (Menichetti).

[1] Chiaro Davanzati, XIII sm. (fior.), canz. 19.50, pag. 73: Ahi Dio, quanti valenti / mort'ha sanza cagione! / Villano amor fellone, / com'ave acorto i venti!

[u.r. 31.07.2019]