ACQUAIO (1) agg.

0.1 acquaio, acquario.

0.2 Lat. aquarius (LEI s.v. aquarius).

0.3 Chiose Sfera, p. 1314 (fior., pis.): 2.

0.4 In testi tosc.: Palladio volg., XIV pm. (tosc.); Metaura volg., XIV m. (fior.).

0.5 Locuz. e fras. vento acquaio 2.

0.7 1 [Agr.] Che porta acqua. 2 Locuz. nom. Vento acquaio: l'Austro.

0.8 Valentina Pollidori 05.08.1999.

1 [Agr.] Che porta acqua.

[1] Palladio volg., XIV pm. (tosc.), L. 10, cap. 3.5, pag. 237.4: Miglior remedio di tutti si Ŕ metter un solco acquaio per lo mezzo del campo, lÓ onde scorra l'acqua, e gli omor salsi. || Trad. il lat. aquarius sulcus.

2 Locuz. nom. Vento acquaio: l'Austro. || Nella Bibbia trad. costantemente il lat. imber.

[1] Gl Chiose Sfera, p. 1314 (fior., pis.), App. 2, pag. 154.1: Auster, che noi appelliamo vento acquaio, ch'Ŕ caldo e umido e trae molto di forza.

[2] Gl Metaura volg., XIV m. (fior.), L. 3, cap. 1 ch., pag. 294.22: Dico che il vento australe, cioŔ acquaio, Ŕ caldo e umido, e trae molto di forza. [[...]] E imperci˛ ch'elli Ŕ caldo, e il caldo Ŕ apertivo, imperci˛ apre l'acqua e la terra, e trÔne il vapore umido a ingenerare piova.

[3] Bibbia (07), XIV-XV (tosc.), Ez. 13, 11, vol. 7, pag. 414.19: e faroe uscire fuori lo spirito della tempesta nella mia indignazione, e sarÓ vento acquario bagnante oltre misura nel mio furore...

[4] Bibbia (08), XIV-XV (tosc.), Zacc. 10, 1, vol. 8, pag. 349.10: e lo Signore farÓ la piova e la neve del vento acquaio.

[u.r. 22.03.2017]