ADALZARE v.

0.1 adala, adalsa, adalzare.

0.2 Da alzare.

0.3 Patecchio, Splanamento, XIII pi.di. (crem.): 2.

0.4 In testi tosc.: Sonn. ann. Vat.Lat. 3793, XIII/XIV (tosc.).

In testi sett.: Patecchio, Splanamento, XIII pi.di. (crem.).

In testi mediani e merid.: Buccio di Ranallo, S. Caterina, 1330 (aquil.).

0.6 N Doc. esaustiva.

0.7 1 Muovere verso l'alto, innalzare. 1.1 Fig. Innalzare nella scala dei valori, esaltare. 2 Aumentare di volume (la voce).

0.8 Pietro G. Beltrami 29.01.1999.

1 Muovere verso l'alto, innalzare.

[1] Sonn. ann. Vat.Lat. 3793, XIII/XIV (tosc.), 44.10, pag. 1240: Ma, poi che sono tratt'i molto vento, / se la cima non si vuole adalzare, / io l'averag[g]io a ttut[t]o il mio talento. / Ma s'ella pur giucando vol andare / i' non vi salgo, anzi me ne ripento / in sulla prima che la presi a amare.

1.1 Fig. Innalzare nella scala dei valori, esaltare.

[1] Buccio di Ranallo, S. Caterina, 1330 (aquil.), 533, pag. 381, col. 1: una femena enanti / con soi dulci predicanti, / con soa lege nova, / che lla nostra reprova, / et dice che falsa / et la soa pure adalsa...

2 Aumentare di volume (la voce).

[1] Patecchio, Splanamento, XIII pi.di. (crem.), 227, pag. 569: [......] Lo mat om en lo riso s adala le vose, / per fi cognosudo, no 's p tenir ascoso; / e 'l savio se 'n reten, guarda luog e sasone, / n no lo far rire se no iusta casone.

[u.r. 10.07.2005]