ADIRANZA s.f.

0.1 adiranza.

0.2 Da adirare.

0.3 Giac. Pugliese, Rime (ed. Panvini), XIII pm. (tosc.): 1.

0.4 Att. unica nel corpus.

0.7 1 Cruccio, dispiacere.

0.8 Milena Piermaria 23.10.2000.

1Cruccio, dispiacere.

[1] Giac. Pugliese, Rime (ed. Panvini), XIII pm. (tosc.), 4.28, pag. 188: Ma facc[i]a che le chiace, ch'io m'arendo / a sua merz; colpa non mi difendo / e 'nver l'amore non fo difensione. / Se la mia donna ben si pensasse / ch'io son pi ardente de la sua amanza / ch'ella si pensa ch'io la fallasse, / che m' donato s gra[n] leanza! / De lo suo amore, che m' radopiato, / ch'ella si pensi ch'io non sia vietato: / lo cor mi 'ncende di grande adiranza.

[u.r. 26.07.2005]