ADOPERAZIONE s.f.

0.1 adovrason, adoparazione.

0.2 Da adoperare.

0.3 Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.): 1.

0.4 In testi tosc.: Restoro d'Arezzo, 1282 (aret.).

In testi sett.: Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.).

0.6 N Doc. esaustiva.

0.7 1 Atto rivolto a un fine; azione, operazione. 1.1 Occupazione. 2 Effetto, efficacia.

0.8 Milena Piermaria 21.04.1999.

1 Atto rivolto a un fine; azione, operazione.

[1] Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.), De Sathana cum Virgine, 400, pag. 44: El ven da grand ossanza, da grand presumpt´on / A trar ramporgn a De ni anc reprens´on; / De sa que el ha da far in tut le soe rason, / Ni g'art querir conseio il soe adovrason. / Trop Ŕ quel mat e osso ke vol met De a rason: / De p˛ fß zo k'el vol, tut zo k'el fa Ŕ bon...

[2] Restoro d'Arezzo, 1282 (aret.), L. II, dist. 8, cap. 23, pag 248.23:, emperci˛ che non Ŕ nobilitÓ nÚ maiestria nÚ senno nÚ miraculo a l'adoparazione d'inamorare doi simili, emperci˛ che la rascione lo vole; anti Ŕ grandissima nobilitÓ e sutilitÓ e maistria e senno e miraculo de inamorare per stasione lo dissimile...

1.1 Occupazione.

[1] Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.), Disputatio musce cum formica, 62, pag 89: Quiloga dis la mosca: źEo voi monstrar rason / Ke tu fe' pez ka mi con toe adovrason: / Tu ve' invorand la blava e port in toa mason, / Tu fe' tesor e caneva dr'altr˙ possess´on.

2 Effetto, efficacia.

[1] Restoro d'Arezzo, 1282 (aret.), L. II, dist. 8, cap. 23, pag. 248.33: E se noi volemo cercare la rascione perchÚ l'amore dissimile adevene pi¨ en quello che 'n quell'altro, e perchÚ pi¨ en quello tempo che 'n quell'altro, diremo che l'adoparazione de l'amore ha dominio e bailia en quello tempo pi¨ en colui che in quell'altro...

[u.r. 27.07.2005]