ADORNEZZA s.f.

0.1 addornezza, addornezze, adorneša, adornešša, adorneše, adornessa, adorneza, adorneze, adornezza, adornezze, 'dornezza.

0.2 Da adorno 1.

0.3 Giacomo da Lentini, c. 1230/50 (tosc.): 2.

0.4 In testi tosc. e toscanizzati: Giacomo da Lentini, c. 1230/50 (tosc.); Bonagiunta Orb. (ed. Parducci), XIII m. (lucch.); Restoro d'Arezzo, 1282 (aret.); Rinuccino, Rime, XIII sm. (fior.).

In testi sett.: Poes. an. bologn., XIII; Belcalzer (ed. Ghinassi), 1299/1309 (mant.); Legg. S. Caterina ver., XIV in.

In testi mediani e merid.: Poes. an. urbin., XIII; Jacopone, Laud. Urbinate, XIII ui.di. (tod.); Cronaca volg. isidoriana, XIV ex., (abruzz.).

0.7 1 QualitÓ di essere adorno; ci˛ che rende adorno. 2 Grazia, bellezza, splendore. 2.1 Adornezza di miracoli: somma bellezza, splendore.

0.8 Massimiliano Chiamenti; Paolo Squillacioti 14.06.2001.

1 QualitÓ di essere adorno; ci˛ che rende adorno.

[1] Dante, Convivio, 1304-7, I, cap. 10, pag. 43.16: [la quale non si potea bene manifestare] nelle cose rimate per le accidentali adornezze che quivi sono connesse, cioŔ la rima e lo tempo e lo numero regolato.

[2] Bart. da San Concordio, 1302/08 (pis.>fior.), dist. 11, cap. 3, par. 11, pag. 215.13: Il trovamento delle ottime cose, avvegnachÚ sia abbandonato d'adornezza di parole, assai Ŕ ornato di sua natura.

[3] Bart. da San Concordio, 1302/08 (pis.>fior.), dist. 14, cap. 3, par. 2 pag. 265.11: NŔ desiderate sconcezze nŔ composte adornezze si convengono a uomo cristiano.

[4] Belcalzer (ed. Ghinassi), 1299/1309 (mant.), Tavola generale, pag. 41.19: Quest libr conten de la adorneza de l'aier, e dey oxey e de quelle colse che vola per l'aier.

[5] Alberto della Piagentina, 1322/32 (fior.), L. 3, 3.4, pag. 91: E 'l collo fregi con grande adornezza / Di pietre e bacche.

[6] Ottimo, Purg., a. 1334 (fior.), c. 9, pag. 129.5: Ecco Filomena viene ricca di grande adornezza, ma pi¨ di bellezze.

[7] A. Pucci, Libro, 1362 (fior.), cap. 9, pag. 85.27: e salý nel suo palagio, dove trov˛ addornezze incredibili a noi, per˛ ch'egl'era tutto listato d'oro.

[8] Andrea Cappellano volg., a. 1372 (fior.), L. 1, pag. 29.15: possono di nobiltÓ e di virtude. Adunque, prima guarda se adornezza di costumi mi dispregia.

[9] Cronaca volg. isidoriana, XIV ex. (abruzz.), pag. 173.26: Et la loro adorneza ad nulla lengua humana bastaria ad contare.

2 Grazia, bellezza, splendore.

[1] Giacomo da Lentini, c. 1230/50 (tosc.), son. 37.3, pag. 366: di grandezze, / di senno e d'adornezze sete ornata.

[2] Giac. Pugliese, Rime (ed. Panvini), XIII pm. (tosc.), 3.43, pag. 185: Di belleze e d'adorneze / e di bello portamento / vostra par non ˛ trovata...

[3] Bonagiunta Orb. (ed. Parducci), XIII m. (lucch.), ball. 2.8, pag. 74: Donna, vostre belleze, / ch'avete col bel viso, / mi fan d'amor cantare. / Tante avete adorneze, / gioco, solazo e riso, / che siete fior d'amare.

[4] Restoro d'Arezzo, 1282 (aret.), L. II dist. 2, cap. 5, pag. 87.21: Adonqua de rascione dea Ŕssare donna de delettazioni e d'adornezze e de bellezze.

[5] Poes. an. bologn., XIII, 33, pag. 10: Donšella cortexissima, d'adorneše adornada, / sovra la flor de gloria vui si' la pi¨ aflorata...

[6] Poes. an. urbin., XIII, 20.8, pag. 581: Amor, la Tua belleša, / Amor, l'avenanteša, / Amore, l'adorneša, / Amor, la ginteleša / me tTe fa delectare.

[7] Rinuccino, Rime, XIII sm. (fior.), 10.1.8, pag. 123: de tutto compimento siete ornata / e d'adornezze e di tutto bellore...

[8] Jacopone, Laud. Urbinate, XIII ui.di. (tod.), 4.40, pag. 496: E v˛llovo cuntare, / si me sse lassa fare, / le sovrane belleše / e le molte adorneše, / lo dolše parlamento / e lo bel portamento / composto et ordenato: / non Ŕ so pare nato.

[9] Legg. S. Caterina ver., XIV in., 604, pag. 277: ancora se meraveja de cotante belleše / quante pare en lei con tute adorneše, / e dis: źO femena, laxa complire [st'] [offitio], / ke nu a gi nostri dei fašemo sacrificio...

[10] Dante, Convivio, 1304-7, IV, cap. 24, pag. 418.1: DÓ adunque la buona natura a questa etade quattro cose, necessarie allo entrare nella cittade del bene vivere. La prima si Ŕ Obedienza; la seconda Soavitade; la terza Vergogna; la quarta Adornezza corporale, sý come dice lo testo nella prima particola.

[11] Trattato di virt¨ morali, XIII/XIV (tosc.), cap. 32, pag. 81.1: le Bonitadi del corpo ci˛ Ŕ Bellezza et Adornezza, e queste Bonitadi fan molte volte pi¨ danno che prode.

2.1 Adornezza di miracoli: somma bellezza, splendore.

[1] Dante, Convivio, 1304-7, II, canz. 1.50, pag. 63: ChÚ se tu non t'inganni, tu vedrai / di sý alti miracoli adornezza.

[2] Lapo Gianni, XIII ex./1328 (fior.), 12.43, pag. 593: com'Ŕn format'angeliche bellezze, / e di novi miracoli adornezze / ond'Amor tragge l'altezza d'onore.

[u.r. 27.11.2017]