ADUNANZA s.f.

0.1 adunanša, adunanše, adunantia, adunanza, adunanze, agunanza, aunanša, dunanša.

0.2 Daadunare.

0.3 Ugo di Perso, XIII pi.di. (crem.): 1.

0.4 In testi tosc.: Fatti di Cesare, XIII ex. (sen.); Stat. fior., c. 1324.

In testi sett.: Ugo di Perso, XIII (crem.); Rainaldo e Lesengr. di Udine, XIII (ven.); Jacopo della Lana, Inf., 1324-28 (bologn.); Codice dei Servi, XIV sm. (ferr.).

In testi mediani e merid.: Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.); Annali e Cron. di Perugia, c. 1327-36 (perug.); Buccio di Ranallo, Cronaca, c. 1362 (aquil.); Anonimo Rom., Cronica, XIV; Mascalcia L. Rusio volg., XIV ex. (sab.).

0.7 1 Convegno di persone (gen. ampio e ben ordinato). 1.1 [Milit.] Adunata dell'esercito, raduno. 1.2 [Relig.] Riunione, assemblea di fedeli. 1.3 [Dir.] Il Consiglio del Comune. 1.4 [Dir.] Raggruppamento sedizioso di popolo. 2 Branco, torma (di animali). 3 Ammasso, conglomerato (di materiale organico).

0.8 Massimiliano Chiamenti; Paolo Squillacioti 14.06.2001.

1 Convegno di persone (gen. ampio e ben ordinato).

[1] Ugo di Perso, XIII pi.di. (crem.), [2].25, pag. 593: e quand la not sent [a] pover stalo; / de menudha šent far adunanša; / et enl temp oscur dar del pe 'n falo.

[2] Rainaldo e Lesengr. di Udine, XIII (ven.), 51, pag. 157, col. 1: Elo tegniva pledo e rason / sý com' re e grant signor: / tute le bestie fese adunanša / e sý fese grant lementanša / sovra Reinaldo comunament / de li soi grandi offendiment.

[3] Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.), 88.26, pag. 351: lo paradiso pareme ordenato / de nove orden d'angeli en ordenanza: / en tre ierarchie Ŕ el loro stato / de quella beatissima adunanza.

[4] Annali e Cron. di Perugia, c. 1327-36 (perug.), pag. 167.23: In quisto millessimo, dý IIJ d'agosto, se fece in Peroscia una adunanša a la chiesia de santo Francescho degl frate.

[5] Ciampolo di Meo Ugurgieri, a. 1340 (sen.), L. 5, pag. 165: Ella reguarda e vede grande adunanza di gente, e rigira le rive, e vede i porti vacui, e il navigio relitto, e lassato.

[6] Ciampolo di Meo Ugurgieri, a. 1340 (sen.), L. 8, pag. 281: con tanta moltitudine e con tanta adunanza stanno li uomini nell'alte navi, con torri.

[7] Buccio di Ranallo, Cronaca, c. 1362 (aquil.), DCCCLXXVII, pag. 200: PerchÚ fo multo breve, dico, quella adunanza, / Dico che de giullari avembo minuanza, / De tucte le altre cose abembo ad abundanza.

- [Detto di animali intelligenti].

[8] Jacopo della Lana, Inf., 1324-28 (bologn.), c. 22, 13-24, pag. 533, col. 2.9: Qui exemplifica lo nodar di peccaduri in la pegola, e dixe sÝ come li dalfini, quando senteno che se turba lo tempo, sÝ se adunano inseme e lassano lo pellago e vegnono notando verso le piazze e rive, notando cun la sena sovr'aqua e po' somergendosse, la quale adunanza Ŕ segno de turbamento in mare.

1.1 [Milit.] Adunata dell'esercito, raduno.

[1] Fatti di Cesare, XIII ex. (sen.), L. Sal. 1, cap. 11, pag. 15.3: Allora, lette le lettere, inviaro Quinto Marzio a Fiesole, ove Vatilio era co l'adunanza, e Quinto Metello fu mandato in Puglia, Quinto Pompeio fu mandato a Capoa, Marcello fu mandato in Campo picciolo.

[2] Intelligenza, XIV in. (tosc.), 116.2, pag. 174: Pompeio e gli altri Roman' dipartiti / fecer a Capova loro agunanza; / Cesare e' suoi, molto fieri e arditi, / n'andÔr ver' Roma con grande burbanza.

[3] Anonimo Rom., Cronica, XIV, cap. 18, pag. 153.22: Onne dýe se faceva adunanza de armati.

1.2 [Relig.] Riunione, assemblea di fedeli.

[1] Codice dei Servi, XIV sm. (ferr.), 1, pag. 216.3: ma chi no sa lÚtere, diga cento paternostri e cento avemarie cum źrequiem eternam╗; e l'anema soa in šascauna aunanša in fina de ch˛ de l'anno specialmente sia recomandaa.

1.3 [Dir.] Il Consiglio del Comune.

[1] Gl Stat. perug., 1342, L. IV, cap. 66, par. 6, vol. 2, pag. 416.24: le predicte cose non possano domandare asolutione overo de termene prolongatione dal conseglio overo adunanša; ma alpostucto e precisamente le predicte cose fare fare e furnire siano tenute.

1.4 [Dir.] Raggruppamento sedizioso di popolo.

[1] Stat. fior., c. 1324, cap. 106, pag. 140.24: Procuri ancora il detto Executore che questi li quali facessono, overo facessono fare la ragunata predetta, e quelli li quali venissono o fossono in quella adunanza, siano puniti e condannati ne le pene che si contengono ne li Statuti e Ordinamenti del Comune di Firenze.

[2] Anonimo Rom., Cronica, XIV, cap. 18, pag. 195.25: De questa adunanza lo tribuno forte spaventao e deventao como fussi infermo, matto.

2 Branco, torma (di animali).

[1] Gl Maramauro, Exp. Inf., 1369-73 (napol.>pad.-ven.), cap. 15, pag. 270.28: E dice gregia per lo pecato bestial c'hano commisso, per˛ che źgregia╗ si Ŕ adunanza de pecore, e cosý el pecato bestiale se p˛ dire źgregia╗.

3 Ammasso, conglomerato (di materiale organico).

[1] Mascalcia L. Rusio volg., XIV ex. (sab.), cap. 82, pag. 202.12: app(re)ssu l'ossu fase loco q(uas)i una adunanša de carne infecta et potorosa, rumpe(n)te la ca(r)ne et lu coro tucta volta mecte(n)te humiditate con acq(u)a...

[2] Mascalcia L. Rusio volg., XIV ex. (sab.), cap. 126, pag. 254.1: et poi ch(e) Ó lisio(n)e lu tuello et la ssola fase una aduna(n)ša d(e) sang(u)e (con) dolore, et li humu(r)i (con)currendo ad lu loco dole(n)to...

[u.r. 29.03.2019]