AFFAITATO agg.

0.1 afaitadhi, afaytady, afatati, afetata, affaitade, affaitado, affaitai, affaitata, affaitate, affaitati, affaitatissima, affaitato, affatata, affatate, affatati, faitadhe.

0.2 V. affaitare.

0.3 Uguccione da Lodi, Libro, XIII in. (crem.): 1.

0.4 In testi tosc.: Fiore, XIII u.q. (fior.); Cavalca, Esp. simbolo, a. 1342 (pis.).

In testi sett.: Uguccione da Lodi, Libro, XIII in. (crem.); Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.); Fr. Grioni, Santo Stady, a. 1321 (venez.); Stat. venez., 1366 (2).

0.7 1 Preparato con cura o abilitÓ. [Gastr.] [Detto di un cibo:] cucinato squisitamente. 1.1 Fig. [Detto del discorso:] ornato di eccessivi abbellimenti retorici, manierato. 1.2 Fig. [Detto di una merce:] falsificata. 1.3 Educato, istruito; incline a qsa. 1.4 Ben curato, elegante, bello; [con connotazione neg.:] adornato con eccessiva cura, agghindato.

0.8 Rossella Mosti 30.03.1998.

1 Preparato con cura o abilitÓ. [Gastr.] [Detto di un cibo:] cucinato squisitamente.

[1] Uguccione da Lodi, Libro, XIII in. (crem.), 378, pag. 613: bele lonše rostie, fugacine rassadhe / e fasani e pernise et altre dignitadhe, / forte vin e posone, e galine faitadhe, / delenquid Ó Ies¨, la vera maiestadhe.

1.1 Fig. [Detto del discorso:] ornato di eccessivi abbellimenti retorici, manierato.

[1] Giordano da Pisa, Quar. fior., 1306 (pis.>fior.), Predica 15, pag. 81.16: Sono tutte gemme preziose queste parola, vale l'una uno tesoro, non sono parola affaitate nÚ apiastrate, no, ma veracissime.

1.2 Fig. [Detto di una merce:] falsificata.

[1] Stat. venez., 1366 (2), cap. 167, pag. 82.28: Et in lo caxo lo qual li dicti Carrador non podessen esser in accordo in tassar quelle medesme legne vendude affaitade [[...]] allora debiano quelli medesmi Carraori andare ali Iustisieri vieri, et uno over dui de quelli ali quali serÓ avegnudo per tassatione, debia andare et vedere et examinare quelle legne, e tassare e termenare la affaitaxon e 'l pešoramento de quelle legne...

1.3 Educato, istruito; incline a qsa.

[1] Fiore, XIII u.q. (fior.), 157.12, pag. 316: Agl[i] uomini lasciÓn far la larghez[z]a, / ChÚ Natura la ci Ó, pez[z]'Ŕ, vietata: / Dunque a femina farla si Ŕ sempiez[z]a; / Avegna che ciascun'Ŕ sý afetata / Che volontier di lei fanno stranez[z]a, / Sed e' non s'Ŕ alcuna disperata.

[2] Fr. Grioni, Santo Stady, a. 1321 (venez.), 305, pag. 57: Molto forte se penava / Lo diavolo e travaiava, / Como o lly podesse retrar / Dal ben, che ello li vedeva far; / Mo elly era ben tal conpagnony / E si afaytady chanpiony, / Che dello arsalto che lly deva / Alguna chura li non ge deva...

1.3.1 [Caccia] Addestrato.

[1] Milione, XIV in. (tosc.), cap. 91, pag. 140.19: Egli Óe ancora grande quantitÓ di leoni, che tutti sono afatati a prendere bestie e molti sono buoni a cacciare.

[2] Fr. Grioni, Santo Stady, a. 1321 (venez.), 167, pag. 53.28: De questo [[Plašidas]] molto se deletava, / E spesse fiade el [[a chašar]] g'andava: / Menava li soy chany afaytady / E soy serventi amaystrady.

1.4 Ben curato, elegante, bello; [con connotazione neg.:] adornato con eccessiva cura, agghindato.

[1] Uguccione da Lodi, Libro, XIII in. (crem.), 364, pag. 613: levrer encadenadhi / e bon osberg[h]i blanqi et elmi afaitadhi, / palasi e bitefredhi e tor embataiadhe...

[2] Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.), De scriptura aurea, 613, pag. 172: Li soi cavÝ en d'oro, lucent e affaitai, / Li dingi strablanchissimi, li vulti colorai...

[3] Cavalca, Esp. simbolo, a. 1342 (pis.), L. 2, cap. 7, vol. 2, pag. 190.8: Anzi [[molti prelati]] vanno affaitati come meretrici, forniti come regi, e baroni, vestiti vanamente come giuladri.

[4] Arte Am. Ovid. (D), XIV pm. (ven.), L. I, pag. 494.27: Fedra amÓ Ypolito nÚ non era ben affaitado; Adonis convegnivel ale selve era cura dela domenedia.

[u.r. 06.07.2007]