AFFINARE (2) v.

0.1 afina, afinare; f: affini, afinado, afini.

0.2 Da finare 1.

0.3 Fiore, XIII u.q. (fior.): 1.

0.4 In testi tosc.: Fiore, XIII u.q. (fior.).

In testi sett.: Tristano Cors., XIV ex. (ven.).

0.7 1 Trovare compimento; condurre a fine.

0.8 Rossella Mosti 25.09.1998.

1 Trovare compimento; condurre a fine.

[1] Fiore, XIII u.q. (fior.), 187.7, pag. 376: Né sì non dé parer lor già affanno / Di voler ben a modo mantacare, / C[h]'amendue insieme deg[g]ian afinare / Lor dilettanza...

[2] F Baldo da Passignano, XIII (tosc.): Donzella, il core sospira, / gli ochi piangono sovente, / e più c'omo vivente pato pena, / ed ò me stesso ad ira, / vegiendo veramente / che 'l core crudelemente a mortte afina. || CLPIO V 269 BaPa.6.

[3] F Canz. an. Kosì afino ad amar ·vi, XIII (tosc.): «Per avere gioia intera / dell valore non temere: / ad onta del follagio, / del sole pilgliare ·mi spèra, / per forza il· vò' tenere, / non compi' -e' suo viagio, / c'afini nostro gioco. || CLPIO V 103.47.

[4] Sonn. ann. Vat.Lat. 3793, XIII/XIV (tosc.), 7.12, pag. 42: Come 'l malato al medico fa porto, / ché spera avere verace medicina, / e di suo gran dolore essere storto, / così la mia speranza in te afina, / c'hai balia di me donare comforto, / ché la mia gioia tieni in tua sasina.

[5] Tristano Cors., XIV ex. (ven.), pag. 122.10: Quando lo re Artuxe intende questa parola, ello risponde: «Si m'aÿ Dio, miser Tristan, miser Lancilloto, che qui è, no m'à tegnudo ponto convenente de ciò ch'ello me impromese; ma or sapiadi che, puo che v'ò veçudo, io sì ò afinado gran partia della mia questa».

[u.r. 27.11.2017]