AFFRANTO (1) agg.

0.1 adfrantu, affranta, affranti, affranto, afrang, afrangi, afrangio, afranti, afranto.

0.2 V. affrangere.

0.3 Ritmo S. Alessio, XII sm. (march.): 1.1.1.

0.4 In testi tosc.: Chiaro Davanzati, XIII sm. (fior.); Neri Pagliaresi, XIV sm. (sen.).

In testi sett.: Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.).

In testi mediani e merid.: Ritmo S. Alessio, XII sm. (march.); Poes. an. urbin., XIII; Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.); Armannino, Fiorita (12), p. 1325 (abruzz.).

0.7 1 Rotto, sfracellato; fatto a pezzi. 1.1 Fig. Abbattuto, afflitto; sbattuto, travolto. 1.2 Fiacco, stanco; lento, neghittoso.

0.8 Rossella Mosti 15.02.1999.

1 Rotto, sfracellato; fatto a pezzi.

[1] Chiaro Davanzati, XIII sm. (fior.), Canz. 9.20, pag. 39: Se mia folla mi 'nganna e m'aucide / e d pena e tormenti, / ben ragione che nullo omo mi pianga, / ch'io sono ben come quei che si vide / ne l'agua infino a' denti, / e mor di ste temendo no afranga: / ma no rimanga / io ne lo scoglio afranto.

[2] Armannino, Fiorita (12), p. 1325 (abruzz.), pag. 544.7: Ma ultimo, essendo al suo cavallo cavato l'ochio ricto d'una punta de spada, per lo gran dolore el dicto cavallo arietro arenversato cadde, e cos el dicto Manfredi fra la gran prescia tucto afranto e ca[l]pistato [sic] dai cavalgli morto rimase e sua gente tucta fu morta e presa.

1.1 Fig. Abbattuto, afflitto; sbattuto, travolto.

[1] Ritmo S. Alessio, XII sm. (march.), 133, pag. 23: Lu core de Alesiu santu / lo non recepia n tantu / de questo honore ke avea tamantu. / † Lu patre co la matre et tutta Roma / cogitavanu cket fosse adfrantu.

[2] Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.), Vulgare de passione sancti Iob, 35, pag. 278: La vita de san Iob e de mult oltri sancti / S d confortamenti e magisterij grangi / A tug li tribulai ke grevment en afrangi, / Az k'i no 's desperano ni a far ben sian stangi.

[3] Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.), 66.37, pag. 276: Vedenno el mio cordoglio, s me se move pianto, / ma un pianto sciucco, che ven da cor affranto.

[4] Neri Pagliaresi, XIV sm. (sen.), pt. 8, 45.5, pag. 109: per sappiate che voi tutto affranto / sarete con gran noia e ricadia, / c'apparecchiato v' l'infernal foco: / co' demoni ardarete in ogni loco.

- Sost.

[5] Poes. an. urbin., XIII, 30.84, pag. 607: La caritate, - intema, perfecta, / ke nno desprea - ki vole tornare. / Per essa Te nne plaa consolare, / ke dell'afranti si' consolatore.

[6] Alberto della Piagentina, 1322/32 (fior.), L. 2, 1.10, pag. 47: E indurata [[la Fortuna]] schernisce gli affranti / Dalla sua rota, e pi con beffe ride / Quant'ha pi fatto col suo mal ploranti.

1.2 Fiacco, stanco; lento, neghittoso.

[1] Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.), De falsis excusationibus, 175, pag. 183: Sed el in questo mondo aguadhaniar posse / Un qualke grand tesoro ke molto ge plasesse, / Za per vergonza alcuna afrang no hav el esse / Ke lu pr' amor dei homini grand brega no se 'n desse.

[2] F Pietro Merovelli di Firenze, XIII (tosc.): se di parlare sono afranto, / sofero <tanto> quanto / piacie a llei, chui sono amante. || CLPIO, V 176 PeMo.68.

[3] Chiaro Davanzati, XIII sm. (fior.), Son. D. 9.8, pag. 392: asai fiate mi movo corag[g]ioso / di dirvi, come dicono gli altri amanti: / poi ch'io son nanti a voi, viso amoroso, / li miei pensier' di parlar sono afranti.

[u.r. 24.02.2006]