└GATA s.f.

0.1 acata, acates, Ócato, achatem, agata, agate, agates, agatŔs, agatÚs, agathe, agathes, aghata.

0.2 Lat. achates (LEI s.v. achates).

0.3 Belcalzer (ed. Ghinassi), 1299/1309 (mant.): 1.

0.4 In testi tosc.: Intelligenza (ed. Berisso), XIII/XIV (tosc.); Libro pietre preziose, XIV in. (fior.).

In testi sett.: Belcalzer (ed. Ghinassi), 1299/1309 (mant.).

In testi mediani e merid.: Destr. de Troya, XIV (napol.).

0.5 Anche s.m. (aghates) in Libro pietre preziose, XIV in. (fior.) e (Ócato) in Bibbia (01), XIV-XV (tosc.).

0.6 N Per acates 'pianta' v. acates.

0.7 1 [Min.] VarietÓ di quarzo traslucida e di vari colori usata come pietra ornamentale e alla quale si attribuivano particolari proprietÓ.

0.8 Elena Artale 02.02.2005.

1 [Min.] VarietÓ di quarzo traslucida e di vari colori usata come pietra ornamentale e alla quale si attribuivano particolari proprietÓ.

[1] Belcalzer (ed. Ghinassi), 1299/1309 (mant.), Tavola generale, pag. 51.40: Capitol de acates.

[2] Intelligenza (ed. Berisso), XIII/XIV (tosc.), 17.1, pag. 9: AgatŔs Ŕ seconda in iscrittura: / Ŕ nera a vene bianche vergolate / e par ch'uom ne le pi¨ veggia figura...

[3] Libro pietre preziose, XIV in. (fior.), pag. 312.35: Nell'isola di Creti sý si truova una agathes, che si somillia a corallo, et ae vene grigie mescolate.

[4] Libro pietre preziose, XIV in. (fior.), pag. 313.8: ma chiunque porta questo agathes sý li dae forza, e dono, e fecondia, e grazia, e buon colore, e sicurtade e gloria del mondo e di Dio, e schifa molti pericoli per lo merito di questa pietra.

[5] Doc. tosc., a. 1362-65, pag. 251.37: I pettorale con crocie di cristallo dentro et con I aghata, fior. tre. fior. III.

[6] Fazio degli Uberti, Dittamondo, c. 1345-67 (tosc.), L. 3, cap. 13.80, pag. 222: Acato fiume dÓ l'acata pietra, / che molto a Pirro fu giÓ cara e nova.

[7] Libro di Sidrach, a. 1383 (fior.), cap. 461, pag. 466.10: La verace agata conforta l'uomo vecchio, e spegne la sete; e vale molto contro al morso del serpente, e di bestia arrabiata...

[8] Destr. de Troya, XIV (napol.), L. 3, pag. 63.25: Chesta preta alcuni antiqui phylosophi la clamavano achatem, [[...]] et secundo che Virgilio scrive indell'opere soy dice che Enea lo portao in mano inprimo che appligao alle pertenentie de Cartagine az˛ che non fosse veduto in quilli payse.

[u.r. 30.11.2017]