AGAZZARE v.

0.1 agaa, agai, agazzi.

0.2 Fr. ant. agacier (DEI s.v. agazzare).

0.3 Nicol de' Rossi, Rime, XIV pi.di. (tosc.-ven.): 1.

0.4 In testi tosc.: Pietro dei Faitinelli, XIV pm. (lucch.).

0.6 N Doc.: cit. tutti i testi.

0.7 1 Dare o provare, manifestare gioia (anche pron.).

0.8 Elena Artale 21.12.1998.

1 Dare o provare, manifestare gioia (anche pron.).

[1] Nicol de' Rossi, Rime, XIV pi.di. (tosc.-ven.), son. 355.3, pag. 221: Conseglami et ata, Amor, di fede, / ch pocho so, n veo quel ch'io faa; / tu say che nulla cossa al cor mi agaa / for questa donna che nel meo sede...

[2] Pietro dei Faitinelli, XIV pm. (lucch.), Componim. 15.5, pag. 435: Onde mi de venir giuochi e sollazzi? / onde mi de venir motti con risa? / onde, se non tormenti d'ogni guisa? / onde mi de venir, se non ch'eo impazzi? / Avre mai novelle che mi agazzi? / No, secondo che lo meo cre avvisa: / ch veggio Lucca mia castel di Pisa, / e' signor fatti servi de' ragazzi. / Veggiola ontata, nuda ed abitata / non da lo suo antico abitatore, / ma da color che l'hanno s guidata.

[u.r. 30.11.2017]