AGGUATARE v.

0.1 agaitado, agaitao, agguata, agguatando, agguatano, agguatato, agguaterà , agguati, aguaita, aguaitai, aguaitam, aguaitammu, aguaitano, aguaitai, aguaitar, aguaitare, aguatay, aguaito, aguata, aguatando, aguatano, aguatare, aguatata, aguatati, aguati, aguatinsi, aguaytava, avaitadi.

0.2 Fr. ant. aguaitier.

0.3 Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.): 1.

0.4 In testi tosc.: Conti morali (ed. Zambrini), XIII ex. (sen); <Zucchero, Esp. Pater, XIV in. (fior.)>; Gramm. lat.-aret., XIV m.

In testi sett.: Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.); Anonimo Genovese (ed. Cocito), a. 1311; Cinquanta miracoli, XIV pm. (ven.).

In testi sic.: Angelo di Capua, 1316/37 (mess.); Accurso di Cremona, 1321/37 (mess.).

0.7 1 Tendere agguati, insidie; aggredire mediante agguato. 1.1 Sorvegliare qno per conoscerne le azioni nascoste o coglierlo in fallo. 2 Guatare, considerare attentamente.

0.8 Massimiliano Chiamenti 09.01.1999.

1 Tendere agguati, insidie; aggredire mediante agguato.

[1] Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.), Laudes de Virgine Maria, 430, pag. 227: Molta peccunia 'l monego deveva seg portar, / E imperzò i latron lo volen aguaitar. || 'tendere un'imboscata' (Contini).

[2] Conti morali (ed. Zambrini), XIII ex. (sen.), 9, pag. 62.9: E fae lo bene anzi che lo diavolo, che tutto die v'aguaita, v'inganni e v'acompagni co·llui.

[3] <Zucchero, Esp. Pater, XIV in. (fior.)>, pag. 108.37: in istrano paese ov'elli hae molti ladroni e rubadori, che ispiano i pellegrini e aguaitano i cammini, si guardano molto di non cadere alle lor mani.

[4] Anonimo Genovese (ed. Cocito), a. 1311, 85.23, pag. 409: ni osemo strenze li ogi, / tanto è pin lo mar de scogi; / e sempre semo aguaitai / da berruel e da corsai, / chi no cesam in dar storte, / en rapinar e dar morte.

[5] Pistole di Seneca, a. 1325? (fior.), 103, pag. 338.4: Alcune cose ci sopravvengono; ma elle non ci aguatano. Di quelle cose, che ci aguatano, ti guarda, e schifa quanto puoi.

[6] Accurso di Cremona, 1321/37 (mess.), L. 5, cap. 7, vol. 2, pag. 52.32: Lu quali avendu truvatu que so filyu lu aguaytava per aucidirilu nì li putia cadiri in animu di cridiri que so verasu sangui prucidissi a tantu di felunia, menau sua mulieri ad una parti et pregaula que issa non se celassi, ma li dicissi tucta la viritati...

[7] Cinquanta miracoli, XIV pm. (ven.), pt. 4, 39, pag. 68.27: È novi anni passadi ch'eo son stado con questo cavaler, ché lo principo nostro de li demonii me mandà ad aguaitar questo cavaler, çoè che lo dì ch'elo no disese la salutation de santa Maria, eo lo devesse strangolar, açò che per li soy molti peccadi el fosse nostro...

[8] Gl Gramm. lat.-aret., XIV m., pag. 37, col. 1.29: Insidior, ris, per aguaitare.

1.1 Sorvegliare qno per conoscerne le azioni nascoste o coglierlo in fallo.

[1] Tristano Veneto, XIV, cap. 303, pag. 273.39: Quando Tristan vete qu'ello era stado liberado dali soi inimisi, ello sì va in lo so ostelo aliegro e çogioso e contà ali soi conpagni como ello yera stado agaitado e chomo ello era stado schampado per meço de tuti quelli.

2 Considerare attentamente, lo stesso che guatare.

[1] Dante, Commedia, a. 1321, Par. c. 29.42, vol. 3, pag. 480: Ma questo vero è scritto in molti lati / da li scrittor de lo Spirito Santo, / e tu te n'avvedrai se bene agguati.

[2] Angelo di Capua, 1316/37 (mess.), L. 3, pag. 60.9: Sikì ipsu, videnduni, humilimenti vinni inver di nui; et nui incontinenti ni abaxammu in terra et aguaitammu ki cosa putia essiri kista laida figura: di ki vidimu ki era homu di lu quali la barba era longa e li vistimenti soy eranu invistuti di spini.

[u.r. 27.03.2006]