AGHETTA s.f.

0.1 aghetta; f: agetta.

0.2 Da ghetta.

0.3 F Antidotarium Nicolai volg., XIII ex. (fior.): 1; Pegolotti, Pratica, XIV pm. (fior.): 1.

0.4 In testi tosc.: F Antidotarium Nicolai volg., XIII ex. (fior.); Pegolotti, Pratica, XIV pm. (fior.).

N Att. solo fior.

0.5 Locuz. e fras. terra aghetta 1.1.

0.6 N Cfr. anche aggetta.

Doc.: cit. tutti i testi.

0.7 1 [Chim.] L'insieme delle scorie di piombo e rame derivato dall'affinamento dell'argento, litargirio. 1.1 [Chim.] Locuz. nom. Terra aghetta.

0.8 Elena Artale 04.04.2007.

1 [Chim.] L'insieme delle scorie di piombo e rame derivato dall'affinamento dell'argento, litargirio.

[1] Gl F Antidotarium Nicolai volg., XIII ex. (fior.), Sinonimario, 984: Spiuma argentea vel aurea id est catiem vel dimie aut litargirorum sive agetta. || Fontanella, Antidotarium Nicolai, pag. 94.

[2] Pegolotti, Pratica, XIV pm. (fior.), pag. 70.8: A cantar gerui si vende Zucchero, e polvere di zucchero d'ogni ragione [[...]],e anici, amidoi, comino, aghetta, acqua rosa...

[3] Ricette di Ruberto Bernardi, 1364 (fior.), pag. 26.35: el pionbo e ' rame se ne vere fuori e l'ariento rimarr nel meo, et ve lo chonoscierai; e quello che ne trai prima si chiama aghetta.

1.1 [Chim.] Locuz. nom. Terra aghetta.

[1] Ricette di Ruberto Bernardi, 1364 (fior.), pag. 27.1: Se tu nol vli trarre fuori, s tolgli tuta questa terra aghetta e fondila insieme e fanne uno pane.

[u.r. 04.09.2019]