AGNA s.f.

0.1 agna.

0.2 Da agno (LEI s.v. agnus, 1, 1352.15).

0.3 Petrarca, Canzoniere, a. 1374: 1.

0.4 In testi tosc.: Petrarca, Canzoniere, a. 1374.

0.6 N Doc. esaustiva.

0.7 1 Agnella (anche in contesto metaf.).

0.8 Milena Piermaria 27.03.2001.

1 Agnella (anche in contesto metaf.).

[1] Petrarca, Canzoniere, a. 1374, 27.9, pag. 35: La mansueta vostra et gentil agna / abbatte i fieri lupi: et cos vada / chiunque amor legitimo scompagna..

[2] Gradenigo, Quatro Evangelii, 1399 (tosc.-ven.), c. 13.191, pag. 90: Quanto megliore l'uomo che no l'agna / o altra humana bestia o sia selvaggia? / Il sabato a ben far non se sparagna".

[3] Gradenigo, Quatro Evangelii, 1399 (tosc.-ven.), c. 20.104, pag. 139: "Se uno avesse ben pecore cento, / et l'una fesse da l'altre i tragetti, / de lassar tutte l'altre avria ardimento / per gire a ritrovare l'agna persa, / n resta, mentre che il non e il suo intento.

[u.r. 30.11.2017]