AGRUME s.m.

0.1 aghrume, agrume, agrumi.

0.2 Da agro 1.

0.3 Fr. da Barberino, Regg., 1318-20 (tosc.): 1.

0.4 In testi tosc.: Fr. da Barberino, Regg., 1318-20 (tosc.); Dante, Commedia, a. 1321; Stat. pis., a. 1327; Gloss. lat.-aret., XIV m.

In testi mediani e merid.: Stat. perug., 1342.

0.7 1 [Bot.] Ortaggio dal gusto forte e pungente. 1.1 [In contesto fig.].

0.8 Elena Artale 24.01.2007.

1 [Bot.] Ortaggio dal gusto forte e pungente.

[1] Fr. da Barberino, Regg., 1318-20 (tosc.), pt. 16, cap. 31, par. 2, pag. 394.27: źNettali col tuo specchio; e tieni a mente, che agrumi, e pasti minuti, e cose vischiose, e cose troppo fredde o troppo calde, e troppo dure, li guastano.

[2] Stat. pis., a. 1327, L. 3, cap. 19, pag. 133.52: et ancho in de la Piassa di Sancta Chiara dirietro alle tre fune si possano vendere erbe manicatoje tucte, et anco uve, cidruole, poponi, cocomali, et cipulle, et tucte altre agrume et ligumi...

[3] Stat. perug., 1342, L. 3, cap. 171, par. 4, vol. 2, pag. 251.33: Ma pescie, mandole, nuce, fica, vino, foglia, poma, agrume e carne e lardo de peso de diece libre e da lencie en gi¨...

[4] Simone Fidati, Regola, a. 1348 (tosc.), Pt. II, pag. 235.27: Ma guardati che tu giammai non mangi veruno agrume nŔ troppe cose crude; perciocchŔ fanno impedimento all'atto spirituale e allo stato verginale ed onesto.

[5] Gloss. lat.-aret., XIV m., pag. 295.6: hoc agrumen, nis, l'agrume.

[6] Piero Ubertino da Brescia, p. 1361 (tosc.), pag. 13, col. 2.15: Agli nocivi occhi. Delle cose nocive agli occhi: fummo, raši di sole, legumi, agrumi, vino, agli, vento, pepe, dormire calšato...

[7] Sacchetti, Rime, XIV sm. (fior.), 272.5, pag. 324: vuolsi lasciar posare il badalisco / e fuggir de le voci cose ladre, / come agrume e vivande agreste e gnadre, / che di collera fanno al petto visco...

1.1 [In contesto fig.].

[1] Dante, Commedia, a. 1321, Par. 17.117, vol. 3, pag. 290: Gi¨ per lo mondo sanza fine amaro, / e per lo monte del cui bel cacume / li occhi de la mia donna mi levaro, / e poscia per lo ciel, di lume in lume, / ho io appreso quel che s'io ridico, / a molti fia sapor di forte agrume...

[u.r. 24.01.2007]