AINA s.f.

0.1 aina, ana, aine.

0.2 Fr. ant. hane.

0.3 Fiore, XIII u.q. (fior.): 1.

0.4 In testi tosc.: Fiore, XIII u.q. (fior.).

N Att. solo fior.

0.6 N Doc.: cit. tutti i testi.

0.7 1 Astio, odio.

0.8 Elena Artale 03.08.1999.

1 Astio, odio.

[1] Fiore, XIII u.q. (fior.), 24.5, pag. 50: E s disse a Paura sua cugina: / Paura, no' sin messe nell'ana / Di Gelosia, e ci ci procacciato / Lo Schifo, perch'egli corteseg[g]iato / Al bel valetto ch'i' vid'ier mattina.

[2] Libro del difenditore della pace, 1363 (fior.), diz. 2, cap. 26, par. 19, pag. 447.8: e per di violente morte tanti di mille de' fedeli sono spenti, i quali dell'etternale dannazione essere stati colpevoli verisimile puote essere prosumato, per che sono pervenuti di subitana morte molti di quelli, pieni d'aina e di mala volglienza, e lloro surdimoranti malaurosi, se non medicinante la divina mano aiuta a colui, quasi come somilgliante perilioso e usscito miseraboli attendendo.

[u.r. 10.09.2008]