AIUTANZA s.f.

0.1 adiutanša, aiutansa, aiutanza.

0.2 Da aiutare.

0.3 Laudario S.M. d. Scala, XIII ex./XIV po.q. (tosc.): 1.

0.4 Att. solo in Laudario S.M. d. Scala, XIII ex./XIV po.q. (tosc.).

0.7 1 Aiuto, soccorso; sollievo.

0.8 Milena Piermaria 03.10.2000.

1 Aiuto, soccorso; sollievo.

[1] Laudario S.M. d. Scala, XIII ex./XIV po.q. (tosc.), 7 (V).30, pag. 61: Tanto el frustaron a la colona, / che 'l sancto sangue insý fora ad onda; / tucta fu alisa sua carne monda / per tal batitura e flagellanza. / Sententiato fu ch'el fusse morto, / lo mio fiolo a grande torto; / io topinella non havea conforto / che al mi' oporto desse aiutanza.

[2] Laudario S.M. d. Scala, XIII ex./XIV po.q. (tosc.), 7 (Fabr).34, pag. 64: Ciascheduno gridava ad alta voce / contra lo mio fillio del mundo luce; / ad lui medesmo feĚ portar la croce, / fine alla foce non fe' pusanša. / Sententiaro che fosse morto / lo fillio mio ad sý grande torto; / io taipinella non advýa conforto / ch'allo suo corpo desse adiutanša.

[u.r. 10.04.2006]