AIUTORIARE v.

0.1 actoriÓ , adiutoriare, aitoria, aitoriÓ , aitoriame, aitoriare, aitoriare, aitoriar˛, aitoriava, aituriado, aituriando, aituriano, aituriarlo, aituriati, aituriato, aituriava, aituriino, aiturionme, atoriare, atoriasse, atturiar, autoriante, aytoriÓ , aytoriame.

0.2 Da aiutorio 1.

0.3 Brunetto Latini, Rettorica, c. 1260-61 (fior.): 1.

0.4 In testi tosc.: Brunetto Latini, Rettorica, c. 1260-61 (fior.); Doc. pist., 1294-1308.

In testi sett.: Matteo dei Libri, XIII sm. (bologn.); Elucidario, XIV in. (mil.); Cinquanta miracoli, XIV pm. (ven.).

0.7 1 Intervenire, agire a favore (di qno per sottrarlo a difficoltÓ o pericolo), soccorrere, salvare; assistere, sostenere (materialmente o spiritualmente); contribuire a (qsa). 1.1 Aiutoriare (di qsa): fornire. 1.2 Guidare spiritualmente, ispirare. 1.3 Favorire, appoggiare (politicamente). 1.4 Dare beneficio, giovare. 2 [In invocazione d'aiuto].

0.8 Milena Piermaria 14.03.2001.

1 Intervenire, agire a favore (di qno per sottrarlo a difficoltÓ o pericolo), soccorrere, salvare; assistere, sostenere (materialmente o spiritualmente); contribuire a (qsa).

[1] Brunetto Latini, Rettorica, c. 1260-61 (fior.), pag. 29.17: Sý che per le 'ngiurie de' cittadini convenne per necessitade che' maggiori si contraparassono agli arditi e che ciascuno atoriasse le sue bisogne...

[2] Matteo dei Libri, XIII sm. (bologn.), 51, pag. 150.10: Certe per tute raxone semo tenuti d'amar lui e de servirlo e d'aituriarlo et de le persone nostre e de l'avere.

[3] Elucidario, XIV in. (mil.), L. 3, quaestio 30, pag. 193.15: Quilli li quay in in le pen de purgatorio no p˛n aparire se no quando li angili voleno ki debiano aparire per faresi actoriÓ li soy amixi in messe e oratione e lemosene on nontiarge ki l'in scampadi de pen e farge alegreza.

[4] Legg. sacre Mgl. XXXVIII.110, XIV sm. (sett.), 13, pag. 45.29: Matto, o' a' tu met¨ la toa speranša? en un omo crucifixo, el qual no potŔ aitoriare se e no porÓ aidare te.

[5] Bibbia (06), XIV-XV (tosc.), Ecli 42, vol. 6, pag. 336.5: [1] Non raddoppiare le parole, che tu averai udite, della cosa occulta; sarai veracemente sanza confusione, e troverai grazia nel cospetto di tutti li uomini, e per tutte queste cose non sarai vituperato; e non adiutoriare la persona, sý che per lei pecchi.

- Fig.

[6] Legg. sacre Mgl. XXXVIII.110, XIV sm. (sett.), 18, pag. 71.35: Vu m'Ó' chiamÓ, et eio sum vegn¨.╗ E comenšÓ aitoriare la vella, et entro le altre conse la fortuna del mare comenš˛ a calare. Vegnudi quisti a la giesia, i cognossŔno Nicol˛, no abiandolo ma' veš¨, se no in la nave.

- Aiuturiando (madonna), aiuturiante (la potenza divina): con l'aiuto di.

[7] Cinquanta miracoli, XIV pm. (ven.), pt. 2, 16, pag. 38.8: E la mare de misericordia no li mancÓ: kÚ la abadesa se adormenšÓ per grande tribulation dananti l'altar e la Vergene preciosa con compagnia de angeli vene ad esa e in prima la represe del pecado, da poy la consolÓ, kÚ in lo sono medemo parete a la badessa; e cosý fo vero ke ella parturisse un fiio; aituriando madona senta Maria, Ó partuido lo fiio.

[8] Andrea Cappellano volg., a. 1372 (fior.), L. 3, pag. 387.20: la qual cosa se fare la possiamo, autoriantela potenza divina, in questa vita non potrebbe venire a noi cosa pi¨ graziosa, perci˛ che mondizia e astinenzia carnale cosa Ŕ la quale alli uomini pi¨ bisogna, e appo Iddio e appo le genti e per tutti i modi si dee conservare.

1.1 Aiutoriare (di qsa): fornire.

[1] Doc. pist., 1294-1308, pag. 154.15: Introe Chapecchio e Gianino suo filiuolo da SaĚ Mignato, mio lavoratore, nel podere di Bolchano a mešo, e debboli atoriare di viva(n)da infine in x. o. di pane e prestare seme p(er) seme...

1.2 Guidare spiritualmente, ispirare.

[1] Elucidario, XIV in. (mil.), L. 2, quaestio 7, pag. 140.2: Q[u]esto libero arbitrio ave l'omo in paradiso francho; ... anze l'Ó quaxe com presonere perz˛ k'el no vole lo ben s'el no fi invidavo e aytoriÓ da la gratia de Deo.

[2] Jacopo della Lana, Purg., 1324-28 (bologn.), c. 29, 31-42, pag. 613, col. 1.39: E perš˛ che l'A. ha a tratare de cose celestiai, sÝ invoca l'aiturio della ditta Euranie, aš˛ ch'el possa a perfezione adure so intento e la parladura comenšada. SÝ fa invocazione a le Muse che l'aituriino aš˛ che compiedamente otegna grazia ch'el possa chiaro et ordenado quello interamente [ esplicare] ch'Ŕ so comcetto.

1.3 Favorire, appoggiare (politicamente).

[1] Jacopo della Lana, Inf., 1324-28 (bologn.), c. 27, 31-54, pag. 644, col. 2.10: Or queste doe citadi segnorezava Maghinardo da Soxenava lo qual avea per arma un lione nero nel campo bianco: or questo Maghinardo fu omo maestro de le cose del mundo [[...]] ed era in Toscana guelfo, ... in Romagna facea l'oposito, che tegnÝa, consegliava ed aituriava la parte ghibellina...

1.4 Dare beneficio, giovare.

[1] Jacopo della Lana, Purg., 1324-28 (bologn.), c. 25, 16-30, pag. 518, col. 1.26: si Ŕ che 'l corpo umano alcuna fiada Ŕ produtto in tale desoguaglianša de complessione e de qualitade, che s'el no fosse aituriado da l'arte, tropo ben murÝano, e a tai secursi Ŕ drita e constituida la scienzia de medesina [[...]] E cussÝ simelmente, come quisti secursi aituriano e sosteno e aduseno ad eguaianša le qualitÓ, cussÝ altre cose Ŕno che guastano l'eguaglianša e conduseno a morte l'ommo per vert¨ naturale...

2 [In invocazione d'aiuto].

[1] Legg. sacre Mgl. XXXVIII.110, XIV sm. (sett.), 10, pag. 37.3: Secorrime, veršene, aytoriame, aitoriame, al to fiolo dolce, lo qual venne in sto mondo per i peccadori salvare! Grande e grandissimo Ŕ lo me peccÓ, lo qual eio ho comesso, ma Ŕ maor la misericordia toa e de Yesu, el qual de ti sý Ŕ nass¨...

[u.r. 01.12.2017]