AIZZATO agg.

0.1 adizata, adizzata, aizzato.

0.2 V. aizzare.

0.3 Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.): 1.

0.4 In testi tosc.: Arte Am. Ovid. (B), a. 1313 (fior.).

In testi mediani e merid.: Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.).

0.6 N Doc. esaustiva.

0.7 1 Stimolato, eccitato; accanito. 2 [Di un cavallo:] imbizzarrito.

0.8 Milena Piermaria 27.06.1999.

1 Stimolato, eccitato; accanito.

[1] Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.), 16.41, pag. 58: Non fatiga el feredore, el ferito non ne more: / or te pensa el bello amore, che sta en questa vecinata. / La pena consumativa, l'alma morta sempr' viva, / e la pena non deriva de star sempre en me adizata.

[2] Arte Am. Ovid. (B), a. 1313 (fior.), L. 2, pag. 300.15: In quelle si sente lussuria non adizzata.

2 [Di un cavallo:] imbizzarrito.

[1] Sacchetti, Trecentonovelle, XIV sm. (fior.), 74, pag. 164.5: Questo cavallo, che 'l signore avea fatto venire, sempre andava aizzato e intraversando...

[u.r. 12.04.2006]