ALBA (1) s.f.

0.1 alb', alba, albe, albi, albo, alva, arba.

0.2 Lat. albus (LEI s.v. albus).

0.3 Pietro da Bescap, 1274 (lomb.): 1.1.

0.4 In testi tosc.: Bono Giamboni, Vizi e Virtudi, a. 1292 (fior.); Fatti di Cesare, XIII ex. (sen.); Barlaam e Iosafas (S. Genev.), XIV pi.di. (pis.).

In testi sett.: Pietro da Bescap, 1274 (lomb.); Jacopo della Lana, Purg., 1324-28 (bologn.); Parafr. pav. del Neminem laedi, 1342; Tristano Veneto, XIV; Sam Gregorio in vorg , XIV sm. (lig.).

In testi mediani e merid.: Manfredino, a. 1328 (perug.); Anonimo Rom., Cronica, XIV; Destr. de Troya, XIV (napol.).

In testi sic.: Stat. catan., c. 1344.

0.5 Anche s.m. (albo), solo in Destr. de Troya, XIV (napol.): 1.2.

Locuz. e fras. alba del d 1, 1.4; alba del giorno 1; all'alba 1.1, 1.4.1; all'alba del d 1.1; all'alba del giorno 1.1; all'alba del mattino 1.1; essere l'alba 1.3; fare l'alba 1.3; farsi l'alba del d 1.3; in sul far dell'alba 1.2; in sull'alba 1.2; in sull'alba del d 1.2; in sull'alba del giorno 1.2; in verso l'alba 1.2; nell'albo 1.2; sull'alba 1.2; venire all'alba del d 1.3.

0.6 T Doc. sen., 1263: Bari sor Alba.

0.7 1 L'inizio del giorno; il primo chiarore mattutino. Locuz. nom. Alba del d, giorno. 1.1 Locuz. avv. All'alba (del d, giorno, mattino). 1.2 Locuz. avv. (In) su, verso l'alba (del d, giorno). Fras. In sul far dell'alba. 1.3 Fras. Fare, farsi, essere, venire (a) l'alba (del d): (cominciare a) divenir giorno. 1.4 [In testi di natura giuridica:] momento che scandisce con esattezza l'inizio di un nuovo giorno, prima ora del giorno. Locuz. nom. Alba del d.

0.8 Elena Artale 05.05.2005.

1 L'inizio del giorno; il primo chiarore mattutino. Locuz. nom. Alba del d, giorno.

[1] Bono Giamboni, Trattato, a. 1292 (fior.), cap. 33, pag. 155.28: Tu vedi, figliuolo, che gi trapassata tutta la notte, ed venuta l'alba del die, tanto ab[b]iamo insieme ragionato...

[2] Tristano Ricc., XIII ex. (tosc.), cap. 141, pag. 252.13: E quando Braguina fue a lletto, ed ella s dormio infino al'alba del giorno. E quand'ella vide l'alba del giorno, incontanente s prese li drappi ed acconciossi molto riccamente...

[3] Milione, XIV in. (tosc.), cap. 78, pag. 117.10: Quando l'alba del die fue venuta, e 'l Grande Kane aparve sopra 'l piano ove Naiano dimorava molto segretamente...

[4] Storia San Gradale, XIV po.q. (fior.), cap. 88, pag. 94.12: Al matino, s tosto come Gioseppo vide aparire l'alba, s si leva egli e sua compagnia e venero tutti ad adorare dinanzi a l'arca.

[5] Jacopo della Lana, Purg., 1324-28 (bologn.), c. 19, 1-15, pag. 373, col. 2.37: Che poco le sta bruna, o che questa ora s presso a l'alba, che poco sta l'aire bruno, perch tosto se schiarisse.

[6] Manfredino, a. 1328 (perug.), 2.6.4, pag. 171: Ben mi conosco aver la lingua balba / per produr simel parole che solche, / tratte di stilo di mastre bivolche, / da te comprese davante e po' l'alba...

[7] Parafr. pav. del Neminem laedi, 1342, cap. 20, pag. 90.16: e de f canon novella la qual ogne d se canta per tuto 'l mondo in gesia quando el se loa De' a l'ora del matin un pocho innance l'alba.

- [In usi metaforici].

[8] Intelligenza (ed. Berisso), XIII/XIV (tosc.), 11.2, pag. 7: Levasi a lo matin la donna mia / ch' vie pi chiara che l'alba del giorno, / e vestesi di seta catu[r]ia...

[9] Pistole di Seneca, a. 1325? (fior.), 122, pag. 408.6: E colui da biasimare, che giace tanto, che 'l sole sia levato, e che si desta all'ora di mezzo d; e molti sono, a' quali l'ora di mezzo d l'alba.

1.1 Locuz. avv. All'alba (del d, giorno, mattino).

[1] Pietro da Bescap, 1274 (lomb.), 1817, pag. 63: Ke ancoi al'alba del maitin / Apar un sancto pelegrin.

[2] Bono Giamboni, Vizi e Virtudi, a. 1292 (fior.), cap. 19, pag. 38.19: n'andammo a letto; e a l'alba del giorno ci levammo...

[3] Bind. d. Scelto (ed. Gozzi), a. 1322 (sen.), cap. 347, pag. 365.2: l ove lo re Priamo parla e dice che volea che la mattina, a l'alba del d, quelli de la citt 'scissero fuore a la battaglia...

[4] Niccol da Poggibonsi, p. 1345 (tosc.), cap. 239, vol. 2, pag. 175.14: A d XVII ci partimo dal detto luogo s di notte, che all'alba del d giugnemo a Gazar...

[5] Malattie de' falconi, XIV (tosc.>lomb.), pag. 18.14: dimatina a l'alba andremo di fuori a li campi a ucellare, e vedreti como fanno li mei ucelli.

[6] Tristano Veneto, XIV, cap. 313, pag. 282.14: E da doman a l'alba del zorno, quando lo re Marco fo lievado et elo era in lo so palao...

[7] Tristano Cors., XIV ex. (ven.), pag. 37.18: A lo maitin, a l'alba se lev miser Tristan e s se faxe dir mesa en una capella de ll dentro...

1.2 Locuz. avv. (In) su, verso l'alba (del d, giorno). Fras. In sul far dell'alba.

[1] Fatti di Cesare, XIII ex. (sen.), Luc. L. 7, cap. 32, pag. 242.13: La mattina, in su l'alba del giorno, furo intorno al palazzo...

[2] Pistole di Seneca, a. 1325? (fior.), 122, pag. 410.22: e 'n verso l'alba egli udia grande borboglimento, ed egli era detto, ch'egli erano i cuochi, e bottiglieri...

[3] Cronaca sen. (1202-1362), c. 1362, pag. 129.17: E poi la matina in su l'alba chominc[i]oro a gridare: Viva Chastrucc[i]o...

[4] Marchionne, Cronaca fior., 1378-85, Rubr. 313, pag. 117.26: La notte Uguccione lev l'oste in sull'alba e i battifolli, e gironne giuso dalla via del piano per fare la via da Pisa, e mossesi in sull'alba del giorno.

[5] Marchionne, Cronaca fior., 1378-85, Rubr. 375, pag. 137.9: una sera messe dentro molti contadini e forestieri, e corse in sul far dell'alba la citt...

[6] Ranieri Sardo, 1354-99 (pis.), pag. 125.8: Marted mactina, in sull'arba del giorno, li decti montorono a chavallo et feciono la via di Luccha...

[7] Ranieri Sardo, 1354-99 (pis.), pag. 273.5: e lli fanti feciono la via da San Michele d'Angniano, et quivi la mattina, in sull'arba del d, misono fuocho nella valle di Chalci...

[8] Sam Gregorio in vorg , XIV sm. (lig.), L. 1, cap. 4, pag. 87.7: E la matim su l'arba vene un fante monto corrando a cavalo cum una letera...

- Locuz. avv. Nell'albo.

[9] Destr. de Troya, XIV (napol.), L. 6, pag. 90.35: plazeme de andare a cazare in compagna de multi cazaturi e, intrando li boschi inde l'albo, tutti li anday scorriando con gran fatica... || Cfr. G. Colonne, Hist. dest. Tr., pag. 61: Que dum diluculo fuisse ingressum....

1.3 Fras. Fare, farsi, essere, venire (a)l'alba (del d): (cominciare a) divenir giorno.

[1] Barlaam e Iosafas (S. Genev.), XIV pi.di. (pis.), cap. 28, pag. 314.42: [30] E quando venne al'alba del die, quando li galli cantano, Barlaam lev suoi mane a cielo...

[2] Deca prima di Tito Livio, XIV pm. (fior.), L. 9, cap. 37, vol. 2, pag. 346.22: Quando venne all'alba del die, che la gente dorme volentieri la state, egli fece abbattere lo steccato, e la sua gente usc fuori. || Cfr. Liv., IX, 37, 9: Dato deinde signo paulo ante lucem.

[3] Sposiz. Pass. s. Matteo, 1373 (sic.), cap. 28, prol., vol. 2, pag. 132.18: Da lu vesperi di lu sabbatu, la sira di lu sabbatu, la quali fa l'alba lu primu iornu di la simana, vinni Maria Magdalena et l'autra Maria a vidiri lu sepulcru.

[4] Petrarca, Canzoniere, a. 1374, 22.33, pag. 25: Con lei foss'io da che si parte il sole, / et non ci vedess'altri che le stelle, / sol una nocte, et mai non fosse l'alba...

[5] Anonimo Rom., Cronica, XIV, cap. 14, pag. 122.9: L'alba dello de se fece. Piacque allo re Filippo che lo re de Boemia fussi capitanio generale e iessissi fra allo reparo...

1.4 [In testi di natura giuridica:] momento che scandisce con esattezza l'inizio di un nuovo giorno, prima ora del giorno. Locuz. nom. Alba del d.

[1] Stat. sen./umbr., 1314/16, cap. 72, pag. 33.4: E nocte s'entenda depo 'l suono dell'avemarie de chi a l'albadel d.

[2] Stat. catan., c. 1344, cap. 8, pag. 38.14: divi essiri multu sollicitu di sunari li huri timpiratamenti sicundu lu tempu: o, [[...]] tantu sia ki li Matini sianu a lu ructa di li albi...

1.4.1 Locuz. avv. All'alba: alla prima ora del giorno.

[1] Petrarca, Canzoniere, a. 1374, 109.6, pag. 145: Ivi m'acqueto; et son condotto a tale / ch'a nona, a vespro, a l'alba et a le squille / le trovo nel pensier, tanto tranquille / che di null'altro mi rimembra o cale.

[u.r. 13.12.2017]