ALBAGA s.f.

0.1 albasia; f: albaga.

0.2 Etimo incerto: lat. volg. *opaciva '(bonaccia) ombrosa' o lat. volg. *albicinus 'biancastro' (Parenti, Albagia).

0.3 F Lett. comm. [1396] (tosc.): 1.1; Gasparo da Verona, XIV (ver.): 1.

0.4 Att. nel corpus solo in Gasparo da Verona, XIV (ver.).

0.5 Locuz. e fras. stare in albagia 1.1.

0.6 N Un'ulteriore att. di 1 ottenuta in Decameron, II, 9 da Parenti, Recupero, con una diversa segmentazione della lezione tradizionale: segner En Cararh, il quale d'una sua nave, la quale alquanto di quivi era lontana in albagia, disceso era a rinfrescarsi a una fontana; l'ed. inclusa nel corpus legge era lontana, in Alba gi disceso era: cfr. Boccaccio, Decameron, c. 1370, II, 9, pag. 161.18.

0.7 1 Calma marina, bonaccia. 1.1 Fig. Attesa forzata. Fras. Stare in albagia: avere incertezza.

0.8 Pr Larson 25.05.2021.

1 Calma marina, bonaccia.

[1] Gasparo da Verona, XIV (ver.), 4 b.3, pag. 17: Quando doi gran noachier prende ripreggio, / et se consilian per grand'agonia, / l' pur chiar segno che nova albasia / vegian in l'aire adversa al suo pareggio. / Et non mi penso che per poco agreggio / franco cor tremi et perda vigoria; / per temo a la crisis, che vi svia, / che la non croli il temo al suo charegio.

1.1 Fig. Attesa forzata. Fras. Stare in albagia: avere incertezza.

[1] F Lett. comm. [1396] (tosc.): Egli stato piacer di Dio che stanotte la Tessa partorio maschio; e tutta mattina sono stato in albaga di farvelo a sapere, o non farvelo; perch non vi volea dar noia di venire, ch non di bisogno... || Guasti, Lapo Mazzei, vol. I, p. 151.

- [A causa del sentimento amoroso, con connotazione neg.].

[2] f Poes. an. tosc., p. 1397, Per le parole..., 13, pag. 151: Per vi prego, .A., in cortesia / pi non vogliate voi et me seccare / solo per uscir di tanta albaga. || LirIO; non att. nel corpus da altre ed.

[u.r. 25.05.2021]