ALBERGAGIONE s.f.

0.1 albergagione, albergason, albergaxon.

0.2 Da albergare.

0.3 Uguccione da Lodi, Libro, XIII in. (crem.): 1.

0.4 In testi tosc.: Milione, XIV in. (tosc.).

In testi sett.: Uguccione da Lodi, Libro, XIII in. (crem.); Fr. Grioni, Santo Stady, a. 1321 (venez.).

0.6 N Doc. esaustiva.

0.7 1 Luogo in cui si dimora, dimora. 2 Luogo in cui si viene ospitati. 2.1 OspitalitÓ, ricovero.

0.8 Chiara Coluccia 28.10.1999.

1 Luogo in cui si dimora, dimora.

[1] Uguccione da Lodi, Libro, XIII in. (crem.), 214, pag. 607: No Ŕ nul omo tanto reu ni felon, / scomunicato, scacaor ni laron, / qe sia sorpreso de mortal tra´son, / s'el vol tornar a Deu e demandar perdon / e varas´amentre vol far confess´on / q'el mai no torne en quela onfe[n]ss´on, / el Ŕ guaridho et Ó delivrason, / sý q'en inferno no trovarÓ mason, / q'en quel tormento no Ŕ redenc´on: / en paradiso serÓ so' albergason.

2 Luogo in cui si viene ospitati.

[1] Milione, XIV in. (tosc.), cap. 49, pag. 68.7: E quando l'uomo va oltra IIJ giornate, e' conviene che l'uomo cavalca bene XL giornate per montagne e per coste, tra creco e levante, e per valle, passando molti fiumi e molti luoghi diserti. E per tutto questo luogo non si truova abitazione nÚ albergagione, ma conviene che ssi porti la vivanda.

2.1 OspitalitÓ, ricovero.

[1] Fr. Grioni, Santo Stady, a. 1321 (venez.), 1670, pag. 93: Mo va pur seguramente, / E menera-lly qua di prexente, / Chi tu voras in mia maxon; / Che molto richa albergaxon / Per to amor li doner˛, / E grando honor io li far˛.

[2] Fr. Grioni, Santo Stady, a. 1321 (venez.), 2681, pag. 119: Sua hoste fe tuta restar; / Poy comandÓ de destirar / Un molto richo pavion, / Che llÓ el vol far albergaxon, / Enfin che 'l chalor passerÓ / E lla maytina vignirÓ. / CossÝ fo fato de prexente, / Se lla lešenda sua non mente.

[u.r. 17.04.2006]