└LBERO (1) s.m./s.f.

0.1 aberi, abero, abor, abore, Óbore, aboro, albari, albaro, ßlbaro, alber, Ólbere, alberi, alberj, albero, alboli, albor, albˇr, Ólbor, albore, albˇre, Ólbore, ßlbore, albori, alb˛ri, ßlbori, Ólbori, alboro, Ólboro, albri, albro, albur, alburi, Ólburi, allboro, arbaro, arberi, arbero, arbol, arbole, arboli, arbolo, Órbolu, arbor, arbor', arbore, Órbore, arbori, Órbori, arborj, arboro, Órboro, arbory, arbuli, arbure, Órbure, arburi, Órburi, arburu, Órburu, arvore, arvuri, elbore, erbor, erboro, herbor.

0.2 Lat. arbor (LEI s.v. arbor).

0.3 Proverbia que dicuntur, XII u.q. (venez.): 1.

0.4 In testi tosc.: Bonagiunta Orb. (ed. Parducci), XIII m. (lucch.); Fiori di filosafi, 1271/75 (fior.); Restoro d'Arezzo, 1282 (aret.); <Egidio Romano volg., 1288 (sen.)>; Quindici segni, 1270-90 (pis.); Doc. prat., 1305; Giordano da Pisa, Pred. Genesi 2, 1308 (pis.); Doc. pist., 1270-1310; Doc. amiat., 1374.

In testi sett.: Proverbia que dicuntur, XII u.q. (venez.); Ugo di Perso, XIII pi.di. (crem.); Guido Faba, Parl., c. 1243 (bologn.); Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.); Giacomino da Verona, Ierusalem, XIII sm. (ver.); Belcalzer (ed. Ghinassi), 1299/1309 (mant.); Anonimo Genovese (ed. Cocito), a. 1311; Doc. moden., 1353; Codice dei Servi, XIV sm. (ferr.).

In testi mediani e merid: Miracole de Roma, XIII m. (rom.); Proverbia pseudoiacop., XIII (abruzz.); Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.); Simone Fidati, Ordine, c. 1333 (perug.); Buccio di Ranallo, Cronaca, c. 1362 (aquil.); Destr. de Troya, XIV (napol.); Mascalcia L. Rusio volg., XIV ex. (sab.).

In testi sic.: Giovanni Campulu, 1302/37 (mess.); Simone da Lentini, 1358 (sirac.).

0.5 Per albero cedro > cedro; albero da frutti > frutto; albero da frutto > frutto; albero pomifero > pomifero.

Locuz. e fras. albero del bene e del male 1.2; albero del conoscimento 1.2; albero della croce 3; albero della scienza del bene e del male 1.2; albero della vita 1.1; albero gallico 1.4; albero secco 1.3; albero solo 1.3.

0.6 A Doc. sen., XIII pm.: Giova(n)ni Alboli; Serventese Lambertazzi, XIII u.v. (bologn.): Soldano da l'Albaro; Doc. venez., 1309 (4): Marin Albor; Dante, Commedia, a. 1321: Albero da Siena; Jacopo della Lana, Inf., 1324-28 (bologn.): Albaro; Maramauro, Exp. Inf., 1369-73 (napol.>pad.-ven.): Albero da Siena; Chiose Selmiane, 1321/37 (sen.): Arboro da Siena; Metaura volg., XIV m. (fior.): frate Albero.

T Doc. venez., 1253: Campo de Albaro; Stat. perug., 1342: Arbor Sagro.

N Doc esaustiva per 1.2, 1.3 e 4.

0.7 1 Pianta con fusto di legno e fogliame elevato da terra. 1.1 [Relig.] Locuz. nom. Albero della vita: fonte e simbolo della vita. 1.2 [Relig.] Locuz. nom. Albero (della scienza) del bene e del male: quello del Paradiso terrestre, vietato all'uomo. 1.3 Locuz. nom. Albero solo, albero secco: pianta sacra situata nel Xorasan. 1.4 Locuz. nom. Albero gallico. 2 Il materiale di cui sono fatti gli alberi; legno. 3 La croce su cui fu crocifisso Ges¨ Cristo. Locuz. nom. Albero della croce. 4 Palo verticale innalzato sulla nave per sostenere le vele. 5 Discendenza familiare. 5.1 Schema ramificato.

0.8 Chiara Coluccia 11.12.2000.

1 Pianta con fusto di legno e fogliame elevato da terra. || Nella documentazione, ci si riferisce per lo pi¨ generic. ad alberi di dimensioni rilevanti, alludendo al fogliame verdeggiante e ombroso ed al frutto prodotto.

[1] Proverbia que dicuntur, XII u.q. (venez.), 144, pag. 529: De lo cor de la femena eu me 'n son ben acorto: / fontana Ŕ de malicia et arbor fruitante torto.

[2] Ugo di Perso, XIII pi.di. (crem.), 3.53, pag. 594: A noia m'Ŕ ancor s'eo disputo / con om trop corušos [et altero]; / arbor qual fai dano senša fruto; / qi per poc me fai star en pensero...

[3] Guido Faba, Parl., c. 1243 (bologn.), 25 (86), pag. 248.1: Quando eo vego la vostra p(erson)a, la n(ost)ra amistÓ se renovella, la n(ost)ra amistÓ floresse scý como fae l'arbore i(n) lo mese d'ap(r)ile, che mo(n)stra lo bello maio e la fresca v(er)dura.

[4] Giacomo da Lentini, c. 1230/50 (tosc.), 30.6, pag. 334: C'Amor l'encalza e spera, aulente frore, / c'albor altera incrina dolce vento, / e lo diamante rompe a tut[t]e l'ore / de lacreme lo molle scendimento.

[5] Bonagiunta Orb. (ed. Parducci), XIII m. (lucch.), canz. 11.40, pag. 66: Ciascuna guisa d'Amor graziosa, / secondo la natura / che vien da gentil luoco, ha in sÚ valore, / come arbore quand'Ŕ fruttiferosa.

[6] Miracole de Roma, XIII m. (rom.), 32, pag. 576.14: Lo quale cavalcao ne lo cavallo senza sella, et tulze la falce per presori nocti, et vide lo rege ad piedi de uno arbore ad fare suo ascio; et quanno lo rege gia, ne lo arbore stava una cucubaia ke semper cantava.

[7] Brunetto Latini, Tesoretto, a. 1274 (fior.), 632, pag. 197: che se tu poni mente, / ben vedi li animali / ch'io noĚ lli faccio iguali / nÚ d'una concordanza / in vista nÚ in sembianza; / erbe e fiori e frutti, / cosý gli albori tutti: / vedi che son divisi / le natur' e li visi.

[8] Pietro da BescapŔ, 1274 (lomb.), 58, pag. 34: PartÝ la lux da tenebria, / PartÝ la nocte dala dia, / Et alla terra dÚ bailia / E potestß et segnoria. / De le' nasce lo alimento, / Herbe et leme et formento, / Blave e somenša d'omia gran, / Arbori et fruite d'omiunca man.

[9] Lib. Antichr., XIII t.q. (ven.eug.>umbr.-march.), 179, pag. 110: Li encantatori que sera[no] turbati / Ó incantar li demonii colli dragi, / sý grande tenpesta con ventu s'Ó levare / ke le masone e li albori sý s'Ónno scarigare / e lli homini se n'Óno fu´r entro le nave, / cun grand turbore sý Ó barcar lo mar.

[10] Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.), Disputatio mensium, 687, pag. 26: Zamai no dex alcun, ke sia nobel segnor, / Per pizna cossa irasce, k'el perd de so honor: / Lo bon arbor no caze per pizeno furor / Ni mor per pizna tacha ni perd de so vigor.

[11] Restoro d'Arezzo, 1282 (aret.), L. I, cap. 20, pag. 31.32: E trovamo eĚlla terra molte generazioni de plante, come so' erbe e arbori; e trovamole svariate de forma e de sustanzia e de colori...

[12] Quindici segni, 1270-90 (pis.), 205, pag. 256, col. 2: Lo septimo giorno fi angoscioso / et forte mente periculoso, / che lli arbori che seran caduti / si levrano su molti arguti, / et insieme si percoterano / sý che tucti si spesserano: / molta gente allor morrano / per la paura che arano.

[13] Stat. sen., 1280-97, par. 41, pag. 14.11: Item, ordiniamo che qualunque del detto Comune talliasse quercie di campo o ulivi o allori o arbole fruttevole, senza licenzia di colui di cui Ŕne, sia punito in X soldi, se sarÓ di dý; e se sarÓ di nocte, in XX soldi di denari...

[14] Questioni filosofiche, p. 1298 (tosc. sud-or.), L. IV, pt. 4, cap. 1, pag. 124.4: onde vedete ke l'arbore Óne el pedone, el tronco, grosso per˛ ke abonda pi¨ in humiditÓ (et) frigiditÓ per˛ ke stae longo la terra, (et) le ramora, ke sono remosse da la terra (et) stano in aere verso el caldo (et) non habundano sý in humiditate, sono sottili.

[15] Bestiario moralizz., XIII (tosc./aret.-castell.), 3.7, pag. 744: El caciatore tanto s'asotilia, / ke con inganno sappelo piliare: / kÚ l'arbore li secha, ove s'apilia / usatamente per sÚ riposare, / e cusý cade, non se leva mai.

[16] Sermoni subalpini, XIII (franco-piem.), 10, pag. 252.27: Zo coita Fisiologus de l'olifant, qui est una bestia munt grant e munt fera, que, quant el se vol reposer, si s'apoie a un arbor.

[17] Rainaldo e Lesengr. di Udine, XIII (ven.), 628, pag. 177, col. 1: E Rainald intro un bosceto se cašÓ, / su in un arbor sý montÓ, / sý ch'el vÚ e bel e šent / lÓ o' Ŕ la paia e 'l furment.

[18] Proverbia pseudoiacop., XIII (abruzz.), 172, pag. 34: Enclinase la vergula, lassa l'acqua passare; / La plema carpe l'arvore ke sse non p˛ 'nclinare.

[19] Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.), 88.55, pag. 352: La fossa, dove questo arbor se pianta, / pareme la profunda vilitate; / ca, si la radicina loco achianta, / engrossace a trar l'umiditate, / e fa l'arbore crescere ed enalta: / non teme freddo e nulla seccetate...

[20] Memoriali bologn., 1279-1300, 3.12, pag. 9: ComenzÓ de pisae la bona bevedrise: / ella descalzÓ l'Ólbore tra qui e le raise.

[21] Doc. pist., 1270-1310, pag. 120.9: Co(n)peramo da Lunarduccio filliuolo che ffue di Giaco(n)te Lunardi dela capp(e)la di San Marcho un peššo di terra posto a Bisciano nel tenitorio di Purica, la meitÓ p(er) no(n) partito, lo qual peššo dela terra Ŕ querciato ed altri albari, oilmi ed arbori da fructi, t(er)rofini: dale tre parti via, dala iiija le redi di mess(er) Tano mess(er) Guilielmi Taviani e le redi di Ciano Donatini.

[22] Libro pietre preziose, XIV in. (fior.), pag. 313.4: In Yndia si truova un altro agathes, lo quale sý Ó variate forme; ora pare che abbia fronde d'arbori, ora fiore.

[23] Giunte a Restoro, XIV in. (it.sett./fior./eugub.) [7], pag. 257.24: Vedi li arbori: giÓ non hanno senno nÚ sentimento...

[24] Anonimo Genovese (ed. Cocito), a. 1311, 37.93, pag. 230: Li arbori tuti avexendam / a zo che so fruto rendam, / l'um poi l'autro maurando, / ŕ monto guise delectando; / che se e' te devesse cointar / e tanti fruti desguisar, / e' averea tropo a dir, / ni tu porresi tanto oir.

[25] Stat. sen./umbr., 1314/16, [132], pag. 58.14: Anco statuto e ordinato si Ŕ, che non sia alcuna persona che tagli o tagliare faccia alcuna arbore domestica altrui in Chiarentana overo nel destrecto.

[26] Simone Fidati, Ordine, c. 1333 (perug.), pt. I, cap. 13, pag. 639.16: L'uno si Ŕ dell'albero il quale hae buono pedale e rami e foglie, che verrß un vento che moverß alcuna volta la foglia, alcuna volta i rami, alcuna volta sarß sÝ forte che moverß il pedale.

[27] Angelo di Capua, 1316/37 (mess.), L. 1, pag. 13.5: Undi lu piatusu Eneas supravinendu la matina, mossi li occhi actornu, et volendu chircari li cuntrati, ascundiu tuctu sou naviliu supta una ripa cuverta di arburi; et zo factu, si accumpagnau cum Achates sulu, purtandu in manu dui lanzi cum largu ferru.

[28] Doc. moden., 1353, par. 4, pag. 196.21: Anchora una peša de tera ponita in la villa de Cugnente del destreto de Modena, per parte clausurata e per parte canpia, cum la chaxa sovrestagando de XXV biolche, o pi¨ o men che la se sia, cum la pla[n]tata ch'Ŕ de sovra da la poxara: la qualle piantata tuta dibia esere in la dita mia parte de sovra chom uno brašo de sovra da albore de la dita piantata šoŔ da quello elbore chi serÓ de plu de sovra da la dita plantata et lý se dibia metere la termene e fare uno foxÓ tra l'uno e l'atro ugni volta che a uno de nu piaxerÓ.

[29] San Brendano tosc., XIV (ven.>tosc.), pag. 43.6: Noi cominciamo a navicare e in piccola ora venne una nuvola iscura come notte, e bast˛ uno ora; e passando oltre noi trovamo l'isola doviziosa e ubertevole di cotanti alberi e fiori...

[30] Mascalcia L. Rusio volg., XIV ex. (sab.), cap. 15, pag. 145.15: Et i(n) ne lo verno demore i(n) locora calide et in ne le silve, ove lu ventu li no noce tanto. Tam(en) Ŕ da guardare a potere che levimente non se teniano i(n) nelle locora ove sia copia de glanda, a(r)bo(r)e de ce(r)ro, ca lo manecare de quella ianda farria le iomente spoltronare.

1.1 [Relig.] Locuz. nom. Albero della vita: fonte e simbolo della vita.

[1] Jacopone (ed. Contini), XIII ui.di. (tod.), 25.452, pag. 165: Te posso dir giardino / d'onne fiore adornato, / dove sý sta piantato / l'arbore de la vita; / tu Ŕi lume divino, / da tenebre purgato...

[2] Elucidario, XIV in. (mil.), L. 1, quaestio 69, pag. 105.11: uno altro arboro g'era ke no lassarave l'omo fadigare; e brevemente uno altro alboro de vita sý g'era ki defenderave l'omo de vegieza e de infirmitade e de morte.

[3] Jacopo della Lana, Purg., 1324-28 (bologn.), c. 32, 28-42, pag. 691, col. 1.13: E intende questa pianta l'A. l'Órbore de la vita, lo qual fo contradiado ai primi parenti lo manšar del so frutto; lo quale Óe per alegorÝa a significare la obedienzia.

[4] Fazio degli Uberti, Dittamondo, c. 1345-67 (tosc.), L. 1, cap. 11.19, pag. 34: Quivi Ŕ l'arbor di vita e primavera / sempre con gigli, con rose e con fiori; / adorno e pien d'una e d'altra rivera. /

[5] Sposiz. Pass. s. Matteo, 1373 (sic.), Prologo, vol. 1, pag. 12.4: Unde, per declarari kisti altissimi, santissimi, dulcissimi, devotissimi misterii di la santa cruchi di Cristu, per firmari, radicari, plantari et rinvirdicari in la menti mia, et fructificari in la menti mia l'arburu di la vita, l'arburu di la fidi di la santa cruchi di Iesu Cristu, non per firmari la cruchi in sý, ma per firmari me in la sancta cruchi, comu cui liga la navicella a la rocca non liga per firmari la rocca, ma per firmari la navichella a la rocca, di lu tesauru di lu studiu di la santa theologia, proponu kisti infrascripti sentencii, et declaririmu: Primo...

[6] S. Caterina, Epist., 1367-77 (sen.), [1376] lett. 60, pag. 247.29: Allora avarete fatto uno innesto, piantati e innestati nell'arbore della vita; torrÓvi la morte e rendarÓvi la vita...

[7] San Brendano tosc., XIV (ven.>tosc.), pag. 241.16: E andando noi di qua e di lÓ brievemente parlando, quivi era ogni piace[re] [e] ogni diletto che 'l cuor dell'uomo pu˛ pensare e dire; e avendoli lo procuratore menatogli assai per entro lo luogo e venne loro voglia di vedere l'albero onde Adamo tolse lo pome e 'l legno della scienzia buona e a vedere l'albero della vita, e cosý dell'altre cose.

1.2 [Relig.] Locuz. nom. Albero (della scienza) del bene e del male: quello del Paradiso terrestre, vietato all'uomo.

[1] Sacchetti, Sposizioni Vangeli, 1378-81, (fior.), Sp. 42, pag. 253.16: e l'Agnolo and˛ a l'albero del bene e del male e tolsene uno ramo e recollo a Seth, e disse: - Porta questo a Adamo e digli che 'l pianti, per˛ che giÓ mai non speri misericordia infino a tanto che questo ramo farÓ frutto.

- Locuz. nom. Albero del conoscimento.

[2] Giordano da Pisa, Pred. Genesi 2, 1308 (pis.), 8, pag. 89.11: E lo conoscimento e l'operazione e l'experienzia e la provassione fanno avere questo albore della scienzia del bene e del male nell'anima e vietare lo male e fare lo bene. Or lo nostro Signore Dio ci doni grazia che noi abbiamo questo albore del conoscimento indel giardino dell'anime nostre.

1.3 Locuz. nom. Albero solo, albero secco: pianta sacra situata nel Xorasan. || (Cardona, pag. 533).

[1] Milione, XIV in. (tosc.), cap. 32, pag. 44.18: Sappiate che in Persia Óe VIIJ reami: l'ono Ó nome Causom, lo secondo Distan, lo terzo Lor, lo quarto Cielstan, lo quinto Istain, lo VJ Zerazi, lo VIJ Soncara, lo VIIJ Tunocain, che Ŕ presso a l'Albaro solo.

[2] Milione, XIV in. (tosc.), cap. 39, pag. 55.6: E quivi Ŕ una grandissima provincia piana, ov'Ŕ l'Albero Solo, che li cristiani lo chiamano l'Albero Secco; e dirovi com'egli Ŕ fatto.

[3] A. Pucci, Libro, 1362 (fior.), cap. 8, pag. 48.12: e partendosi di qui si va otto giornate per diserti forniti al detto modo; e in quel paese Ŕ l'albero secco, il quale Ŕ molto grandissimo e grossissimo e le sue foglie sono dall'uno lato verdi e dall'altro bianche, e fa ricci voti ma in apparenza come di castagno, e non ha presso niuno altro albero a pi¨ di cento miglia, salvo che dal'una parte, ci˛ Ŕ dove fu la battaglia fra Allexandro e Dario.

1.4 Locuz. nom. Albero gallico.

[1] a Piero de' Crescenzi volg. (ed. S. Eugenia), XIV (fior.), L. 4, cap. 11, pag. 368.6: Innestasi anchora nell'arbore dell'olmo, e forse in alchuni altri secondo Collumella, sý ccome nel troncho dell'arbore gallica; insino alla midolla si perfori con un suchiello...

2 Il materiale di cui sono fatti gli alberi; legno.

[1] Doc. fior., 1286-90, [1288], pag. 225.10: It. in uova per lo maestro, questo dý, d. vj. p. It. in dice assi d'albero da Gario, dý xiiij di novembre, lib. iij. p.

[2] Doc. fior., 1286-90, [1288-89], pag. 301.4: It. in xvj regoli d'albero, dý xxvij di febraio, s. x e d. vij. p.

[3] Doc. fior., 1277-96, pag. 427.25: De dare s. XVJ per un albore da una trave di chasa per bordo[ni]. De dare s. V e d. VJ per XIJ chassci luchardesi ch'ebbe domenicha.

[4] Doc. prat., 1305, pag. 457.28: A voi Segnori piacciavi di puni(r)e tanti ma'facto(r)i qua(n)ti n'Óe a san Fabiano, cioŔ di distruge(re) tucte le luogora e li orti, d'avere talliati li ca(n)neti, trarre li pali, li collessoli delle vigne, talliare ciriegi, talliare quercie, tolliendo ci˛ bene che l'uomo Óe nelle luogora, vendendo asai volte ca(n)ne e pali ed albori di carica l'uno: per˛ noi ci ne ritorniamo a voi che ci ne atiate della ragione.

[5] Simintendi, a. 1333 (tosc.), L. 7, vol. 2, pag. 104.17: E sedendo, vide Cefalo tenere in mano un dardo, fatto d'albero ch'egli non conoscea; la punta del quale era d'oro.

[6] Libro giallo, 1336-40 (fior.), pag. 21.2: Furonne per quindici asse d'abete che ssi chonperarono s. 38 d. 5 a ffior., e per uno descho grande da scrivere e per uno chassone da danari a Fruosino chasettaio e per una toppa e chiave del detto chassone lire 4 s. 17 a ffior., e per due asse d'albero e per tre chorenti di fagio e per nove toppi per le panche dentro e per sei libre d'aghuti e per maestero di due maestri e per pi¨ altre spese menute e per una schala e per uno paio di forvici e per due chalamai da scrivere e per tre sacha per le panche di fuori lire 4 s. 11 d. 4 a ffior.

[7] Doc. fior., 1353-58, [1357], pag. 112.1: Neri di Fieravante: IIJ pianchoni d'albero grandi, J pianchone d'albero piccholo, per li ponti, lire ...

3 La croce su cui fu crocifisso Ges¨ Cristo. Locuz. nom. Albero della croce.

[1] Poes. an. ven., XIII, 1, pag. 136: Alborode la croxe, signor Imperial, / RenovŔ in lo cor mio, descašando ogni mal, / Che questo tempo representa quela amara pasion, / Che sostene Ies¨ Cristo per dar a nui salvacion.

[2] Giordano da Pisa, Prediche, 1309 (pis.), 2, pag. 20.11: Et cosý de' fare l'omo, quando vegnono le tentationi: calare la volontÓ et reggerla ad arbore della croce.

[3] Niccol˛ da Poggibonsi, p. 1345 (tosc.), cap. 112, vol. 1, pag. 242.13: Al mezzo della chiesa Ŕ uno muro, con una porta, ed evi dipinto santo Abraam, e come quivi nacque l'albero della santa croce.

[4] Tavola ritonda, XIV pm. (fior.), cap. 119, pag. 465.19: Bordo, da poi in qua che voi riceveste il corpo di Cristo benedetto, e foste bene confesso e pentuto di vostri peccati, allora Cristo felice v'apparve in figura d'uccello, e puosesi in sue l'albero, e sýe si ferý nel petto e di suo sangue fece vivi i suoi figliuoli: e ci˛ fece per darvi perfetta fede, sý come egli salýe in su l'albero della croce, e di suo santo sangue ricomper˛e l'umana generazione.

[5] Sposiz. Pass. s. Matteo, 1373 (sic.), cap. 26, par. 4, vol. 2, pag. 122.19: Et li autri rispundianu: - Arburi bella et arburi santa, di lu sangui di Cristu tinta et depinta, lignu electu ad essiri lectu ubi Cristu volsi muriri; bilancia, iusta bilanza santa ubi Deu misi et pisau l'abundancia di lu so meritu cum la mancanza di lu nostru peccatu.

[6] S. Caterina, Epist., 1367-77 (sen.), [1376] lett. 73, pag. 301.19: Dirittamente l'anima allora diventa un giardino pieno di fiori odoriferi di santo desiderio; e nel mezzo v'Ŕ piantato l'albore della santissima croce, dove si riposa l'agnello immaculato, el quale diriga sangue, bagna e alaga questo glorioso giardino, e tiene in sÚ e' frutti maturi delle vere e reali virt¨.

4 Palo verticale innalzato sulla nave per sostenere le vele.

[1] Bono Giamboni, Orosio, a. 1292 (fior.), L. 4, cap. 20, pag. 254.23: E appressandosi alle riviere d'Africa, e comandato a uno nocchiere che salisse in su l'albero della nave per vedere se terra vedesse, e in quale contrada fossero, guardato assai disse che vedea uno sepolcro ruinato.

[2] Giordano da Pisa, Prediche, 1309 (pis.), 2, pag. 19.13: Dico che in prima la nave abbisogna di movimento. Unde acci˛ ke si muova Ŕ necessaria l'arbore, lo velo et lo vento, et allora si muove.

[3] Milione, XIV in. (tosc.), cap. 36, pag. 51.8: Le navi Ónno una vela, un timo[n]e, uno Óbore, una coverta; ma quando sono caricate, le cruopono di cuoie, e sopra questa coverta pongono i cavalli che menano in India.

[4] Doc. venez., 1311 (6), pag. 71.22: La qual galia sý de' esser tuta calchada et i(n)pegolada da novo e de' aver tuta sartia de arboro fornido segondo che se coven a galia armada et conventada ch'ela Ó bon artimon et J teršarol belo e novo et J bon canevašo et J canavo de corcoma et IJ canavi belli et novi ch'Ŕ stadi IJ fiade in aqua et J prodese belo et novo et J canavo veio et IJ boni resti novi et J prodese veio et IJ gripie longe nove et oltri gripiali che Ó logo et tuta oltra sartia che Ó besogno ala galia armada andando a velo et alboro et antena et IJ timoni et ancore V et coraše IIIJ et colari IIIJ, balestra J da pesarola cum li soi quareli et CCL fosadori et CC quareli usadi et CL lanšoni scodadi et X lanše longe et X lanše longe che Ó rampegoni inastadi et XIJ remi.

[5] Lio Mazor, 1312-14 (venez.), pag. 19.30: et cosý cum el me vite et el saý sula proda dela sua barcha et ferý-me de l'argudola sule spale III colpi sicum par; et stando mi en la mia barcha et traso-me l'albor šo et li remi, et plusor dele sue en la barcha mia; et šonšŔ-me l'albor sula testa sicum par...

[6] Jacopo della Lana, Inf., 1324-28 (bologn.), c. 31, 142-145, pag. 744, col. 2.3: che incontinenti torn˛ dritto nel pristino stato ... E come Ólbor. Exemplifica c'a tal modo se drizz˛ come fano gl'Ólburi in le nave.

[7] Simintendi, a. 1333 (tosc.), L. 11, vol. 3, pag. 27.3: lo navicatore volse dal lato gli pendenti remi, e allog˛ gli corni nell'alto Ólbore; e china le vele torte dall'albero, e riceve e venti che vengono.

[8] Bosone da Gubbio, Avv. Cic., a. 1333 (eugub.>fior.), L. 1, cap. 1, pag. 102.13: Li venti da pi¨ parti loro legni percuote; onde gran pezzi di loro e vele e alberi, e remi e armadure di quegli, gittava in mare.

[9] Giovanni Campulu, 1302/37 (mess.), L. 3, cap. 36, pag. 121.14: La tempestate era quasi mortale, ca pir la grande forza de li venti li chovj co li quali era chiavato lu lignu si schiavaro, le acque eranu grandissime, lu Órbure de lu lignu se speczau, le vile andaru a mare, e tuctu lu vaxellu de la nave, pir la grande tempestate de lu mare, si era statu scassatu tuctu e quasi ructu de la sua integritate.

[10] Ciampolo di Meo Ugurgieri, a. 1340 (sen.), L. 5, pag. 160.16: Poi Enea invita chi forse si volesse provare de la veloce saetta, e pone i premi; e con molta compagnia rizza l'arbore nella nave di Sergesto; e sospende dall'alto arbore una columba e una fune distesa, alla quale columba dirizzino il ferro.

[11] San Brendano tosc., XIV (ven.>tosc.), pag. 53.1: E sý mette nel mezzo della nave uno albero e l'antenna e tutte l'altre cose che faceva bisogno alla nave. E San Brandano comanda a' suoi frati che al nome del Padre e del Figliuolo e dello Spirito Santo debbano entrare in nave...

[12] San Brendano ven., XIV, pag. 150.22: E in quela fiada san Brandan dise a li suo' frari: "MetÚ li remi in nave e logÚ ben la vela e lo alboro e algun de vui vada a pope e tegna ben lo gropo de la pozia e toia uno cavo e meta a la colona".

5 Discendenza familiare.

[1] Jacopo della Lana, Par., 1324-28 (bologn.), c. 15, 88-96, pag. 346, col. 2.2: Qui responde messeri Cašaguida preditto a D.: 'oi fronda', šoŔ 'oi descendente de meo Ólboro'. Poscia mi disse, šoŔ che Adigheri fo so figliolo e fo besˇlo de Dante.

[2] Niccol˛ da Poggibonsi, p. 1345 (tosc.), cap. 99, vol. 1, pag. 219.6: Di verso oriente, sopra la grande porta, che non s'apre, sý Ŕ figurato, della detta opera, l'albero, come nasce dello lato d'Abraam. Nel primo ramo si Ŕ Isaac, nel secondo si Ŕ Iacob, e cosý l'altre ramora tutti i Profeti che profetezarono Ies¨ Cristo, tutti, ciascuno colla sua profezia in mano, come della detta generazione discese Cristo.

5.1 Schema ramificato. || Att. solo in Brunetto Latini, Rettorica, c. 1260-61 (fior.).

[1] Brunetto Latini, Rettorica, c. 1260-61 (fior.), pag. 43.9: Et perci˛ che le questioni fuoro tre, sý convenne che' savi filosofi partissero filosofia in tre scienzie, cioŔ Teorica, Pratica e Logica, sý come dimostra questo arbore...

[2] Brunetto Latini, Rettorica, c. 1260-61 (fior.), pag. 44.9: la terza insegna provare il detto dell'uno e dell'altro per argomenti frodosi o per infinte provanze, e questa Ŕ sofistica. Et questa divisione pare in questo arbore...

[3] Brunetto Latini, Rettorica, c. 1260-61 (fior.), pag. 44.14: La terza scienzia, cioŔ teorica, si Ŕ per dimostrare le nature di tutte cose che sono, le quali nature sono tre; e per˛ conviene che questa una scienza, cioŔ teorica, sia partita in tre scienzie, ci˛ sono Teologia, Fisica e Matematica, sý come dimostra questo arbore...

[u.r. 13.12.2017]