ALLEGĎRICE avv.

0.1 alegorice, allegorice, allegorige, allogorice.

0.2 Lat. allegorice.

0.3 Jacopo della Lana, Purg., 1324-28 (bologn.): 1.

0.4 In testi tosc.: Libro del difenditore della pace, 1363 (fior.).

In testi sett.: Jacopo della Lana, Purg., 1324-28 (bologn.).

0.7 1 Lo stesso che allegoricamente.

0.8 Veronica Orazi 19.02.2002.

1 Lo stesso che allegoricamente.

[1] Jacopo della Lana, Purg., 1324-28 (bologn.), c. 28, 103-120, pag. 601, col. 2.7: Nota come omne perfizione cussÝ ystorialmente parlando come alegorice pertegna a vitta activa, inperš˛ che lla contempiativa pi¨ su se spacia come aparerÓe.

[2] Libro del difenditore della pace, 1363 (fior.), diz. 2, cap. 4, par. 8, pag. 148.23: E giassia che veracie cosa sia che 'l vangnielo chiaramente contengha e dimostri il nostro proposito pi¨ che lle chiose de' santi, per˛ ch'elle sono della lettera quello noi diciamo come manifesto sopposando, o cchiunque se pi¨ tornarono al senno allogorice * o misticie *, quelle tuttavia noi l'avemo indotte a magiore confermagione del nostro proposito, e affine che ll'uomo non ci dicha che nnoi abbiamo follemente isposto la scrittura.

[u.r. 15.01.2018]