ALLEGREZZA s.f.

0.1 alagrecša, alagreše, alecrezza, alegraša, alegreca, alegreša, alegrecša, alegrešša, alegrecše, alegrece, alegreše, alegrecha, alegrecza, alegrecze, alegresa, alegressa, alegretza, alegrexa, alegreza, alegreze, alegrezza, alegrezze, alegricza, aleretza, aligriša, aligricza, aligriza, aligrizza, allegreša, allegrecca, allegrecša, allegrešša, allegrešše, allegrece, allegreše, allegrecza, allegress', allegressa, allegresse, allegrez', allegreza, allegreze, allegrezz', allegrezza, allegrezze, allegricza, allegriczia, allegriza, alligricci, alligrici, alligricia, alligricza, alligriza, alligrizi, alligrizza, elegreša, legreša, 'legreša, 'legreše, legreza, 'legreza, legreze, llegrezza.

0.2 Da allegro (LEI s.v. alacer, 1, 1428.28).

0.3 Uguccione da Lodi, Libro, XIII in. (crem.): 1.

0.4 In testi tosc. e toscanizzati: Giacomo da Lentini, c. 1230/50 (tosc.); Bonagiunta Orb. (ed. Contini), XIII m. (lucch.); Brunetto Latini, Rettorica, c. 1260-61 (fior.); Restoro d'Arezzo, 1282 (aret.); Lett. sen., 1283; Betto Mettefuoco, XIII sm. (pis.); Folgˇre, Mesi, c. 1309 (sang.); Simintendi, a. 1333 (prat.); Mazz. Bell., Storia (ed. Gorra), 1333 (pist.); Stat. cort., a. 1345; Lett. volt., 1348-53.

In testi sett.: Uguccione da Lodi, Libro, XIII in. (crem.); Guido Faba, Parl., c. 1243 (bologn.); Pamphilus volg., c. 1250 (venez.); Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.); Giacomino da Verona, Ierusalem, XIII sm. (ver.); Poes. an. padov., XIII sm.; Poes. an. bergam., XIII ex.; Poes. an. mant., XIII/XIV (2); Anonimo Genovese (ed. Cocito), a. 1311; Enselmino da Montebelluna, XIV pm. (trevis.); Atrovare del vivo e del morto, a. 1375 (emil.); Codice dei Servi, XIV sm. (ferr.).

In testi mediani e merid.: Poes. an. urbin., XIII; Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.); Buccio di Ranallo, S. Caterina, 1330 (aquil.); Armannino, Fiorita (12), p. 1325 (abruzz.); Annali e Cron. di Perugia, c. 1327-36 (perug.); Neri Moscoli, Rime, XIV pm. (castell.); Anonimo Rom., Cronica, XIV; Stat. cass., XIV;Destr. de Troya, XIV (napol.).

In testi sic.: Giovanni Campulu, 1302/37 (mess.); Simone da Lentini, 1358 (sirac.); Lett. catan. (?), 1370/79 (2).

0.5 Accanto ad allegrezza bisognerebbe anche considerare la forma allegrezze, con ‑ezze < ‑ITIES (cfr. Rohlfs, ž 1153 - che cita ess. rom., napol., pugl. e calabr. - e LEI 1, 1428.28). Sono tuttavia pochissimi i casi nel corpus in cui sia davvero possibile distinguere con certezza tra le due forme, e i soli esempi sicuri sono i tre seguenti: źPer la alegrezze de cosý escellente fatto╗, Anonimo Rom., Cronica, XIV, cap. 18, pag. 164.15; źMa non Ŕ nova cosa, signuri, che la finale allegreze sia occupata da lo tribuloso planto╗, Destr. de Troya, XIV (napol.), L. 30, pag. 255.20; źcon vulto alliegro lo recipio e con multa allegrece╗, Destr. de Troya (ms. Parigi), XIV (napol.), L. 33, pag. 295.5.

Locuz. e fras. avere allegrezza 8.1; dare allegrezza 8.2; donare allegrezza 8.2; fare allegrezza 8.3; mala allegrezza 7.1; menare allegrezza 8.4; montare in allegrezza 8.5; pigliare allegrezza 8.6; prendere allegrezza 8.6; rea allegrezza 7.1; stare in allegrezza 8.7.

0.7 1 Contentezza, gioia, letizia; espressione di tali sentimenti. 1.1 [In iterazione sinon. con gioia (e simili)]. 1.2 [In formule di saluto]. 1.3 [Prov.]. 2 [Come concetto astratto personificato:] una delle virt¨ morali. 3 Manifestazione pubblica di gioia; festa. 4 Stato civico di pace e benessere. 5 Impeto. 6 Ci˛ che arreca allegrezza. 7 Godimento sensuale. 7.1 Locuz. nom. Mala (rea) allegrezza. 8 Fras. 8.1 Fras. Avere allegrezza: essere allegro, rallegrarsi, godere. 8.2 Fras. Dare (donare) allegrezza a qno: renderlo allegro; dargli gioia (anche pron.). 8.3 Fras. Fare allegrezza: rallegrarsi, ringioire; festeggiare. 8.4 Fras. Menare allegrezza: rallegrarsi, ringioire. 8.5 Fras. Montare in allegrezza: rallegrarsi, ringioire. 8.6 Fras. Prendere (pigliare) allegrezza: rallegrarsi, ringioire. 8.7 Fras. Stare in allegrezza: rallegrarsi, ringioire.

0.8 Pńr Larson 17.05.2001.

1 Contentezza, gioia, letizia; espressione di tali sentimenti.

[1] Uguccione da Lodi, Libro, XIII in. (crem.), 577, pag. 620: Mestier m'Ŕ tegnir pase e grand omilitate / e far ben penetencia de le cosse mal fate, / qÚ ben se trova en la divinitate / qe sempre dÚ aver 'legreša e bonitate / quili ch'Ó permagnir per Deu en castitate / e qe sostignirÓ quili ch'Ó povertate.

[2] Patecchio, Splanamento, XIII pi.di. (crem.), 417, pag. 576: Mei Ŕ a l'om aver poco con 'legreša et amore / q'aver plena la casa con plaid e con romore.

[3] Guido Faba, Parl., c. 1243 (bologn.), 10 (38), pag. 238.16: supplichemo a cului da cui vene questo dono ch'el ne dia lo so aitorio i(n) questa pa(r)te, e gr(ati)a d(e) fare senpre le cose ch'a voi sciano a placere, scý che la vost(r)a alegreša no scia i(n) vano...

[4] Pamphilus volg., c. 1250 (venez.), [Venus], pag. 35.27: E quando tu te mostre a lei, tu te gi di' mostrar senpremai cum alegro volto, per quelo qe šascun omo Ŕ plui belo con legreša qe con gremeša.

[5] Bonagiunta Orb. (ed. Parducci), XIII m. (lucch.), son. 4.11, pag. 81: No se dev'omo troppo ralegrare / di gran grandeza nÚ tener ispene, / chÚ gli Ŕ gran doglia alegressa fallire.

[6] Brunetto Latini, Rettorica, c. 1260-61 (fior.), pag. 79.7: Et cosý in letizia de' 'l parlatore tenere la testa levata, il viso allegro e tutte sue parole e viste significhino allegrezza.

[7] Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.), De anima cum corpore, 528, pag. 76: Ben vi lo to conseio, ben vi la toa francheza, / Zamai no 'm manca a entrambi confort e alegreza.╗

[8] Lett. sen., 1283, pag. 63.17: e perci˛ la traete a fine, sichome noi vi divisiamo, al nome di Dio, e chon guadagno e con alegreza e de le persone e de l'avere, che Idio ci dia.

[9] Questioni filosofiche, p. 1298 (tosc. sud-or.), L. I, pt. 3, cap. 3, pag. 46.5: Ci˛ Ŕ ke dice s(an)c(t)o Iob: źIn t[ant]o tu serai ripieno tutto d'allegrešša (et) de delitie sopra l'onnipotente Dio╗.

[10] Poes. an. urbin., XIII, 16.35, pag. 575: De la vostra allegreša n'allegramo / e nne dolemo de nostra sagura, / e cke de nui suvengnave pensamo, / ka ssimo toi filloli e nnutritura...

[11] Rinuccino, Rime, XIII sm. (fior.), 5.12, pag. 49: Dolce potenza Ŕ quella de l'amore / e ric[c]a gioia che spande tra gli amanti, / che mette 'n ubr´anza tanto affanno, / ca pi¨ sormonta in alegrezza un core / uno piacer d'amor, che non fan manti / afanni l'om disavanzare in danno.

[12] Panuccio del Bagno, XIII sm. (pis.), 9.3, pag. 61: La doloroza e mia grave dogl[i]ensa / conven ch'eo dica 'n canto, / com'altri lo piacere e l'allegressa, / distringendomi a cci˛ la mia vogl[i]ensa, / avegna me sia pianto.

[13] Poes. an. padov., XIII sm., 4, pag. 806: źResponder voi' a dona Frixa, / ke me co[n]seja en la soa guisa / e dis k'eo lasse ogna grameša, / veandome senša alegreša, / kÚ me' mario se n'Ŕ andao, / ke 'l me' cor cun lui Ó portao.

[14] Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.), 7.37, pag. 23: Da puoi che Ŕsse caduta, conscienzia Ŕ mordace: / l'acqua, lo vento posa, de stimolar non tace! / Lo cor perde la pace e perde l'alegreza / e venglie tal tristezza, non se p˛ reverire.

[15] Conti di antichi cavalieri, XIII u.q. (aret.), 1, pag. 58.29: E sempre quando Etor tornava da la batallia, non remanea en Troia nÚ donna nÚ donzella nÚ cavaliere che non traesse a vedere lui, e li pi¨, de l'alegrezza de lui vedere e de l'amore ch'a lui aveano, piangeano...

[16] Legg. S. Margherita, XIII ex. (piac.>ver.), 1060, pag. 61: Or descend li agnoli de Cristo / Sovra sto corpo beneecto / E ll'anema de Margarita / Sý la tolo cun gran legreša, / Cum gran canti la porta en cel / En paradis davanto De'.

[17] Folgˇre, Semana, c. 1309 (sang.), 21.1, pag. 380: E 'l sabato diletto ed allegrezza / en uccellar e volar di falconi, / e percuotere grue, ed alghironi / iscendere e salire 'n grand'altezza...

[18] Poes. an. mant., XIII/XIV (2), 27, pag. 787: Ben aša l'ora [e] lo ponto / qua[n]d e' l'avisÓ' [pri]mamenti; / per grant alegreša me 'l conto, / vedir la bela avinent...

[19] Preghiera alla Vergine, XIV in. (ver.), 162, pag. 91: / per quella glorios Vergen benegna, / la quala en lo so corpo e hom e De / sý te portÓ, oi dolšo Segnor me, / e lla toa boca santa beneeta / spese fiae basa cun gran legreša...

[20] Anonimo Genovese (ed. Cocito), a. 1311, 12.123, pag. 129: el Ŕ pur tar como tu v˛i / e per certo savei dei / ch'Ŕ sovran de i atri rei; / ŕ lo so regno nixum mor / ni g'Ŕ infirmitÓ ni dor: / semper alegreza e sanitae / senza alcuna povertae╗.

[21] Armannino, Fiorita (13), p. 1325 (abruzz.), pag. 20.12: a reguardar incomenzau unde la sagecta venuta fosse; a la fonesta vede star Lavina, allora ben se accorse donde venia la sagecta et in plu modi soa alegrecza cresce vedendo colley tanto conta et bella...

[22] G. N. da Polenta, Rime, a. 1330 (ravenn.>ven.), 9.2, pag. 218: Novella zoia 'l core / me move d'alegreza / per la summa dolcezza / che tuttor sento per grazia d'Amore.

[23] Simintendi, a. 1333 (prat.), L. 4, vol. 1, pag. 186.3: Lo grido con l'allegrezza riempiero gli liti, e le case di sopra degl'iddiei.

[24] Mazz. Bell., Storia (ed. Gorra), 1333 (pist.), pag. 450.34: quando Pari li suoi aspetti degli ochi molto con allegrezza mira e punge verso Elena, sempre si ritrovava gli aspetti di Elena cogli suo mescolare.

[25] Giovanni Campulu, 1302/37 (mess.), L. 3, cap. 14, pag. 93.19: źDunde venýa alcuni fiati tanta allegricza a kistu patre sanctu? venýali, ki illu pir volla sua se lassava tantu sfrenare a tanta allegricza? voy li intravenia, ki pir le multe virtuti ki eranu in ipsu, lu animu soy quasi insfurczatu era in tanta allegricza?╗

[26] Enselmino da Montebelluna, XIV pm. (trevis.), 571, pag. 38: Senza de lui mai non aver˛ paze, / nŔ vita, nŔ chonforto, nŔ alegreza: / questo Ŕ 'l dolor che par che 'l chuor me straze.

[27] Neri Moscoli, Rime, XIV pm. (castell.), 34.2, pag. 579: Cosý come nel cor ligiadro, adorno, / pien d'alegrezza giÓ se stava Amore, / tenendo sempre en la man destra el fiore, / nel qual bellezza cressea ciascun giorno...

[28] Cecco Nuccoli (ed. Marti), XIV pm. (perug.), tenz. 11, 2.9, pag. 791: Ed hammi d'allegrezza sý 'l cor raso, / ch'ira e melenconia i' porto in gozzo / quand'io non veggio el monte de Parnaso.

[29] Buccio di Ranallo, Cronaca, c. 1362 (aquil.), DCLXXXI, pag. 156: Ser Lalle era nell'oste; all'ora della nona / Venne novella in Aquila che era presa Selmona; / Lo conte, de alegrecza, la gran campana sona: / In quillo punto ruppese; era stata sý bona!

[30] Maramauro, Exp. Inf., 1369-73 (napol.>pad.-ven.), cap. 26, pag. 400.28: Dice Ulixe che se allegraron de questa terra, la qual era nova a loro, non mai viduta; ma la alegreza dura poco, per˛ che 'negaron, como dice el testo.

[31] Atrovare del vivo e del morto, a. 1375 (emil.), III, st. 6.3, pag. 164: Lo quinto nome Ge[e]na se chiama / per solfaro e fogo chi Ŕ lÓ dentro, / perchÚ ogne alegreza lÓ se brama, / de tute li bene g'Ŕ mancamento...

[32] Anonimo Rom., Cronica, XIV, cap. 27, pag. 246.26: Pareva che per la letizia tutta Roma se operissi. Granne Ŕne la alegrezza e llo favore dello puopolo.

[33] Stat. cass., XIV, pag. 108.23: "con alegricza de lu Sp(irit)u S(an)c(t)o" offera a Dyo, czoŔ levare del corpo suo de lu manducare, de lu bev(er)e, de lu dormire, de lu favellare, de lu iocare, de lu ridere et con s(an)c(t)u desideriu (et) alegricza aspecta la s(an)c(t)a Pascha.

[34] Sam Gregorio in vorgÓ , XIV sm. (lig.), L. 1, cap. 12, pag. 106.12: La quar cossa vegando li parenti e la gente chi stavam d'untorno, maraveglandose comenšÓ a piancer per grande alegreša como inprima pianšeam per dolor.

1.1 [In iterazione sinon. con gioia (e simili)].

[1] Bonagiunta Orb. (ed. Contini), XIII m. (lucch.), son. 6.4, pag. 271: Tutto lo mondo si mantien per fiore: / se fior non fosse, frutto non seria; / [e] per lo fiore si mantene amore, / gioie e alegrezze, ch'Ŕ gran signoria.

[2] Contempl. morte, 1265 (crem.>sen.), 489, pag. 88: Le grosse chanove del vin<o> / E le gualchiere et li molin<i> / E 'l gioco e ll<i> riso et ll'alegreša / Ched Ŕ <ris>tornata in gran grameša?

[3] <Egidio Romano volg., 1288 (sen.)>, L. 1, pt. 3, cap. 8, pag. 101.10: dice un savio che 'l lussurioso si diletta nella lussuria, e 'l casto nella castitÓ; e perci˛ quelli che dice che l'uomo die fuggire ogne diletto, non dice veritÓ, chÚ l'uomo non pu˛ vÝvare senza alcuna gioia od allegrezza.

[4] Chiaro Davanzati, XIII sm. (fior.), canz. 30.21, pag. 111: Di morte no spavento, / chÚ morire in tormento / Ŕ allegrezzae gioia, / secondo ch'Ŕ gran noia / a quell'uomo morire / ch'ha stato di gioire.

[5] Panuccio del Bagno, XIII sm. (pis.), 9.84, pag. 65: S'umeltÓ con fermessa / nel suo scendesse disdegnozo core, / ogni pianto e dolore / di me mi parrea gioia ed allegressa.

[6] Folgˇre, Mesi, c. 1309 (sang.), 3.11, pag. 407: e la sera tornar co' vostri fanti / carcati della molta salvaggina, / avendo gioia ed allegrezza e canti; / far trar del vino e fummar la cucina, / e fin al primo sonno star razzanti; / e poi posar infino alla mattina.

[7] Dante, Commedia, a. 1321, Par. 27.7, vol. 3, pag. 443: Oh gioia! oh ineffabile allegrezza! / oh vita intŔgra d'amore e di pace! / oh sanza brama sicura ricchezza!

[8] Fr. Grioni, Santo Stady, a. 1321 (venez.), 3628, pag. 144: Grande fo la šoia e ll'alegreša, / Como ve digo per certeša, / Che tuta l'oste ingualmente / Faxea festa per lo baron posente...

[9] Stat. cort., a. 1345, cap. 12, pag. 136.17: E sia rescripto ello libro nostro per nostro fratello, e sia recolto da la nostra conpagnia con grande gaudio e alegreša.

[10] Jacopo Passavanti, Tratt. sogni, c. 1355 (fior.), pag. 343.29: quello riso sognato, [[...]] interpetrandolo per simile, direbbono che il ridere significa letizia e gioia con allegrezza, del quale sarebbe cagione il lodare e il lusingare altrui, significato per lo solleticare.

[11] Simone da Lentini, 1358 (sirac.), cap. 9, pag. 36.3: appiru loru consiglu et mandaru missagi a li Normandi, dimandandu pachi; di ki offersiru la terra di Rametta, et cum grandi gauyu et alligricza foru rechiputi intru la terra et secundu la loru legi iuraru fidelitati et fichiru fidi et humaiu.

[12] Enrico Dandolo, Cron. Venexia, 1360-62 (venez.), pag. 293.4: Stadi per pi¨ giorni in Costantinopoli, messer lo duxe et baroni et tucti li altri deli exerciti, cum grande goglia et alegreša, de l'aver trovado, digo de moneda, fo conpartido drectamente per tucti quelli.

[13] Laud. Battuti Modena, a. 1377 (emil.), 56.12, pag. 132: Lý no se trova ma' pianto ni grameša, / so no conforto, šoia, canti et alegreša.

[14] Lett. catan. (?), 1370/79 (2), pag. 159.2: Hecu ki eu appr[isi] nova di la vostra venerabili paternitati pir frati Thomasi, lu quali si fu a lu venerabili monasteriu, pir la quali cosa eu sý fui repletu di grandisima aligriša et gaudiu...

[15] Dondi dall'Orologio, Rime, XIV (padov.), 22.13, pag. 53: Ognonque modo de servir si provi, / godendo ognor in giocho et alegreza / non disonesta, ma che ad ambi giovi.

1.2 [In formule di saluto]. || Cfr. allegro 4.

[1] Sommetta, 1284-87 (fior.), pag. 197.2: Et se vi fusse parentešša, si la puote huomo contare e dicalo lÓ ov'Ŕ amico vel domino P. salutem et alegrešša con honore; vel salutem in prosperitÓ et allegrešša abondare...

[2] Guittone (?), Epistola bella, a. 1294 (tosc.), pag. 459.4: Discreto e savio ...., ...., per salute, allegreza perpetuale senza difetto vi manda, che agiate senpre.

[3] Matteo dei Libri, XIII sm. (bologn.), 30, pag. 93.1: E certe noi lo facemo letamente e de multo [bon] core fare devemo questo salute; e prego Deo nostro signore ke salute et alegreša dia a voi et a chi de voi Ŕnne e ben e bona ventura mo' e sempre sý como voi meglo amati e voliti.

[4] Giovanni da Vignano, XIII/XIV (bologn.>ven.), cap. 42, pag. 282.6: e pregamo quelo ch'Ŕ veraxe salue e tuto benne che saluti et alegreša e bem dia a quili chi v'an mandato qui et a vuy.

[5] Dicerie volgari, XIV pm. (bologn.), cap. 5, pag. 328.10: Li [sic] primo si Ŕ ch'eo ve dibia salutare da parte del comuno e deli homeni de Florenza, e per tuto ch'io non sia degno, sý ne pregho chi ve dia quelle salu [sic] e quelle alegrece, le quali vui siati sempre amadori e defenditori de quilli chi Ŕnno quello che siti vui.

[6] Apollonio di Tiro, XIV m. (tosc.-venez.), incipit, pag. 4.40: veššando queste chose, disse a uno gharšon: se Dio ti dia sanitade et allegrešša, dimmi overo manifestami quale Ŕ la chagion che questa šittade dimora in planto, et in gramešša.

[7] Giovanni Colombini, a. 1367 (sen.), 84, pag. 205.5: Carissimo padre in Jes¨ Cristo, Il vostro figliuolo e servo per Jes¨ Cristo vi si raccomanda con desiderio della salute vostra e dell'allegrezza e gioconditÓ dell'anima vostra.

1.3 [Prov.].

[1] Andrea da Grosseto (ed. Selmi), 1268 (tosc.), L. 2, cap. 48, pag. 152.10: Unde dice Salamon ne' Proverbi: color che consentono a' consigli de la pacie, seguitano allegrezza. || Cfr. Pr 12, 20: źqui autem ineunt pacis consilia sequitur eos gaudium╗.

[2] Bart. da San Concordio, 1302/08 (pis.>fior.), dist. 23, cap. 1, par. 10, pag. 367.1: Salamone, ne' proverbj. Allegrezza Ŕ al giusto fare la giustizia. || Cfr. Pr 21, 15: źGaudium iusto est facere iudicium et pavor operantibus iniquitatem╗.

[3] Matteo Villani, Cronica, 1348-63 (fior.), L. 4, cap. 44, vol. 1, pag. 538.18: fu con somma letizia consumata la prima giornata, verificandosi l'antico proverbio, che dice: źli stremi dell'allegrezza occupa il pianto╗...

2 [Come concetto astratto personificato:] una delle virt¨ morali.

[1] <Egidio Romano volg., 1288 (sen.)>, L. 1, pt. 2, cap. 30, pag. 80.11: elli conviene che noi aviamo una virt¨, la quale cessi il poco e 'l troppo e faccia l'uomo avvenevolmente giocare e sollazzare, e cotale virt¨ Ŕ chiamata, secondo il latino, allegrezza, ed in francesco jolivetÚ, ed Ŕ pi¨ principalmente in ci˛ che l'uomo non segua troppo e' sollazzi nÚ i giochi, ch'ella non Ŕ in ci˛ che l'uomo gli seguisca poco...

[2] Folgˇre, Semana, c. 1309 (sang.), 27.1, pag. 386: Giugne Allegrezza con letizia e festa, / tutta fiorita che pare un rosaio; / di lin, di seta, di drappo e di vaio / allor li porta bellissima vesta, / vetta, cappuccio con ghirlanda 'n testa, / e sý adorno l'ha che pare un maio...

[3] Paolino Minorita, 1313/15 (venez.), cap. 15, pag. 18.9: La terša mainera Ŕ quanto a šogi e solaši, e quanto a š˛ dreša l'omo una vertude, la qual nui podemo apelar alegreša, la quale Ó .IJ.. extremitade viciose: la una Ŕ šugolaria, l'altra se po appelar salvadegheša et aserbeša.

[4] Fr. da Barberino, Regg., 1318-20 (tosc.), pt. 6, cap. 4.30, pag. 211: Lassa di fuor duo suo cameriere, / CioŔ la Gioia e anco l'alegrezza, / E a llor comanda, che, se vegon tempo, / Vadano dentro, e dimorin con lei...

[5] Ant. da Tempo, Rime (ed. Grion), 1332 (tosc.-padov.), 38.39, pag. 131: I' son Speranza con questa brigata / Per cui la mia persona vien guardata: / Modestia, Penitenzia, ed Allegrezza / Senza alcuna gramezza / E Pazienzia col contemplativo, / E Longanimitate in viso vivo.

[6] Jacopo Passavanti, Tratt. superb., c. 1355 (fior.), cap. 2, pag. 191.9: Beni naturali sono o nel corpo o nell'anima, o comune all'uno e all'altro. Nel corpo, sý com'Ŕ sanitÓ, fortezza, allegrezza, bellezza, nobilitÓ, libertÓ, essere destro e accorto, bene costumato, giocondo, bello parlatore, avvenente, bene complessionato, piacente, orrevole, appariscente e adorno.

[7] Ristoro Canigiani, 1363 (fior.), cap. 8.5, pag. 29: Una virt¨ quasi a ognun comune, / Dolce e soave e piena di diletto, / Che rende lume a tutte cose brune, / Si truova e vien d'un amoroso effetto; / Ed Ŕ chiamata nel mondo allegrezza, / E dŕssi usar con modo e con cor netto.

[8] Chiose falso Boccaccio, Inf., 1375 (fior.), c. 7, pag. 57.15: ciaschuno di queste due gienerazioni Ŕ da spergiere, ma pi¨ l'avaro che 'l prodigho. La prima ragione Ŕ che 'l prodigho s'achosta pi¨ alla virt¨ della allegrešša overo larghezza, che non fa l'avaro che al tutto se ne schosta.

[9] Matazone, XIV sm. (lomb.), 195, pag. 798: Alora sý fo nate / sex polzele ordenate: / Zoya e Alegreza, / Prodez[a] [e] Largheza, / Beleza e Ardire...

[10] Gid. da Sommacamp., Tratt., XIV sm. (ver.), cap. 3, par. 14, comp. 43.115, pag. 125: Dietro a tal guida vegnivanno adesso / Modestia, Componcione et Allegrešša; / apresso ancora vegnia Pacienša / e dietro a sua semenša / Contemplacione vegnia per l'altešša...

3 Manifestazione pubblica di gioia; festa. || Spesso in iterazione sinon. con festa.

[1] Bono Giamboni, Orosio, a. 1292 (fior.), L. 5, cap. 19, pag. 330.18: Mario recando ne' conviti le capita degli uomeni morti, ponendole nel Capitolio e ne' palesi luoghi della cittade alla mostra a vedere, e a' iuochi, e lÓ dove facieno alcuna festa, o allegrezza...

[2] Giacomino da Verona, Ierusalem, XIII sm. (ver.), 149, pag. 633: Lý fa tante alegreše queste šente b´ae / de canti e de favele, le quale e' v'˛ cuitae, / k'el par ke tuto 'l celo e l'aere e le contrae / sia plene de strumenti cun vox melod´ae.

[3] Stat. sen., 1309-10 (Gangalandi), dist. 1, cap. 56, vol. 1, pag. 85.5: Anco, statuimo et ordiniamo che si faccia festa et allegreza ne la festa del beato Ambruogio de la cittÓ di Siena, d'uno palio di valuta di XXV libre di denari.

[4] Gl Jacopo della Lana, Par., 1324-28 (bologn.), c. 30, 97-108, pag. 676, col. 2.3: Trionfo, šoŔ alegreša magnifica. Del regno, šoŔ del paradiso.

[5] Mazz. Bell., Storia (ed. Gorra), 1333 (pist.), pag. 456.27: Pervenendo loro alle porte della cittÓ, ove grandissima moltitudine di popolo era venuto celebrando grande allegrezza e grandi giuochi con ogni generazione di stormenti...

[6] Annali e Cron. di Perugia, c. 1327-36 (perug.), pag. 226.12: Peroscia gle don˛ fior[ini] CC d'oro; del quagle fiorine se ne conpararo doie belgle cavalgle e una molto bella coppa, e l'avanšo che rest˛ fuoro messe entro lla coppa. Fecie meser l'ovescovo grande fessta e grande alegreša.

[7] Valerio Massimo, prima red., a. 1338 (fior.), L. 2, cap. 1, pag. 125.3: Fatto il sacrificio e tagliate le capre, con allegreza di vivande e con abondanza di vino sommossi, divisa la turba de' pastori andarono incontro a coloro che veniano, cinti colle pelli delle bestie del sacrificio, sollazzando.

[8] Ciampolo di Meo Ugurgieri, a. 1340 (sen.), L. 7, pag. 243.1: Allora le madri di coloro, per lo cui amore ismisurato sý come ebbre si so deste, fanno grande festa e allegrezza ballando per le selve, perci˛ che non si parlava lieve il nome d'Amata...

[9] Stat. perug., 1342, I.60.25, vol. 1, pag. 241.28: Ancora volemo che en tucte le feste solenne ŕlla mane ŕlla piaša ei tronbadore deggano sonare le tronbe e fare solennetade e alegreša agl'uomene, so' pena per fiada ciascuna per ciascuno de loro de vinte solde de denare.

[10] Apollonio di Tiro, XIV m. (tosc.-venez.), incipit, pag. 14.33: Lo quale dý delle nošše siando vengnudo, fuorono fatti grandissimi convidi et allegrešša, et daspu˛ Appollonio andoe a dormire con la figlia del Re, soa muier.

[11] Buccio di Ranallo, Cronaca, c. 1362 (aquil.), XLVI, pag. 11: Ottenuta la victoria, re Carlo adsay contento / Ch'aveva vinto lo regame per sou gran ardimento, / Per festa et alegrecza sonava omne stromento; / Poy tucti li racolse per fare departemento.

[12] Anonimo Rom., Cronica, XIV, cap. 18, pag. 204.31: Fatta cotale sconfitta, era ora tarda, calava lo sole. Aniballo vittorioso staieva forte alegro. Li principi dell'oste soa li fecero intorno rota e facevanolli festa e alegrezza dello triomfo che avea in tale dýe.

[13] Destr. de Troya, XIV (napol.), L. 7, pag. 106.21: Paris sposao sollempnemente Helena inde lo tiemplo de la Dea Pallas per soa verace muglyere, secundo che era la lloro costumanza, per che tutta Troya fecende grande allegreze et assemblaglye riale in saltare e sonare. E vacaro li Troyani a cutali solazi e iuochi octo iuorni continuy, che non fo facto altro se no la sollempnetate de quella festa.

4 Stato civico di pace e benessere.

[1] Fatti di Cesare, XIII ex. (sen.), Sal. L. 1, cap. 2, pag. 3.9: Lo loro primo nome si fu defensori, perci˛ che aitavano lo minuto popolo, et erano inchieditori de' dritti e de' torti. Questi adunavano consegli, et ordinavano li giuochi e le caccie a tempo d'allegrezza, e facevano acconciare le magioni comuni, el Campidoglio e' templi.

[2] Giordano da Pisa, Prediche, 1309 (pis.), 25, pag. 199.25: altro grande danno et tu ne ridessi, non ne saresti tu tenuto stolto? Certo sý, per˛ che nne dovresti piangere et avere dolore, per˛ che quello Ŕ luogo di dolore non di gaudio; et cosý per contrario in tempo d'allegrešša non ti dÚi dolere.

[3] Arte Am. Ovid. (B), a. 1313 (fior.), L. I, pag. 241.5: Quando Troia era in tristizia, allora fu difesa con arme, e quando fu in allegrezza, ricevette il cavallo pieno di cavalieri.

5 Impeto.

[1] Bono Giamboni, Vegezio, a. 1292 (fior.), L. 1, cap. 12, pag. 19.25: Di doppio peso il detto scudo, e mazza si dava, acciocchŔ quando il cavaliere pigliasse le veraci, e le pi¨ leggiere armi siccome liberato di pi¨ grave peso, pi¨ sicuramente combattesse, e con maggiore allegrezza.

[2] Novellino, XIII u.v. (fior.), 64, pag. 271.16: źMesser cotale si Ŕ prodissimo d'arme; farae bene quel giorno del torneamento e scalderassi d'allegrezza. I cavalieri si vanteranno, et elli non si potrae tenere che non si vanti di sua dama╗.

[3] Armannino, Fiorita (12), p. 1325 (abruzz.), pag. 545.10: per questa casgione el dicto Herrigo se leg˛ con Curradino contra Carlo predicto. E per˛ se partirono insiemi de Roma e verso Pulglia caminando con alegrešša ad XXIIJ d'agosto pervennero a lato el fiume che passa per lo tereno del Conte paladino...

6 Ci˛ che arreca allegrezza.

[1] Giacomo da Lentini, c. 1230/50 (tosc.), 13.30, pag. 177: Sovente mi doglio e adiro, / fuggir mi fanno allegrezze; / tuttavia raguardo e miro / le suoe adornate fattezze, / lo bel viso e l'ornamento / e lo dolze parlamento, / occhi, ahi, vaghi e bronde trezze.

[2] Pamphilus volg., c. 1250 (venez.), [La Vecchia], pag. 77.15: Ora fai lo comandamento de madona Venus, da qe tu ei so cavalero, šoŔ soa donšela, aš˛ qe la toa faýga e la toa tenšone sea a ti senša dano. E comenšando a tenir lo male tu perde le alegreše dela vita, e tu e le toi note e li toi dý sý perman en erore.

[3] Fiori di filosafi, 1271/75 (fior.), pag. 120.8: A sÚ medesimo niega il servigio quelli ch'adomanda cosa ch'Ŕ malagevole a donare. Il male altrui nol ti fare allegrezza.

[4] Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.), De scriptura rubra, 277, pag. 143: Oi De, f´ol dulcissimo, oi mia grand alegreza, / Vita de l'arma mia, solaz e alegreza, / Lassa ke moira tego, ke viv in grand tristeza...

[5] Restoro d'Arezzo, 1282 (aret.), L. I, cap. 18, pag. 28.10: ponono li savi che entra tutte le sue [[di Venere]] significazioni significhi propriamente le donne, e tutte le belezze e tutti li adornamenti, come so' le gioie e li adornamenti e li solazi e li giochi e tutte l'alegrece e li canti d'amore...

[6] Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.), 7.42, pag. 24: si vede gente 'nsemora, pensa de lei pispigli; / si glie vol dar consigli, non par che ci aian loco; / perdut'ha riso e ioco e onne alegreza avire.

[7] Novellino, XIII u.v. (fior.), 64, pag. 271.22: Nel riposare, la sera, e ' cavalieri si cominciaro a vantare, in sull'allegrezze loro, chi di bella giostra, chi di bello castello, chi di bello astore, chi di ricca ventura; e 'l cavaliere non si poteo tenere che non si vantasse ch'amava sý bella donna.

[8] Poes. an. bergam., XIII ex., 60, pag. 68: Poc Ó la mader flad e vos; / iĚl'or del besber fo-l devos / et a completa fo-l apos / iĚl moniment. / Al teršo dý fi-l sustament / e coy discipoy parlament, / fi-l de so corp demostrament: / quarta legreza!

[9] Legg. S. Caterina ver., XIV in., 662, pag. 279: Habiando dunca nui cotal promes´one, / sý glor´osa consa com'Ŕ salvat´one, / dunca per la qual consa a ti sý fašo prego / ke no abandonare le alegreše del celo / per quelle de sto segolo ke sun d'enganamento; / quando el va a la fin sý dan pene e tremento.╗

[10] Anonimo Genovese (ed. Cocito), a. 1311, 141.17, pag. 588: Tute le cose, alegreze / mojer, fijor e gran richeze, / son de gran solizitudem / e de spese amaritudem.

[11] Valerio Massimo, Libro II volg. B, a. 1326 (fior.), par. 116, gl. f, pag. 67.31: Triunfo Ŕ nome greco che viene a dire 'triplicato suono', imperci˛ che 'l triunfatore riceveva tre allegreze: la prima si era che tutto 'l popolo di Roma gli usciva incontro con grande letizia, la seconda che tutti li pregioni ch'elli menava andavano dinanzi al suo carro con le mani legate dopo le reni, la terza...

[12] Buccio di Ranallo, S. Caterina, 1330 (aquil.), 1187, pag. 389, col. 1: ma como regina / te tener˛, Catarina, / bella, adorna, parata, / multu glorificata; / et tu triumpharai, / omne alegreze averai.'

[13] Stat. moden., 1335, cap. 12, pag. 377.24: e dibia dire dodexe Patri nostri e dodexe Ave Marie a l'onore di Dio e de la verzene Maria ugni die in remissione di soy pecae, šoŔ cinque per le cinque piaghe de Cristo e sette per le VIJ alegrece de la veršene Maria ch'ela ave del soe fiolo.

[14] Cavalca, Specchio de' peccati, c. 1340 (pis.), cap. 7, pag. 53.22: Onde non mi ardisco leggermente di diffinire quando, e come in queste vane allegrezze del mondo sia, o stia lo peccato mortale.

[15] Sposiz. Pass. s. Matteo, 1373 (sic.), cap. 21, par. 7, vol. 2, pag. 87.27: mater tua. - Giraussi a lu disscipulu amatu, et fichilu tuturi di la vidua, di l'orphana, di la orbata, di la matri Maria, la quali perdia so figlu, patri et signuri, figlu et cunsiglu; et tali figlu, giglu di paradisu, aligricza di li angeli, dulcicza di li beati.

[16] Atrovare del vivo e del morto, a. 1375 (emil.), I, st. 23.3, pag. 151: Tu sa', compagno, che tri fioli aveva, / per lore gran mercada[n]die faceva, / ed era lý tucta la mia alegreša, / per loro vegnisene in grande alteša...

[17] Anonimo Rom., Cronica, XIV, cap. 9, pag. 47.13: Incresceme de contare tante tristezze. Le donne pusero ioso delle alegrezze e lle cegnimenta e lle adornamenta, vedenno la fame la quale sý terribilmente bussava.

7 Godimento sensuale.

[1] Rim. Am. Ovid. (B), a. 1313 (fior.), pag. 388.10: źQui fu, qui giaque; noi dormimo qui in quello letto e in quella camera; qui mi diede ella la notte lascive allegrezze╗.

[2] Ceffi, Epistole eroiche, 1320/30 (fior.), ep. Laudomia, pag. 126.1: La notte si Ŕ graziosa alle giovani donne, alle quali le braccia dell'amoroso marito stanno sotto il collo; ma io piglio nel casto letto bugiardi sogni: le false allegrezze mi dilettano in luogo delle vere.

[3] Simintendi, a. 1333 (prat.), Suppl. L. 4, vol. 4, pag. 4.10: e siccome l'ellera suole legare gli lunghi pedali; e sý come lo pesce polipo tiene lo preso nemico sotto l'acque, lasciati i tormenti da ogne parte. Ermofrodito sta fermo, e nega alla ninfa le sperate allegrezze.

[4] Cavalca, Specchio de' peccati, c. 1340 (pis.), cap. 7, pag. 54.4: Lo mondo goderÓ, ma voi vi contristerete. Per la quale parola pare che voglia dare ad intendere che li suoi amici non deono godere di cosa d'allegrezza mondana, e carnale.

[5] Rim. Am. Ovid. (A), XIV pm. (pis.), pag. 166.14: E molte volte nocciono li luoghi: fuggite li luoghi sapevoli del vostro concubito, ch'elli hanno cagion di dolore. źQui fu, qui giacque, in questo letto dormimmo, qui mi diŔ di notte lascive allegrezze.╗

[6] Arte Am. Ovid. (D), XIV pm. (ven.), L. III, pag. 550.21: Quella che domanda don al'amante drio l'alegreše de Venus, quella non voia li so' prieghi aver peso.

7.1 Locuz. nom. Mala (rea) allegrezza. || Calco sul lat. mala gaudia.

[1] Andrea da Grosseto (ed. Selmi), 1268 (tosc.), L. 4, cap. 4., pag. 297.15: Se tu vuo' guardare la buona fama, schifa le delettanze. Onde disse Cato: se tu vuoli serbare la fama onestamente [fin] che tu vivi, fa' che tu cacci dall'animo le male allegrezze de la vita. || Cfr. Albertano di Brescia, De amore et dilectione Dei, lib. 3, cap. 3: źEt si vis servare bonam famam, fuge voluptates et libidines. Unde Cato dixit, "Si famam servare cupis, dum vivis, honestam, Fac fugias animo, que sunt mala gaudia vite"╗.

[2] Disticha Catonis venez., XIII, L. 4, dist. 17, pag. 77.15: Se tu desire ad oservar honesta nomenanša, en fin qe tu vive, fai, ke tu fuše cu(n) plena volo(n)tÓ quele cause, le qual Ŕ malvasie legrece de la vita.

[3] Lancia, Eneide volg., 1316 (fior.), L. 6, pag. 299.27: e la dolcezza del riposo parente della morte, e la mala allegrezza della vita, e la mortale battaglia sono in su l'attraversato limitare... || Cfr. Aen. VI, 279: źconsanguineus Leti Sopor et mala mentis / Gaudia╗.

[4] Pistole di Seneca, a. 1325? (fior.), 59, pag. 130.26: E per˛, quando Vergilio disse: rea allegrezza d'animo, egli parl˛ sottilmente, ma non propiamente, perocchŔ neuna allegrezza Ŕ rea. Ma e' volle dare questo nome a' diletti, per significare, che la gente alcuna volta s'allegra del su' male.

[5] Angelo di Capua, 1316/37 (mess.), L. 6, pag. 107.16: Illocu eciamdeu habitanu li formi terribili a vidiri; illocu habita la morti et tucti travagli, et la dulchiza di lu riposu <esti> parenti di la morti; illocu habitanu li mali alligrizi di la vita et la mortali bactagla et [di] li figloli di Eumenides sublimi li lecti di ferru...

8 Fras.

8.1 Fras. Avere allegrezza: essere allegro, rallegrarsi, godere.

[1] Patecchio, Splanamento, XIII pi.di. (crem.), 236, pag. 569: Aver mato fiolo non Ŕ mai tal gremeša: / cui Deu 'l dÓ pro' e savio, sý n'Ó grand alegreša.

[2] Guido Faba, Parl., c. 1243 (bologn.), 9 (34), pag. 237.20: Ma p(er) quello ch'ell'Ŕ usanša che quelle cose che l'omo d(e)sidra essere Ó paura e dubita che nu scia, [eo non] ne p(os)so avere ce(r)ta alegreša se d(e) quella cosa p(er) voi no habo certeša.

[3] Brunetto Latini, Rettorica, c. 1260-61 (fior.), pag. 65.15: Uno uomo avea fermato nel suo cuore di menare dolorosa vita per la morte d'una persona cui elli amava sopra tutte cose. Ma un savio lo consolava, tanto che propone d'avere allegrezza, la quale non era ancora pervenuta all'anima.

[4] Questioni filosofiche, p. 1298 (tosc. sud-or.), L. IV, pt. 3, cap. 18, pag. 110.1: In lo xviij.o cap(itol)o s'adimanda per qual natura l'alegrešša Ŕ casgione de pianto, cioŔ ke quando l'uomo Óne una grande alegrešša, come del filgliuolo o del fratello ke longo tempo non l'Ó veduto, ke quando el vede si piange...

[5] Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.), 22.70, pag. 78: źCompar, non te dolire, ca 'l mal se dÚ' punire: / commise lo peccato, ben Ŕ ch'eo sia pagato, / c'abi tanta alegreza de la stolta belleza.

[6] Legg. S. Caterina ver., XIV in., 282, pag. 266: Or vojo ke tu t'apresti de quel ke te fa besogna / ke ognom diga de ti: 'Quest'Ŕ šentil madona / e vae sý ricamentre e con tanta grandeša / ke meser l'enperadore sý n'abia alegreša.'╗

[7] Giovanni Campulu, 1302/37 (mess.), L. 3, cap. 3, pag. 81.5: La gente ki stavanu in lÓ, videndu zo, accommenczaru tucti a plangere pir l'alegricza ki apperu...

[8] Chiose Selmiane, 1321/37 (sen.), cap. 6, pag. 36.27: E credesi che l'anime che saranno in paradiso avaranno grande allegrešša quando verrÓ el giudišio, perchŔ averanno seco quella compagnia la quale essi pur amano...

[9] Enselmino da Montebelluna, XIV pm. (trevis.), 493, pag. 33: E se pur non volete far perdono / al mio dolze fiol, oimŔ, ve priego, / al men per grazia feme questo dono: / tolete mi, e fe ch'io muora siego, / per˛ che mai non aver˛ alegreza / alguna al mondo, s'el non serÓ miego.

[10] Perugia e Corciano, c. 1350 (perug.), cap. 39, pag. 134.6: Mo dicie lo conto como lo conte Orlando avea grande alegrešša: en suo coraggio avea grande pagura che a la giostra noĚ lglie venisse morto...

[11] Lett. volt., 1348-53, pag. 176.4: avendo ora inteso per le vostre lectere e a lingua dal decto Becto che voi state bene e sete sano, di che ringratiamo el nostro Signore Idio, n'avemo avuta grande alegrecša e conforto.

[12] Lett. gen., 1356, pag. 24.37: sý recevemo le vostre lettere, faite in Nichia, a dý vinti doi de lo meise passao de Setembre, per le quae letere noi vimo et cognoscemo la vostra sanitae e lo bon stao; de la quar cossa noi avemo grande alegreza, sicomo de nostro frai e chi Ŕ stao payre de li nostri de Peyra...

[13] Discorso sulla Passione, XIV sm. (castell.), pag. 165.19: Como la femena che partoressce sta sula morte p(er) lo dolore e puoi ch'Ó partorito el figliuolo p(er) l'alegrešša no(n) se recorda, cosý averÓ mo a voi che voi avarete mo tristitia e tornando io a voi avarete alegrešša.

8.2 Fras. Dare (donare) allegrezza a qno: renderlo allegro; dargli gioia (anche pron.).

[1] Giac. Pugliese, Rime (ed. Panvini), XIII pm. (tosc.), 3.88, pag. 187: Reina d'adorneze / e donna se' di 'nsegnamento; / la vostra [gran] belleze / messo m'Ó in ismagamento; / donami allegreze, / chiarita in viso pi¨ c'argento.

[2] Poes. an. urbin., XIII, 16.26, pag. 575: Vedendo lo to delicato viso, / tant'era l'allegreša ke nne dava, / pare[van]ne de stare in paradiso: / cusý li nostri cori sat´ava.

[3] Parafr. Pater noster, XIII sm. (ven.), 38, pag. 176: Et ne nos inducas dentro l'inferno, / rešivimi in lo to regno senpreterno. / In tentatione sto dý e note; / non derelinquire, propicio Sabaot. / Sed libera nos da one grameša, / in la toa gloria me da' grande alegreša.

[4] Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.), 46.57, pag. 182: Venite a veder meraveglia, che p˛ mo portar le vergogne, / ca tutto 'l tempo passato sempre da me fuor da logne: / ora me dÓ un'allegreza, quanno vergogna me iogne, / per˛ che con Deo me coniogne ne la sua dolce abbracciata.

[5] Dante, Rime, a. 1321, 16.13, pag. 52: Dunque ormai lastri / vostro cor lo cammin per seguitare / lo suo sommo poder, se v'ha sÝ punto / come dimostra 'l vostro buon trovare; / e non vi disv´ate da lui punto, / ch'elli sol pu˛ tutt'allegrezza dare / e' suoi serventi meritare a punto.

[6] Giovanni Villani (ed. Porta), a. 1348 (fior.), L. I, cap. 7, vol. 1, pag. 12.30: E la detta cittÓ fu fondata sotto ascendente di tale segno e pianeta che allegrezza e fortezza a tutti gli abitanti pi¨ che in altra parte d'Europia; e come pi¨ si sale alla sommitÓ del monte, tanto Ŕ pi¨ sano e migliore.

[7] Apollonio di Tiro, XIV m. (tosc.-venez.), incipit, pag. 27.37: Adonqua, mo daspu˛ che io son vengnudo, plaquati de vengnire alla luxe, et andare a tola, et mangiare un puochetin. Spiera in Dio che per questo chosý grande planto, ello ti darae maore allegrešša.

[8] Buccio di Ranallo, Cronaca, c. 1362 (aquil.), CLXXXVII, pag. 39: Uno anno depoi questo ecco santo Petro venne; / Dello mese de augusto, come scrivo advenne, / La corona ecco prese, como se lli adconvenne; / Venne ecco lo re Carlo et alegrezza dÚnne.

[9] Giovanni Colombini, a. 1367 (sen.), 20, pag. 81.7: A tutte mi raccomando mille volte; pregovi che vi diate molta allegrezza, isperando molto in Cristo isposo vostro.

[10] Sposiz. Pass. s. Matteo, 1373 (sic.), cap. 8, par. 1, vol. 1, pag. 155.24: ki Cristu li cunfortava et ki non l'abbanduniria la gracia di lu Spiritu Santu, si Cristu si partia da loru sicundu lu corpu; IIII, ki poi di li tri iorni illu resussitiria et darria a lloru grandi alligriza et gran cunfortu...

8.3 Fras. Fare allegrezza: rallegrarsi, ringioire; festeggiare.

[1] Bono Giamboni, Vizi e Virtudi, a. 1292 (fior.), cap. 63, pag. 102.13: insieme salutate, sÝ s'asettarono a sedere; e le Virtu[de] cominciaro a ragionare de le battaglie ch'erano state, e de le vittorie ch'aveano avute, e come tutti i Vizţ erano morti e spenti; laonde la Filosofia fece grande allegrezza.

[2] Sermoni subalpini, XIII (franco-piem.), 12, pag. 259.6: Or el era comandÓ en la veilla lei que en qu˛ de set anz faesen iubileum annum, zo era annus remissionis. PerquŔ avea num iubileus? Car grant ioi e grant aleretza i fasean li IuŔ.

[3] Contr. Cristo e Satana, c. 1300 (pis.), pag. 31.5: Essendo Christo crocifixo in su la croce, lo nimico ne facea grande allegressa; andando et tornando molto spesso dal limbo, vide l'alegressa de li santi: incontenente congnove la sua confuxione.

[4] Simintendi, a. 1333 (prat.), L. 1, vol. 1, pag. 34.10: Egli stanti in questi luoghi, in una spilonca fatta di scogli, dava le ragioni all'acque, e alle ninfe che cultivavano l'acque. Quivi si raccolsoro prima i vicini fiumi, e non sappeano s'eglino dovessoro fare allegrezza, o se dovessoro consolare il padre.

[5] Cavalca, Specchio de' peccati, c. 1340 (pis.), cap. 6, pag. 46.11: Onde Cristo a mostrare, che Iddio volentieri perdona, e caramente riceve chi vuole tornare, induce la parabola dello pastore, lo quale cerc˛ la pecora smarrita, e trovandola ne fece allegrezza; e conchiude, che gaudio Ŕ agli Angeli di Dio sopra uno peccatore, che torni a penitenzia.

[6] Ranaldo da M. Albano, c. 1350 (perug.), pag. 140.26: Ranaldo con sua gente era da l'altra parte presso a la citÓ de Parige e conoscie biene la 'nsegna de Ghirardo e de ci˛ fa grande alegrešša Ranaldo en se medesemo, non dicendo cosa niuna ad altra gente.

[7] Apollonio di Tiro, XIV m. (tosc.-venez.), incipit, pag. 14.31: Jo ve faššo a saver, che mia figlia Ŕ maridada ad Appollonio so maistro; per la qual chosa io ve priegho che vuy faššiate allegrešša, conš˛ sia chosa che quello Appollonio Ŕ homo savio et sacciente et nobelle.

[8] Buccio di Ranallo, Cronaca, c. 1362 (aquil.), CMXVII, pag. 209: Lo mese se nne gio et la corona non venne; / Illi foro lassati et ognuno revenne; / Alegrecza facemmone sý como se adcommende. / L'altro mese che venne gran novitate advenne.

8.4 Fras. Menare allegrezza: rallegrarsi, ringioire.

[1] Patecchio, Splanamento, XIII pi.di. (crem.), 433, pag. 577: Quel qe de povertad mena šoi e 'legreša, / val des dig ric avari ch'Ó tesor e riqeša.

[2] Gl Sermoni subalpini, XIII (franco-piem.), 19, pag. 272.23: Salvator noster hodie, dilectissimi, natus est; gaudeamus. Seignor frare, oi fo nÓ lo nostre salvaor. E que devem far? Gaudeamus, zo est gran ioi e grant aleretza devem mener e reposer.

[3] Armannino, Fiorita (07), p. 1325 (ven.), pag. 120.2: Texeo iera mašor del corpo; e con le lanše base Crion ronpÚ la so lanša sul scudo de Texeo, Texeo ferý Crion ne ladi dreto, da l'altra parte li pasÓ lo fero e cašÚ morto. Alegreša menÓ li antexani, Ipolita e le altre amašone.

[4] Valerio Massimo, prima red., a. 1338 (fior.), L. 2, cap. 3, pag. 169.15: Quinto Catulo poi ch'ebbe spento Marco Lepido suo compagno ne l'oficio, con tutti li suoi seguaci, menando dinanzi da sŔ temperata allegreza torn˛ in Roma.

[5] Dom. da Monticchiello, Rime, 1358 (sen.), 3.229, pag. 50: Tanta allegrezza Teseo menava / sý dello scanpo e sý del gran disÝo / di quella giovinetta che portava, / che 'l mutar vele missero in oblio...

8.5 Fras. Montare in allegrezza: rallegrarsi, ringioire.

[1] Matteo dei Libri, XIII sm. (bologn.), 28, pag. 88.4: Ma lo nostro segnor Deo spessa fiate prova lo so devoto in adversitate e dolore, e poi k'Ŕ provato et Ŕ trovato constante e devoto, elo lo fa confortare e falo montare in grande alegreša et honore, e falo obliare tuto lo male k'Ó sustinuto, e dÓli victoria molto maiore de li soi inimici.

[2] Giovanni da Vignano, XIII/XIV (bologn.>ven.), cap. 34, pag. 273.34: Deo proa spese volte li so' devoti in le adversitÓ e in dolori; e quando elo Ó proato et Ólo trova' constante in soa devociom sý lo fa confortare e montare in grande alegreša et honore, e falo dementegare tuto quelo male cha prima Ó sustinuto, e dÓli victoria contra so' nimici.

[3] Mazz. Bell., Storia (ed. Gorra), 1333 (pist.), pag. 454.4: E tutte l'altre cose fatte per Paris, sý come persona ch'era istato presente ad tutte le cose, seriatamente ridisse. Per lo raportamento di costui lo re Priamo mont˛ in alegrezza e ragionato insieme cogli altri maggiori di Troia e coll'universo popolo ordinaro solempne festa.

8.6 Fras. Prendere (pigliare) allegrezza: rallegrarsi, ringioire.

[1] Bono Giamboni, Vizi e Virtudi, a. 1292 (fior.), cap. 69, pag. 108.20: a neuno la diserra nÚ 'l lascia andare in paradiso, se non Ŕ d'animo forte a sostenere con molta pazienzia i pericoli e le fatiche de le tribulazioni e aversitÓ del mondo, e in non pigliare troppa allegrezza ne le prosperevoli cose.

[2] Milione, XIV in. (tosc.), cap. 83, pag. 129.3: E sul colmo del monte Ó uno palagio tutto verde, e Ŕ molto grande, sicchÚ a guardallo Ŕ una grande meraviglia, e nonn Ŕ uomo che 'l guardi che non ne prenda alegrezza.

[3] Armannino, Fiorita (12), p. 1325 (abruzz.), pag. 538.19: fu electo Innocentio IIIJ de Genova nelgli anni de Christo MCCXLIJ. Essendo ci˛ nuntiato a Federigo imperadore gran sospiro gitt˛. Et essendo dimandado per˛ che non prendea alegreša de l'amico suo ch'era exaltato al papato, respose: - Io non me posso nŔ debbio ralegrare...

[4] Giovanni Villani (ed. Porta), a. 1348 (fior.), L. XIII, cap. 3, vol. 3, pag. 295.8: il duca fu molto temuto e ridottato da tutti i cittadini, e i grandi ne presono grande baldanza, e il popolo minuto grande allegrezza, perch'avea messo mano ne' reggenti, magnificando il duca, gridando quando cavalcava per la cittÓ: źViva il signore╗...

[5] Tristano Veneto, XIV, cap. 161, pag. 150.31: Mo Tristan tanto disse a loro et tanto li asegurÓ e loldÓ qu'elli prexe alegreša de questa inpresa, sý qu'elli se reconfortava qualcossa, perquÚ tanto eli se infidava in la prodeša de Tristan che ampu˛ con tuto ši˛ a lor pareva che a Tristan nÚ a quelli non porave avignir sý ben.

8.7 Fras. Stare in allegrezza: rallegrarsi, ringioire.

[1] Tristano Ricc., XIII ex. (tosc.), cap. 34, pag. 56.22: E dappoi che lo ree Languis fue tornato nelo suo palagio, incomincioe a ffare grande festa ed egli e ttutti li suoi cavalieri. E istando in cotanta allegrezza ed egli venne al palagio Gariet, egli ed altri cavalieri dela corte delo ree Artue, e lo ree Languis lo ricievette molto cortese mente.

[2] Fr. Grioni, Santo Stady, a. 1321 (venez.), 4823, pag. 176: Dio vivo, / Vu, bona šente, chi oldirÚ, / O che de bocha lešerÚ, / Ch'ello me traša de prexon, / De pene e d'aflišion, / Chon honor e con vitoria / Me lassi entrar nella sua gloria, / O' sta li gloriosi santi / In allegreša tuti quanti.

[3] Pistole di Seneca, a. 1325? (fior.), 66, pag. 149.42: I' so, che l'uomo mi pu˛ far quistione, e dire: tu ti sforzi di farci credere, che neuna differenza Ŕ dallo stare in allegrezza, o in tormenti, e a lassare il tormentatore; ma io potrei rispondere come disse Eppicuro: Se 'l savio fosse messo, e arso nel toro di Fallaris, egli direbbe, quest'Ŕ dolce cosa, e non mi fa neente.

[4] Giovanni Campulu, 1302/37 (mess.), L. 2, cap. 8, pag. 49.19: Standu chillu previte in sularu de una casa, et audendu ky sanctu Benedictu avia abandonatu chillu monasteriu chi era vichinu de chillu previte, si allegrava multu de zo; et standu in chilla alegricza, subitamenti, standu tucta la casa in pedj, cadiu sulamente lu sularu et auchise chillu previti inimicu de la sanctitate de sanctu Benedictu.

[5] Apollonio di Tiro, XIV m. (tosc.-venez.), incipit, pag. 11.7: O figlia mia dolšissima, se Dio ti dia della soa grašia, va adurre la chitara, aš˛ che la gramešša si desparta da questo šovene et che nuy stiamo in allegrešša. Allora la šovenšella chomandoe che li fosse adutta la chitara, et siandoli adutta, ella la comenšoe a sonare dolšemente.

[6] Sacchetti, Sposizioni Vangeli, 1378-81, (fior.), Sp. 32, pag. 217.33: porta l'uno lume in qua, e l'altro in lÓ, ciascuno se ne va con la parte sua; e insieme e dovisi, Nostro Signore e gli Angeli e ' Santi di vita etterna stanno in gloria e alegrezza in questo lume benedetto.

[7] Sam Gregorio in vorgÓ , XIV sm. (lig.), L. 3, cap. 31, pag. 203.16: Ma lo santissimo šovem, lo qua, avegna che de fora quanto a lo corpo iasese ligao e despecto, dentro da sý stava in grande alegreša de mente, cum gram frevor dise monto vergogna a quelo vesco e sý lo cašÓ via...

[u.r. 15.01.2018]