ALLICCIO s.m.

0.1 alliccio, allišo.

0.2 Da liccio.

0.3 BonafÚ, Tesoro, 1360 (emil.): 2.

0.4 In testi tosc.: Neri Pagliaresi, XIV sm. (sen.).

In testi sett.: BonafÚ, Tesoro, 1360 (emil.).

0.6 N Doc. esaustiva.

0.7 1 Stoffa rozza fatta di liccio o spago. 2 Viluppo, nodo, intreccio difficile da sciogliere.

0.8 Veronica Orazi 23.04.2002.

1 Stoffa rozza fatta di liccio o spago. || (Varanini).

[1] Neri Pagliaresi, XIV sm. (sen.), pt. 3, 33.3, pag. 41: L'amico suo volentier gli prest˛e / e BarlaÓm se 'l misse poi in dosso, / sopra l'alliccio che sempre port˛e, / po' disse: - Addio, chÚ star teco non posso!

2 Viluppo, nodo, intreccio difficile da sciogliere.

[1] BonafÚ, Tesoro, 1360 (emil.), 116, pag. 106: SichŔ semina adoncha primadišo / Prima che vegna el fredo e 'l strišo / Che 'l primadišo fa caspo e radiše, / Ed Ŕ vero quelo che 'l proverbio diše: / Loda el serodan e tienti al primadišo, / E sapi mo' far questa gropo allišo.

[u.r. 11.05.2006]