ALLUNGIARE v.

0.1 allugna, allunge, allungia, allung´ando, allungiare, allungiato, alogna, alongi, alongna, alugnerÓ , alunšarmi, alunšato, alunšay, alunši, alungi, alungiando, alungiar, alungiare, alungiate, alungiati, alungiato, 'lungiare, 'lungiato.

0.2 Fr. ant. alongier (DEI s.v. allungiare).

0.3 Giacomo da Lentini, c. 1230/50 (tosc.): 1.

0.4 In testi tosc. e toscanizzati: Giacomo da Lentini, c. 1230/50 (tosc.); Bonagiunta Orb. (ed. Parducci), XIII m. (lucch.); Chiaro Davanzati, XIII sm. (fior.).

In testi mediani e merid.: Neri Moscoli, Rime, XIV pm. (castell.).

0.7 1 Andare o trovarsi a (grande) distanza (da una persona o da un luogo; spesso come effetto di una separazione). Pron. e assol. 1.1 Differenziarsi, distinguersi. 2 Mandare o tenere a (grande) distanza (da una persona, da una cosa o da un luogo). 2.1 Aumentare la durata, prolungare.

0.8 Veronica Orazi; Milena Piermaria 10.05.2002.

1 Andare o trovarsi a (grande) distanza (da una persona o da un luogo; spesso come effetto di una separazione). Pron. e assol. || In alcuni casi Ŕ aleatorio distinguere tra funzione verbale e aggettivale, v. anche allungiato agg.

[1] Giacomo da Lentini, c. 1230/50 (tosc.), 13.17, pag. 176: Lo meo core eo l'aio lassato / a la dolze donna mia: / dogliomi ch'eo so' allungiato / da sý dolze compagnia...

[2] Jacopo Mostacci (ed. Panvini), XIII pm. (tosc.), 3.30, pag. 151: Ma no mi piace d'essa quello dire, / ch'eo ne fosse tenuto misdicente, / c'assai val meglio chi si sa partire / da reo segnor e alungiar bonamente.

[3] Bonagiunta Orb. (ed. Parducci), XIII m. (lucch.), canz. 11.2, pag. 65: Ben mi credea in tutto esser d'Amore / certamente allungiato; / sý m'era fatto selvaggio e stranero.

[4] Guittone, Rime (ed. Contini), a. 1294 (tosc.), Ball. 9.46, pag. 228: O vero Domenico, poi / volesti da noi - allungiare, / lassastine, padre, e a coi?

[5] Chiaro Davanzati, XIII sm. (fior.), canz. 59.48, pag. 200: cosý di placimento / amore nasce ed agenza in canoscenza, / che sanza ci˛ di gioia va alungiando...

[6] Chiaro Davanzati, XIII sm. (fior.), canz. 45.72, pag. 161: a me, [lasso], adivene / come a l'o[m] [c'][ha] cor [v]ano, / che pur penando aspetta / ci˛ che vede alungiare.

[7] Nicol˛ de' Rossi, Rime, XIV pi.di. (tosc.-ven.), son. 78.4, pag. 66: Se y' potese tanto humil´armi / ch'el me rendese paše gy dinari, / crešo che serebono molto rari / chy mi facese da lor alunšarmi...

[8] Neri Moscoli, Rime, XIV pm. (castell.), 62.5, pag. 607: Onde 'l poder dal voler mio s'allugna / tanto ch'el cor desperando sý sprezza / tutto suo engegno...

1.1 Differenziarsi, distinguersi.

[1] Nicol˛ de' Rossi, Rime, XIV pi.di. (tosc.-ven.), son. 310.5, pag. 198: vid'i' Notari, quig da Manšolino, / dig quali vose Dio far lo plu fino / cantatore che nel mondo si pogna, / cum sý dolše nota che poco alogna / da l'anšelico osana, ymno devino...

2 Mandare o tenere a (grande) distanza (da una persona, da una cosa o da un luogo).

[1] Guittone, Rime (ed. Egidi), a. 1294 (tosc.), canz. 4.13, pag. 10: Amore meo, se Deo m'alongi noia, / e gioia en voi me dia, / a la stagion ch'eo foi / talentoso de voi, lo tempo mio / sý picciol era, no m'Ŕ viso fiore...

[2] Chiaro Davanzati, XIII sm. (fior.), canz. 9.7, pag. 39: ohimŔ, chÚ non m'avidi / del folle senno mio, che m'ha 'nganato / ed allungiato / da lo suo comando...

[3] Nicol˛ de' Rossi, Rime, XIV pi.di. (tosc.-ven.), son. 55.8, pag. 54: en croše tormentato / per lo peccato - servile retrare / e per mundare - col sangue bŰato / l'omo sošato - dal primo falare: / Cristo degnare - šascun si' salvato / et alunšato - d'inferno penare!

- Sost.

[4] Ricciardo d. Albizzi (ed. Carducci), XIV m. (fior.), Non era ancor duo gradi, 22, pag. 145: Tu dŕi imaginar che in oblio / fa metter l'allungiare / qual cosa pi˙ Ŕ amata: e ci˛ te danna.

2.1 Aumentare la durata, prolungare.

[1] Chiaro Davanzati, XIII sm. (fior.), canz. 50.54, pag. 174: a tale m'ha dato e messo in servimento, / tardando assai, languir forte mi face: / per˛ che [a]lungiare p˛ mia vita, / se non provede 'nanti che perita / s´a...

[2] A. Pucci, Libro, 1362 (fior.), cap. 47, pag. 312.2: E perchÚ molto brieve passammo de' fatti del Giudicio, colla grazia d'Iddio, se tanto m'alugnerÓ la vita, intendo in questa medesima maniera scrivere delle cose spirituali...

[u.r. 15.01.2018]