ALTARE (1) s.m./s.f.

0.1 aitare, altade, altar, altare, altari, altaro, altaru, alter, altiare, altrar, altrare, artare, atade, atare, atlatre, atrare, aultar, autar, autare, autari, autaru, oltar, otai, otar.

0.2 Lat. altare (LEI s.v. altare). || Le forme del tipo altaro sono da riportare secondo LEI (3, 2805, 16) all'etimo altarium.

0.3 Miracole de Roma, XIII m. (rom.): 1.

0.4 In testi tosc.: Restoro d'Arezzo, 1282 (aret.); Stat. fior., a. 1284; Stat. sen., 1298; Doc. pist., 1285; Palamedés pis., c. 1300; Simintendi, a. 1333 (prat.); Stat. cort., a. 1345; Stat. collig., 1345; Stat. lucch., XIV pm; Doc. amiat., 1363 (4).

In testi sett.: Caducità , XIII (ver.); Cronica deli imperadori, 1301 (venez.); Anonimo Genovese (ed. Cocito), a. 1311; Elucidario, XIV in. (mil.); Vita di S. Petronio, 1287-1330 (bologn.); Stat. trent., c. 1340.

In testi mediani e merid.: Miracole de Roma, XIII m. (rom.); Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.); Stat. cort., a. 1345; Stat. viterb., c. 1345; Simone Fidati, Ordine, c. 1333 (perug.); Stat. casert., XIV pm; x Doc. eugub., 1344-54; Buccio di Ranallo, Cronaca, c. 1362 (aquil.); Stat. castell., a. 1366; Doc. orviet., 1339-68; Stat. cass., XIV; Destr. de Troya, XIV (napol.).

In testi sic.: Giovanni Campulu, 1302/37 (mess.); Stat. palerm., 1343; Stat. catan., c. 1344.

0.5 Locuz. e fras. altare grande 1.1; altare maestro 1.1; altare maggiore 1.1; andare alla mensa dell'altare 1.3; mensa dell'altare 1.3; ministro dell'altare 1.4; sacramento dell'altare 1.3; sacrificio dell'altare 1.3; servire all'altare 1.5.

0.6 T Da notare che in Miracole de Roma, XIII m. (rom.) alcune attestazioni di altare come «altare de lo pane», 51, pag. 583.25; «altare radicaria», ivi 61, pag. 586.34, traducono erroneamente il lat. area usato nei toponimi Aream Pannariam e Aream Radicariam (Codice Topogr. Roma, pag. 90, 4 e pag. 137, 5 e passim.).

N Si rinuncia a distinguere in due voci le forme altare e altaro (resterebbe fra l'altro indecidibile la collocazione della maggior parte dei plurali).

0.7 1 Piano d'appoggio (di pietra o più raramente di altro materiale) usato in uffici religiosi per compiere offerte o sacrifici alla divinità. [In partic. nella religione cristiana:] il tavolo usato per celebrare la Messa. 1.1 Locuz. nom. Altare grande, maggiore, maestro: l'altare principale di una chiesa o tempio. 1.2 Altare della Vergine, di Giove ecc.: dedicato, consacrato ad una det. divinità o santo. 1.3 Locuz. nom. Sacramento, sacrificio, dell'altare; mensa dell'altare: l'Eucaristia. Estens. La Messa. 1.4 Locuz. nom. Ministro dell'altare: Il sacerdote. 1.5 Fras. Servire all'altare: officiare la Messa; assistere chi officia la Messa. 2 [Astr.] Costellazione dell'emisfero australe (lat. Ara).

0.8 Milena Piermaria 04.02.2000.

1 Piano d'appoggio (di pietra o più raramente di altro materiale) usato in uffici religiosi per compiere offerte o sacrifici alla divinità. [In partic. nella religione cristiana:] il tavolo usato per celebrare la Messa.

[1] Miracole de Roma, XIII m. (rom.), 33., pag. 577.17: et Octabiano vide in celo una virgine coronata molto belledissima sopre una altare molto bella, et tenea in brachio uno infante. || Cfr. 0.6 T.

[2] Stat. fior., a. 1284, I, par. 24, pag. 39.10: et ala detta messa di morti offerino le candele al frate al'altare.

[3] Stat. sen., 1298, dist. 1, cap. 86., pag. 191.21: e debbia portare el detto cero el camarlengo dell'Arte, con quelli compagni che a lui piaciarà; e debbia fare árdare lo decto cero dinanzi al suo altare.

[4] Lib. Antichr., XIII t.q. (ven.eug.>umbr.-march.), 133, pag. 109: ma no· sse signe e no [s'] adori cruce, / tute le glesie, li alt[a]ri e li oratori / tute sëa destrute, disperse, confundute, / messe cantar mai no [ge] serà plue.

[5] Garzo, S. Chiara, XIII sm. (fior.>pis.), 107, pag. 21: Puose 'l pane in sull'altare, / doppo lor prese ad andare, / disse: «Mai non vo' mangiare, / non sarò sì affamata...

[6] Itinerario luoghi santi, XIII u.q. (fior.>lucch.), pag. 166.14:. E quini dice l'uomo che solea essere anticamente l'altare, là ove Abraam fece sacrificio a Dio.

[7] Caducità , XIII (ver.), 273, pag. 664: No cur'ig<i> de basar altar né stola, / mo per li pei apresta andar de fora, / e li plusor de dol par k'igi mora / ke tu no ei çà coverto en la bora.

[8] Sermoni subalpini, XIII (franco-piem.), 1, pag. 220.31: Or devez saver en quel guisa il sacrificaven a Deu. Jl avean fait un alter de terra, e si metean sore leigna asai, e sore la leigna metean lur des e lor offerendes e lor primicies, o fos de besties o fos de fruit.

[9] Palamedés pis., c. 1300, Pt. 2, cap. 13, pag. 59.8: Anco che Breus fusse duro cavalieri e crudele in tutte cose, sì viene elli denanti a l'altare e sì s'inginocchiò e fa preghiere a Dio...

[10] Cronica deli imperadori, 1301 (venez.), pag. 194.1: e in quella fiada regnando la persecucion, certo statio de veschovo non era in Roma, ma dove melgio li posseva, o ver in criti, o ver in cimitierii soto terra, over in chasa de homini fideli o de femene, li celebrava messa sovra l'altar de legno...

[11] Anonimo Genovese (ed. Cocito), a. 1311, 95.35, pag. 439: Cubiti son d'aver onor, / d'asegnorir lo povoro lô, / usà deversi ornamenti, / sotil e belli vestimenti / e aver delicai stalli, / e cavarcar grossi cavalli. / Maor cura àn ca de i otai / de portar speron dorai.

[12] Elucidario, XIV in. (mil.), L. 3, quaestio 30, pag. 193.24: E se alchuna fiada illi apareno, zo fi per merito d'alchuno sancto, sì como aparì a sancto Martino l'anima d'un ladro in quello logo o' el destruxe l'altare...

[13] Simintendi, a. 1333 (prat.), L. 5, vol. 1, pag. 197.8: Allora finalmente Perseo si gittò fuor della sedia: e crudele averebbe trapassato lo petto del nemico con la rimandata lancia; se non che Fineo fuggio dirieto all'altare; e, indegnamente! l'altare giovoe allo scelerato.

[14] Simintendi, a. 1333 (tosc.), L. 6., vol. 2, pag. 39.3: mentre che io vo per le pasture, ecco nel mezzo del lago era una vecchia altare, nera per lo fuoco de' sacrifici, atorneata di tremanti canne.

[15] Giovanni Campulu, 1302/37 (mess.), L. 1, cap. 7, pag. 20.6: Nonnosu, et cum grandi planctu ricolci chilli peczi de la lampa e mìselli davanti lu altaru, et illu se dedi in orationi.

[16] Stat. trent., c. 1340, cap. 40, pag. 36.10: Sì statuemo e sì ordenemo ch'el no se deba edificare né far nesun altar, né campanil cum campana relevar in la nostra casa de la misericordia e de la disciplina...

[17] Stat. palerm., 1343, cap. 2, pag. 9.7: Et quandu parrà a li ricturi di incuminzari la disciplina, levisi unu di li ricturi, e faza unu signu cum la oracioni consueta, e faza una avenia davanti lu altaru...

[18] Stat. cort., a. 1345, cap. 2, pag. 129.18: et tornando et entrando nella ghiesa ciasscuno debbia restare, et enginocchiarse denançi a l'altare.

[19] Stat. viterb., c. 1345, pag. 157.37: salvo che 'l confessore li deia diciare che essu sì si deia co(n)fessare e deia fare la sua veste ina[n]tti che esso entri i· nella capella oi nel locu dela disciplina, oi essu dia li denari p(er) la vesta al sartore che le fa; e deia avere la frustra e la corda per cengnare in nell'atade ala fraternitade; poi si deia spolgliare inudu, salvu che la camisa tenga dina[n]çi all'altade.

[20] Stat. casert., XIV pm., pag. 59.12: Poy chi lu fratre èy intrato alo oratorio, i(n)prima vada et indenochye i(n)nante lo altaro (et) facza la soa oratione...

[21] Lapidario estense, XIV pm. (trevis./friul.), Prologo, pag. 138.6: Per le virtute delle parolle le qualle dice el prèvede a l'altaro inel'offitio della messa, l'ostia, che pare pane morto, deventa corpo vivo...

[22] x Doc. eugub., 1344-54: Ite(m) ave a l'atare de la casa...

[23] Buccio di Ranallo, Cronaca, c. 1362 (aquil.), DCCXXXVII, pag. 168: Allo nostro episcopato quella Natale odette / La missa, et allo altaro quattro once li offerette.

[24] Stat. castell., a. 1366, pag. 127.32: Del priore quando fa la reverentia al'altare, de gire puoi el sopriore e i co(n)selieri.

[25] Doc. orviet., 1339-68, (1348), pag. 125.24: Anq(ue) i· nela festa di s(an)c(t)a Maria d'agostu abbe la famegla dela podestade (et) chavaliere che stetero la nocte a guardare la ecresia, e chiloro chi guardaro l'altare, p(er) vinu, XX s.

[26] Anonimo Rom., Cronica, XIV, cap. 18, pag. 167.17: Vennero cantanno 'Veni Creator Spiritus' fi' alle scale e sì llo recipiero con granne letizia. Inninocchiato denanti allo aitare deo soa offerta.

[27] Destr. de Troya, XIV (napol.), L. 5, pag. 81.6: Dall'altro capo di quella sala sì era uno altaro hedificato inde lo nomo de lo Dyo Iuppiter...

[28] Stat. cass., XIV, pag. 72.23: Tutti le vase de lu monasteru (et) tutta la substancia così vvarda como li <fosse> s(an)c(t)i vascelly de l'artare; in nulla cosa (com)mitta negligencia.

- Altare sacrato, consacrato.

[29] Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.), 44.17, pag. 173: l'altro pan è el sacramento, ne l'altare consecrate...

[30] Cecco Angiolieri, XIII ex. (sen.), 8.6, pag. 126: venduto! / Me dolente, a le cu' man son caduto! / ch'oggi giurò sù ne l'altar sagrato / che s'ella mi vedesse strascinato, / non dicerebbe: - Chi è quello issuto?

[31] Accurso di Cremona, 1321/37 (mess.), L. 5, cap. 3, vol. 2, pag. 26.19: et requisilu Cesar in la terra di Tarquinu et issu Sestiliu lu levau da li sacrati altari di li soy dei et da la sua tavula et didilu in manu di sou inimicu.

- Estens. La zona in cui è collocato l'altare.

[32] Jacopo Passavanti, Specchio, c. 1355 (fior.), dist. 5, cap. 7, pag. 185.4: L'altro modo della confessione generale si è quella che si fa in palese dinanzi a più; come quella che fa il prete quando entra all'altare per dire la messa...

1.1 Locuz. nom. Altare grande, maggiore, maestro: l'altare principale di una chiesa o tempio.

[1] Itinerario luoghi santi, XIII u.q. (fior.>lucch.), pag. 165.25: E quine presso dentro dalle trefuni dello mastro altare sotto monte Calvario si è la colonna là ove lo Nostro Singnore Ihesu Christo fu legato e battuto dalli giudei tutto inudo i(n)na[n]zi sua beneditta passione.

[2] Doc. friul., 1360-74, (1371), pag. 191.22: Dey a Zuanut inpintidor per far la salutazion in le finestri davur l'altarmayor, soldi 22.

[3] San Brendano ven., XIV, pag. 98.21: Li stali da seder intorno la gliesia s'iera XXIIII e lo luogo de lo abado s'iera in mezo de li do cuori de li frari e iera 'nde VII luminarie, le qual ne fo adute fin lo comenzamento: e le tre stava ad alto dananti l'oltar mazor e le altre quatro iera partide in do parte...

[4] Destr. de Troya, XIV (napol.), L. 30, pag. 257.5: E lloco se stava pagurosamente, a piede all'altaro grande de quillo tiemplo...

1.2 Altare della Vergine, di Giove ecc.: dedicato, consacrato ad una det. divinità o santo.

[1] Cinquanta miracoli, XIV pm. (ven.), 8, pag. 20.14: Unde ello se misse danenti l'altar de la Vergene gloriosa, domandando devotamentre lo so alturio...

[2] St. de Troia e de Roma Amb., 1252/58 (rom.), pag. 62.18: E Priamo fugio ne lo palaço de dio Iovis et occiselo nanti lo palaço a l'altare de dio Iovis.

[3] Vita di S. Petronio, 1287-1330 (bologn.), cap. 7, pag. 37.3: Facto lo sancto sepolcro, andando inançi, là o' è l'altaro de la Ternitade, lì a drita sì è facto a la similitudine del luogo de Calvario, là o' lo nostro Segnore fo meso in croxe.

[4] Stat. collig., 1345, cap. [16], pag. 18.35: el decto rectore dare faccia a ciaschuno el cero suo in mano, et ala celebratione dela solempne messa con essi ceri accesi in mano ordinata mente andare ala chiesa di sancto Alberto da Colle e sopra l'altare del glorioso sancto Giovanni Bactista offerere e lassare el cero fiorito del decto rectore...

[5] Doc. amiat., 1363 (4), 5., pag. 88.21: Ancho lassa a la sua chappella del suo altare di s(an)c(t)o Chimento la vigna da la Potçulina.

[6] Doc. pist., 1285, pag. 126.23: lo s(oprascrip)to prete Veçoso inpromise di fare ardere la dicta lampana dina(n)çi al dicto altare di Santa Margarita...

- [In contesto metaf.].

[8] Cavalca, Esp. simbolo, a. 1342 (pis.), L. 2, cap. 21, vol. 2, pag. 336.21: Così dico, che dobbiamo essere sacerdoti, e nell'altare del cuore fare a Dio sagrifizio di laude, e di divota orazione, e di contrizione.

1.3 Locuz. nom. Sacramento, sacrificio, dell'altare; mensa dell'altare: l'Eucaristia. Estens. La Messa.

[1] Cronica fior., XIII ex., pag. 84.9: Berlinghieri del Torso, il quale falsamente affermava che 'l sacramento della Chiesa, cioè dell'altare, che noi prendiamo, non è verace corpo di Cristo...

[2] Giordano da Pisa, Prediche, 1309 (pis.), 27, pag. 213.33: La tersa cosa che fa la confessione sì è ch'ella fa l'omo essere ricevuto alla mensa dell'altare.

[3] Simone Fidati, Ordine, c. 1333 (perug.), pt. I cap. 16, pag. 646.4: tenterá d'alcuna isconvenevole immaginazione di Dio, di Cristo, del Sagramento dell'altare, e degli Sagramenti e della Vergine Maria...

[4] Stat. catan., c. 1344, cap. 6, pag. 35.11: Et imperò ki lu sacrificiu di lu autaru esti multu actu di riligiuni, ordinamu ki chasquidunu sia tinutu di audiri oy di diri la missa conventuali omni iornu.

[5] Sam Gregorio in vorgà , XIV sm. (lig.), L. 4, cap. 55., pag. 282.9: Se le corpe depoi la morte non sum insolubili, monte sor aiar l'anime depoi la morte lo sacrificio de l'autar...

- Fras. Andare alla mensa dell'altare: accostarsi al sacramento dell'Eucaristia.

[6] S. Caterina, Libro div. dottr., 1378 (sen.), cap. 125, pag. 262.36: Alla mensa dell'altare se l'hanno presa per una consuetudine d'andarvi senza veruna disposizione, sí come alla mensa corporale.

1.4 Locuz. nom. Ministro dell'altare: Il sacerdote.

[1] <Cavalca, Disc. Spir., a. 1342 (pis.)>, cap. 19, pag. 155.29: E per questa cagione molti s'ingannano, i quali sotto specie di spirito, e di vita contemplativa non vogliono far nulla, ma vivere di limosine; perocchè il così fare non è lecito se non a i ministri dell'altare, e a quelli, che predicano la parola di Dio.

1.5 Fras. Servire all'altare: officiare la Messa; assistere chi officia la Messa.

[1] Conti morali (ed. Zambrini), XIII ex. (sen.), 2, pag. 8.11: e colui che serviva a l'altare, vedendo queste cose, maravilliossi molto: sì corse e chiamò l'abbate con tutti e' monaci.

[2] <Zucchero, Esp. Pater, XIV in. (fior.)>, pag. 98.2: Questo medesimo c'è significato nell'alba, e ne' paramenti che li ministri di santa Chiesa vestono quando elli debbono servire all'altare, che li conviene essere casti dentro e di fuori, e in corpo, et in cuore.

[3] Stat. lucch., XIV pm., pag. 71.22: Come li cherici servano adl'altare con bia[n]che vestimenta.

2 [Astr.] Costellazione dell'emisfero australe (lat. Ara).

[1] Restoro d'Arezzo, 1282 (aret.), L. I, cap. 7, pag. 11.9: E trovamo li grandi serpentarii; e trovamo uno altare en sagittario...

[2] Simintendi, a. 1333 (prat.), L. 2., vol. 1, pag. 58.25: E guarda che la ruota dal lato del settentrione non ti meni al tormentato serpente, e quella del merizzo non ti meni alla premuta altari...

[u.r. 17.01.2018]