AMANTE (1) s.m./s.f.

0.1 amant', amante, amanti, amantj.

0.2 Lat. amans, amantem (LEI s.v. amans).

0.3 Giacomo da Lentini, c. 1230/50 (tosc.): 1.

0.4 In testi tosc. e toscanizzati: Giacomo da Lentini, c. 1230/50 (tosc.); Rinuccino, Rime, XIII sm. (fior.); Bonagiunta Orb. (ed. Parducci), XIII m. (lucch.); Galletto, XIII sm. (pis.); Cecco Angiolieri, XIII ex. (sen.); Mazz. Bell., Storia (ed. Gorra), 1333 (pist.); Mino Diet., Sonn. Inferno, XIV m. (aret.).

In testi sett.: Pamphilus volg., c. 1250 (venez.); Memoriali bologn., 1279-1300; Gid. da Sommacamp., Tratt., XIV sm. (ver.).

In testi mediani e merid.: Poes. an. urbin., XIII; Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.); Simone Fidati, Ordine, c. 1333 (perug.).

In testi sic.: Stefano Protonotaro, XIII m. (sic.); Angelo di Capua, 1316/37 (mess.).

0.7 1 Chi ama o prova amore, carnale o spirituale.

0.8 Fabio Romanini 15.01.2001.

1 Chi ama o prova amore, carnale o spirituale.

[1] Giacomo da Lentini, c. 1230/50 (tosc.), 12.5, pag. 165: Madonna mia, a voi mando / in gioi li mei sospiri, / ca lungiamente amando / non vi porea mai dire / com'era vostro amante / e lŰalmente amava, / e per˛ ch'eo dottava / non vo facea sembrante.

[2] Pier della Vigna (ed. Contini), a. 1249 (tosc.), 2.60, pag. 125: Canzonetta piagente, / poi c'Amore lo comanda, / non [mi] tardare e vanne a la pi¨ fina; / saluta l'avenente / e dille c'źA voi mi manda / un vostro fino amante di Mes[s]ina.

[3] Pamphilus volg., c. 1250 (venez.), [Panfilo], pag. 83.24: "Mai enpermordeš˛ elo no se coviene qe granda ira dibia permagnire dantro doi amanti, mai se per la ventura la ira ge viene, enpermordeš˛ sea picinina.

[4] Guglielmo Beroardi, Rime, a. 1282 (fior.), 2.22, pag. 93: chÚ suoi dolzi sembianti, / gioiosi ed avenanti / mi fanno tormentoso / istar sovra li amanti / in sospiri ed in pianti / lo mio cor doloroso.

[5] Poes. an. urbin., XIII, 14.50, pag. 572: O aurora clarita plu ke sole / per cui tucto lo mondo se renflesca, / conserva lo mio cor ne lo tuo amore, / ke nnulla pena per vui me rencresca; / vui site sempre aulente plu [ke] flore, / e li to' amanti teni in delectanša.

[6] Bind. d. Scelto (ed. Gorra), a. 1322 (sen.), cap. 408, pag. 436.16: Amore li dice: "Che vuoli tu fare? A che fine credi tu venire di Pollisena tua amica, poi che tu no la servi cosý come amante die sua amica servire?

[7] G. N. da Polenta, Rime, a. 1330 (ravenn.>ven.), 9.5, pag. 218: Pi¨ d'altr'amante me dez'alegrare / e star sempre zoioso, / ch'Amor per grazia m'ha fatto montare / en stato degnitoso...

[8] Comm. Rim. Am. (C), XIV pm. (tosc.occ.>fior.), ch. 324, pag. 991.6: Qui fa invocazione agli amanti e alle amante e conchiude loro la sua intenzione del no stare solitari.

[9] Poes. an. sic., 1354 (?), 192, pag. 30: Tu si' sulu regnanti et summa et alta gloria, / di tutti li toi Santi si' tu eterna memoria, / et di li studianti si' numerosa storia, / beatu cui esti amanti di la tua santa gloria.

[10] Andrea Cappellano volg., a. 1372 (fior.), L. 1, pag. 263.4: L'amante femmina sempre dispregia e rifiuta li doni dello amante, e studia di crescere a lui ricchezza, acci˛ che esso abbia sempre onde possa mantenere la sua fama faccendo grandi doni e altro.

[11] Diretano bando, XIV (tosc.), cap. 47, pag. 36.6: Sappiate che nulla cosa Ŕ che lliale amante dovesse fare ch'io non facessi per voi.

[12] Destr. de Troya, XIV (napol.), L. 25, pag. 214.28: perz˛ che constumanza Ŕ de tutti li amaturi, commo ad huomini chi so' cicati de cuolpi de amore, che sempre sfugino honore e bona fama credendo perz˛ desplacere all'amante loro, ancora se devessero astinire da fare alcuno bene reportandonde grande vergogna.

[u.r. 17.01.2018]