AMATIVO agg./s.m.

0.1 amativa, amativasi, amativo, amativu.

0.2 Lat. mediev. amativus (DEI s.v. amativo).

0.3 Jacopone (ed. Contini), XIII ui.di. (tod.): 1.

0.4 In testi tosc.: Dante, Convivio, 1304-7.

In testi sett.: Paolino Minorita, 1313/15 (venez.).

In testi mediani e merid.: Jacopone (ed. Contini), XIII ui.di. (tod.).

In testi sic.: Accurso di Cremona, 1321/37 (mess.).

0.5 Si noti la forma pronominalizzata amativasi in 1.1 [1], imputabile prob. alla derivazione (e alla pregnanza semantica) verbale dell'aggettivo.

Anche s.f. (amativa).

Locuz. e fras. amativa d'onore 4; venire all'amativa 3; venire all'amativo 3.

0.7 1 Che ha facoltÓ d'amare; amante. 1.1 [Con valore di verbo pron.:] che ama ed Ŕ amato. 2 Sost. Il soggetto amante (Dio). 3 [Filos.] Sost. Il farsi atto della potenza d'amore. Fras. Venire all'amativo. 4S.f. Locuz. nom. Amativa d'onore: nell'etica aristotelica, la virt¨ che designa la giusta (mediana) disposizione rispetto all'onore.

0.8 Elena Artale 27.04.2000.

1 Che ha facoltÓ d'amare; amante.

[1] Jacopone (ed. Contini), XIII ui.di. (tod.), 7.7, pag. 82: O amor, devino amore, / amor, che non s'Ŕ amato! / Amor, la tua amicizia / Ŕ piena di letizia: / non cade mai en trestizia / lo cor che t'ha assaiato. / O amor amativo, / amor consumativo, / amor conservativo / del cor che t'ha albergato!

[2] Accurso di Cremona, 1321/37 (mess.), L. 2, cap. 2, vol. 1, pag. 76.34: Ca per certu tu, Postumiu dittaturi, cumandasti que Aulu Postumiu [[...]], essendu citellu, tu lu avivi amagistratu di literatura et, essendu juvini, tu lu avivi instruttu in factu d'armi, santu forti et amativu di ti insemblamenti et di la patria... || Cfr. Val. Max., II, 7, 6: źsanctum, fortem, amantem tui pariter ac patriae╗.

1.1 [Con valore di verbo pron.:] che ama ed Ŕ amato.

[1] Sposiz. Pass. s. Matteo, 1373 (sic.), cap. 28, par. 10, vol. 2, pag. 188.33: Set lu Patri et lu Figlu, unu intellectu cuntemplanti, sunu una voluntati amativasi di infinitu amuri; unde per actu vivu et beatificu produchinu operacioni, immanenti et beata: amuri santu infinitu, amuri mutuu di ambudui, lu quali non esti accidenti ma substancia, non di altra natura ki divina ma consubstanciali...

2 Sost. Il soggetto amante (Dio). || (Ageno).

[1] Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.), 85.45, pag. 345: Non c'Ŕ condizione, nÚ messa per rascione: / Ŕ fatta l'unione, che non veste vergato. / De l'amativo amabele esce l'amor mirabele: / l'amore Ŕ poi durabele semper in idem stato╗.

3 [Filos.] Sost. Il farsi atto della potenza d'amore. Fras. Venire all'amativo. || (Ageno).

[1] Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.), 85.8, pag. 343: O sine grato nobele, sommerso en ammirabele, / non p˛i salire equabele d'amore adoguagliato. / O amore attivo, che non trovi passivo, / che venga a l'amativo d'amor purificato; / amor, c'hai nome amo, plural mai non trovamo; / da te, fonte, gustamo amor da te spirato.

- S.f. Fras. Venire all'amativa.

[2] Jacopone (ed. Contini), XIII ui.di. (tod.), 7.77, pag. 85: Luce luminativa, / luce demustrativa, / non vene all'amativa / chi non Ŕ en te luminato. / Amor, lo tuo effetto / dÓ lume a lo 'ntelletto, / demostrali l'obietto / de l'amativo amato.

4 S.f. Locuz. nom. Amativa d'onore: nell'etica aristotelica, la virt¨ che designa la giusta (mediana) disposizione rispetto all'onore.

[1] Dante, Convivio, 1304-7, IV, cap. 17, pag. 372.5: La quinta si Ŕ Magnanimitade, la quale Ŕ moderatrice e acquistatrice de' grandi onori e fama. La sesta si Ŕ Amativa d'onore, la quale ordina noi alli onori di questo mondo. || Cfr. con il sg. passo di Egidio Romano, De regimine principum (riportato in ED, s.v. amativa d'onore): źet tunc est quaedam virtus, quae communi nomine dici potest honoris amativa sive honoris amor╗.

[2] Paolino Minorita, 1313/15 (venez.), cap. 14, pag. 17.6: E se li beni honoreveli Ŕ mešani, quela vertude che dreša bene l'omo Ŕ dita amativa de honor over humilitade, la qual Ó .IJ. extremitade viciose: la una Ŕ sopercla speranša de honor, [l'altra desperanša de honor].

[3] Ottimo (terza red.), a. 1340 (fior.), pag. 137.33: elli, dico, huomo scientiatissimo e dotato de' beni de l'anima, sý come sono di tre vertude theologiche [[...]], e de octo vert¨ conseguenti a queste, ci˛ sono amativa d'onore, magnanimitate, largheša, magnificentia, mansuetudine, veritade...

[u.r. 17.01.2018]