AMISURATAMENTE avv.

0.1 amisuratamenti; f: amisuratamente.

0.2 Da ammisurare.

0.3 F Iacopo Mostacci, XIII (tosc.): 1; Accurso di Cremona, 1321/37 (mess.): 1.

0.4 Att. nel corpus solo in Accurso di Cremona, 1321/37 (mess.).

0.6 N Doc. esaustiva. Non si considerato l'es. dalle Pistole di Seneca cit. da Crusca (1) s.v. ammisuratamente perch il testo utilizzato nel corpus documenta la forma misuratamente (cfr. Pistole di Seneca, a. 1325? (fior.), 66, pag. 151.43). L'es. attribuito a Rinieri da Palermo da GDLI s.v. ammisuratamente corrisponde a 1 [1]. 0.7 1 In modo commisurato e adeguato alle circostanze, conveniente allo status sociale ed economico del soggetto.

0.8 Roberta Cella 19.11.1999.

1 In modo commisurato e adeguato alle circostanze, conveniente allo status sociale ed economico del soggetto.

[1] F Iacopo Mostacci, XIII (tosc.): ma quale da laudare? / quello che sa guardare / lo suo aquistato amisuratamente. || CLPIO, V 042 GiMo.24. Senza attribuzione e con varianti testuali che per non interessano la forma grafico-fonetica in esame anche CLPIO, P 013.24.

[2] Accurso di Cremona, 1321/37 (mess.), L. 2, cap. 1, vol. 1, pag. 55.12: Li juvini, quandu eranu invitati ad alcuna cena, adimandavanu quali homini eranu invitati a quillu convitu nin per aventura issi se assitassiru ananti d'alcunu vetranu. E, levata la tavula, issi suffirianu que li vetrani ananti se levassiru et se nde andassiru; per li quali cosi pari eciandeu commu in tempu di la cena comu issi acustumavanu di parlari amisuratamenti et hunestamenti in presencia di li vetrani.

- Con la debita moderazione.

[3] Accurso di Cremona, 1321/37 (mess.), L. 3, cap. 8, vol. 1, pag. 144.28: Adonca issu Aphyaltes, essendu crudili accusaturi per rasuni di lu sou officiu publicu, ma per rasuni di li sou privatu affectu maravilyusu reu, sapendu que lu citellu vinnia ad issu a pregarlu que issu prucidissu pluy amisuratamenti contra sou patri, nn lu cori li sufferssi di cacharlu nn di guardarlu cu li ochi.

[u.r. 08.06.2006]