AMMANNAIARE v.

0.1 ammanaiare, ammannaiare; f: ammannaiati.

0.2 Da mannaia.

0.3 Marchionne, Cronaca fior., 1378-85: 1.

0.4 In testi tosc.: Marchionne, Cronaca fior., 1378-85.

0.6 N Doc. esaustiva.

0.7 1 Uccidere con la mannaia.

0.8 Milena Piermaria 23.11.1999.

1 Uccidere con la mannaia.

[1] Marchionne, Cronaca fior., 1378-85, Rubr. 319, pag. 120.5: E il primo dý di maggio negli anni del Signore 1316 prese l'uficio, e molte cose di fatto fece, e cui ammanaiare, e cui tagliare il capo...

[2] A. Pucci, Centiloquio, a. 1388 (fior.), c. 51.164, vol. 3, pag. 72: Quando pigliar poteva un Ghibellino [[scil. il bargello]], / a' fanti suoi il facea ammannaiare, / dovunque egli 'l trovava in sul cammino.

[3] f Cronichetta, XIV: Come e' furono fuori della porta del palagio, furono ammannaiati amendue. || Crusca (Gl.) s.v. ammannaiare.

[u.r. 10.06.2006]