AMMOGLIATO agg./s.m.

0.1 ammogliato, amogliati, amogliato.

0.2 V. ammogliare.

0.3 <Egidio Romano volg., 1288 (sen.)>: 1.

0.4 In testi tosc.: <Egidio Romano volg., 1288 (sen.)>; A. Pucci, Libro, 1362 (fior.).

0.7 1 Sposato. 1.1 Sost.

0.8 Roberto Leporatti 21.01.2000.

1 Sposato.

[1] <Egidio Romano volg., 1288 (sen.)>, L. 2, pt. 1, cap. 5, pag. 134.13: Puoi che noi avemo detto, che naturalmente l'uomo si die ammogliare, noi provaremo per due ragioni, siccome il filosofo prova, che puoi che l'uomo ammogliato, e la femmina maritata, ellino non si debbono partire l'uno dall'altro.

[2] A. Pucci, Libro, 1362 (fior.), cap. 20, pag. 153.33: E cos fu fatto, e trovaronvisi tra vedove e pulcelle e altre da marito tremilia sessantadue, s che vi rimasono altrettanti romani amogliati, oltre a' fiesolani.

1.1 Sost.

[1] Questioni filosofiche, p. 1298 (tosc.), L.V, pt. 10, pag. 170.6: Adultero quando peccha soluto cholla maritata, overo amogliato con suluta, e questo pi grave che lla semplicie fornichatione perch qui frangimento di fede spirituale e coniungale.

[2] A. Pucci, Libro, 1362 (fior.), cap. 13, pag. 104.26: Lussuria, secondo la Somma de' vizi, di cinque modi, ci in vestimenti, in lisciamenti, in basciare e toccare, e quest' il primo; secondo fornicazione, ci congiugnersi colla femina non maritata; terzo congiugnersi amogliato con maritata donna, e questo s'appella avolterio...

[u.r. 22.06.2006]