AMOROSIT└ s.f.

0.1 amorosetate, amorositÓ , amorositate.

0.2 Da amoroso.

0.3 Jacopo Mostacci (ed. Antonelli), XIII pm. (tosc.): 1.

0.4 In testi tosc. e toscanizzati: Jacopo Mostacci (ed. Antonelli), XIII pm. (tosc.); Petrarca, Disperse (ed. Debenedetti), a. 1374.

In testi mediani e merid.: Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.).

0.6 N Doc. esaustiva.

0.7 1 Disposizione all'amore; sensibilitÓ amorosa; amore.

0.8 Fabio Romanini 30.11.2000.

1 Disposizione all'amore; sensibilitÓ amorosa; amore.

[1] Jacopo Mostacci (ed. Antonelli), XIII pm. (tosc.), 19a.9, pag. 271: On'omo dice c'amor Ó potere / e li coraggi distringe ad amare, / ma eo no [li] lo voglio consentire, / per˛ c'amore no parse ni pare. / Ben trova l'om una amorositate / la quale par che nasca di piacere, / e zo vol dire om che sia amore.

[2] Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.), 45.21, pag. 177: Lo quarto modo appareme como benegno pate, / cibannome de dˇnora de la sua largitate; / da puoi che l'alma gustase la sua amorosetate, / sente la redetate de lo suo paternato.

[3] Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.), 85.39, pag. 345: Non m'ami per amore, ca 'l prezo te sta en core: / si 'l prezo ne trai fore, l'amor tuo Ŕ annichilato. / Si la tua utilitate te trae ad amorosetate, / poco d'avversetate te fa l'amor cagnato. / Si l'amore Ŕ libero, che non sia avaro albitrio, / gentil fa desiderio non condizionato.

[4] Petrarca, Disperse (ed. Debenedetti), a. 1374, Quanto pi¨ da' begli occhi, 8, pag. 105: D'ogni fatica m'afatico invano / Contra 'l vago disir che mmi si aducie, / E poi, piangiendo, spesso a tal m'inducie / Che d'amorositÓ divengho insano. / Io non posso fuggir quest'aspra ghuerra / NŔ sofferir l'ardor nel quale avanpo, / NŔ pietÓ truovo a mia penosa sorte.

[u.r. 28.06.2006]