AMPLIFICAMENTO s.m.

0.1 amplificamento, Ômplificamento.

0.2 Da amplificare.

0.3 Matteo dei Libri, XIII sm. (bologn.): 1.

0.4 In testi sett.: Matteo dei Libri, XIII sm. (bologn.); Doc. venez., 1321.

0.5 Locuz. e fras. mettere a amplificamento 1.1; mettere in amplificamento 1.1.

0.6 N Doc. esaustiva.

0.7 1 Aumento, accrescimento. 1.1 [Detto di una somma di denari]. Fras. Mettere a (in) amplificamento: aggiungere. 2 Fig. Esaltazione, magnificazione.

0.8 Roberto Leporatti 12.10.1999.

1 Aumento, accrescimento.

[1] Matteo dei Libri, XIII sm. (bologn.), 47, pag. 134.8: Cum š˛ sia cosa k'a voi, sancto patre, generalmente pertena d'avere cure e solicitudine de tuti vostri fideli devoti, pl¨ specialmente ve dÚ provocar natura enverso de nui, quando el Ŕ manifesto ke la devocione avuta [da] comenšamento de nascione a voi et a vostri antecessori lý habia amplificamento de maior solicitudine a necessaria soa salute e mantinemento...

1.1 [Detto di una somma di denari]. Fras. Mettere a (in)amplificamento: aggiungere.

[1] Doc. venez., 1321, 105, pag. 172.23: item laso a mia fia sovrascrita quelle CC lbr. le qual eo impromissi a si et a so marido lasar ala morte mia, aš˛ ch'elle debia esser metude Ômplificamento dele soe dote...

[2] Doc. venez., 1321, 105, pag. 172.28: inperš˛ eo lago ala sovrascrita mia fia quelle sovrascrite CC lbr. aš˛ ch'ele deba esser messe in amplificamento dela soa impromessa sý co' eo impromissi...

2 Fig. Esaltazione, magnificazione.

[1] Matteo dei Libri, XIII sm. (bologn.), 37, pag. 108.17: Ma per quello ke questa visenda Ŕ ben grande, e grandemente Ŕ passata al core de quisti ke qui Ŕno, se convene ke grandemente sopra š˛ dibiamo vedere e pensare e deliberare e meter in opera tuto quello ke sia grandeša, exaltamento et amplificamento del nostro signore.

[u.r. 28.06.2006]