ANA (2) s.f.

0.1 ana, ane, anna.

0.2 Ar. ana 'pena che abbatte' (DEI s.v. ana 2).

0.3 Bonagiunta Orb. (ed. Parducci), XIII m. (lucch.): 1.

0.4 In testi tosc.: Bonagiunta Orb. (ed. Parducci), XIII m. (lucch.); Ruggieri Apugliese (ed. Contini), XIII m. (sen.); Fiore, XIII u.q. (fior.); Palamedés pis., c. 1300.

0.5 Locuz. e fras. perdere l'ana 1.1.

0.7 1 Travaglio interno, affanno. 1.1 Estens. Sforzo (per compiere qsa), fatica; lavoro, impegno. Fras. Perdere l'ana: sprecare la fatica, compiere un inutile sforzo.

0.8 Milena Piermaria 18.04.2000.

1 Travaglio interno, affanno.

[1] Bonagiunta Orb. (ed. Parducci), XIII m. (lucch.), canz. 4.44, pag. 56: E sì serò contento / così del male e de le gravi pene / come serìa del bene; / ch'Amor ha in sé ben tanto signoragio, / che mi pò dar coragio; / e l'ire e l'ane e le pene e la noia / mi porìa ritornare a suo piacere in gioia.

[2] F Guittone d'Arezzo, a. 1294 (tosc.): Dumque bene puo' vedere / quelgli che sono di tale intendimento / che troppo gli· à ['n] podere mala natura. / Echuì è ana a sofrire / e s'à poco di bene e gran tormento. || CLPIO, V 145 GuAr.60.

[3] Fiore, XIII u.q. (fior.), 90.14, pag. 182: Ma già religione ivi non grana, / Ma grana nel cuor umile e piatoso / Che 'n trar sua vita mette pena e ana».

1.1 Estens. Sforzo (per compiere qsa), fatica; lavoro, impegno. Fras. Perdere l'ana: sprecare la fatica, compiere un inutile sforzo.

[1] Ruggieri Apugliese (ed. Contini), XIII m. (sen.), Provenzano.37, pag. 909: Provenzano, ki riniega / la leg[g]e cristïana, / rascion è, se la riniega, / l'anima aver insana: / [e'] perde la su' ana, / ki in Dio non à fede.

[2] Fiore, XIII u.q. (fior.), 110.3, pag. 222: «Ancor sì non comanda la Scrittura / Che possent'uon di corpo cheg[g]ia pane, / Né ch'e' si metta a viver d'altrù' ane.

[3] Detto d'Amore, XIII u.q. (fior.),434, pag. 509: E s'elle son di lana, / Sì non ti paia l'ana / A devisar li 'ntagli, / Se ttu à' chi gli 'ntagli.

[4] Palamedés pis., c. 1300, Pt. 1, cap. 17, pag. 19.13: Signore cavalieri - disse Breus - , or me dite, se Dio vi salvi, che cortesia volete voi ch' io vo faccia? - - Quando voi medesmo lo connoscete - ciò disse lo cavalieri - , che voi non amaste unqua cortesia fare, perché vo parlerei io di cortesia? Ciò serebe anna perduta, e farei bene tutto dirittamente come quelli che ara la ripa.

[5] A. Pucci, Centiloquio, a. 1388 (fior.), c. 6, terz. 88, vol. 1, pag. 72: Veggendosi dal Papa spodestato / del titol dello 'mperio, e d'ogni onore / della Corona, e d'ogni ben privato, / subitamente si fermò nel core, / di metter suo poder, fatica, ed ana / contra gli amici del Sovran Pastore...

[u.r. 05.02.2018]