ANARE (1) s.m./s.f.

0.1 anar', anare, anari, enari.

0.2 Da nare.

0.3 Intelligenza, XIV in. (tosc.): 1.

0.4 In testi tosc.: Intelligenza, XIV in. (tosc.); Ricette di Ruberto Bernardi, 1364 (fior.).

0.7 1 [Anat.] Narice.

0.8 Roberto Leporatti 15.02.2000.

1 [Anat.] Narice.

[1] Intelligenza, XIV in. (tosc.), 244.6, pag. 209: e due feroci buoi grandi d'ermento, / che per li anar' gittavan fuoco ardente...

[2] Simintendi, a. 1333 (tosc.), L. 7, vol. 2, pag. 75.10: Ecco gli tori, co' pi del rame, mandano fuori lo foco, soffiando per gli anari del diamante...

[3] Ottimo, Purg., a. 1334 (fior.), c. 12, pag. 208.27: Poi partendosi, bagne lei col sugo dell'erba ecados, e incontanente li capelli toccati del tristo sugo cascarono, e le anare, e li orecchi menoma nel capo...

[4] Ricette di Ruberto Bernardi, 1364 (fior.), pag. 33.32: Lo sugho de la ruta, messo ne li anari del naso, fa uscire lo sangue: messo a le tenpie, fa ristringniere.

[u.r. 03.07.2006]