ANCHEMĎ avv.

0.1 anchamo, anche mo', anche m˛, anchemo, anchem˛', anchemoe, anchimo, ancho m˛, anco m˛, anke mo'.

0.2 Da anche e mo.

0.3 Doc. bologn., 1287-1330 (1296): 1.

0.4 In testi tosc.: Fr. da Barberino, Regg., 1318-20 (tosc.).

In testi sett.: Doc. bologn., 1287-1330, [1296]; Supplica Fraglia Merzari, 1374 (vicent.); Codice dei Servi, XIV sm. (ferr.).

In testi mediani e merid.: Stat. perug., 1342; Passione cod. V.E. 477, XIV m. (castell.); Mascalcia L. Rusio volg., XIV ex. (sab.).

0.6 N Doc.: cit. tutti i testi.

0.7 1 Ancora (con valore discorsivo).

0.8 Pietro G. Beltrami 31.03.2003.

1 Ancora (con valore discorsivo).

[1] Doc. bologn., 1287-1330 (1296), 6, pag. 66.18: Item anchemo dixe lo predito frate ch'el Ó in la vila de Chatamuscho in l'Androna, apŔ de santa Maria, XJ tornature, el teršo de tera aratura et avignata cun una cha' suxo...

[2] Matteo dei Libri, XIII sm. (bologn.), 48, pag. 138.18: Anke dice: źLo popolo caderÓ ove non Ŕ guvernatore, ma lý Ŕ la salute ov' Ŕ molti consegli╗. Anke mo' dice quel medesmo savio: źFiglo, sanša conseglo niente fai, et de pos lo fato non te pentirai╗.

[3] Fr. da Barberino, Regg., 1318-20 (tosc.), pt. 16, cap. 2.186, pag. 349: E i' ˛ volontÓ di veder l'ovra / Ch'io ti conmisi, conpiuta e finita. / Sicch'io Prudenza anco mo' ti ricordo.

[4] Stat. perug., 1342, II.2.7, vol. 1, pag. 351.21: E quisto anche s'entenda engle strumente de le conservagione senša danpno, che 'l credetore possa costregnere el devetore egl biene suoie vendere overo en pagamento recevere per la quantitade per la quale fosse obligato overo la quale avesse pagato overo per lo danpno el quale avesse patuto.

[5] Lapidario estense, XIV pm. (trevis./friul.), cap. 12, pag. 150.14: Et Ŕ bona questa petra ad ogni incantamento fare et a convocare gli spiriti per arte de nigromancia. A[n]chem˛' digemo ch'ell'Ŕ una erba che ha nome callamita et altri ge disse camamilla.

[6] Doc. bologn., 1350, pag. 560.37: Anchemo che uno soficiente nodaro, šoŔ lo nodaro degl'Anšiani, che mo o per lo tempo serae, sempre sia a scrivere in forma piubega tuta la quantitade, el peso, el numero de la moneda che se trarae e deliberarae de la dicta šecha; [[...]]. Anchemo che quelo officio de šecha dibia durare uno anno dal die XXIJ del presente mese de novembre ad uno anno e piue e meno a la volontade del signore nostro. Anchemo che, comenšada a batere la dicta šecha, che sia licito a šaschuno che vorae adure arzento lavorado o no lavorado, ch'el non paghi dacio...

[7] Passione cod. V.E. 477, XIV m. (castell.), 515, pag. 53: A li descepoli suoi redendo, / trovale tucti in dormendo, / et li ochi loro erano serati, / de forte sonno gravati. / Anke mo' sý se partýo, / tertia fiada hor˛ a Deo / quello medesmo sermone / k'avea decto a l'altra stagione.

[8] Cost. Egid., 1357 (umbro-romagn.), L. IV, cap. 23, pag. 652.24: Bertrando Veschovo de Savina, quand'ello era Arciveschovo d' Embrun e reformatore etc. Anche mo' perch'ell' Ŕ peccato de sacrilegio in la terra propria adoperare alcuno officio...

[9] Supplica Fraglia Merzari, 1374 (vicent.), pag. 259.18: E de comandamento del dito segnoro ve scrivo che se y prediti meršari pagŔ l'ano passÓ el dacio predicto, del quale se fa mencion en la dita introclusa, che vuy y faše pagaro ancho .

[10] Codice dei Servi, XIV sm. (ferr.), 2, pag. 219.9: se de' intendere che tu te guardi da i vicij e da i pecai, e pl¨ darte ad oracione e conteplacione divina cha l'altro tempo. Anchemoe altramente, šoŔ che š˛ che tu faši, purchÚ no aibi altra intencione cha solamente [servire] a Deo e charitae del proximo, sý Ŕ bon fato, da po' che tu fae ad intencione d'avere vita eterna.

[11] San Brendano ven., XIV, pag. 142.6: E lo abado li dise: źNon abiÚ paura alguna e non ve temÚ de negota: Dio si Ŕ e serÓ in nostro aiutorio, elo ne Ó defendudo molte fiade e anche mo' ne porÓ-lo defender, s'elo li plaserÓ╗.

[12] Mascalcia L. Rusio volg., XIV ex. (sab.), cap. 4, pag. 136.5: Et generalmente de' avere el c. tucte le membra proportionate al corpo, sý i(n) longhešša como en ampiešša, de' essere anchimo el cavallo pi˛ alto de reto che denanti, como el cervio porte el collu elevato, de' anchimo avere el collo grosso, lungo el pecto...

[u.r. 04.07.2006]