AND└NICO s.m./agg.

0.1 andÓnic', andanica, andanicho, andanico, andranego, andranico, ind˛naco. cfr. (0.6 N) antonico.

0.2 Lat. mediev. andanicum, dal gr. indanikos (Cortelazzo, L'influsso greco, p. 14).

0.3 Chiaro Davanzati, XIII sm. (fior.): 1.1.

0.4 In testi tosc.: Chiaro Davanzati, XIII sm. (fior.); Cecco Angiolieri, XIII ex. (sen.); Microzibaldone pis., XIII/XIV.

In testi sett.: Giacomino da Verona, Babilonia, XIII sm. (ver.).

In testi mediani e merid.: Armannino, Fiorita (12), p. 1325 (abruzz.).

0.6 N Forse Ŕ lo stesso l'antonico di Manfredino, a. 1328 (perug.), 2.9.9, pag. 174: źe la tua spada col taglio d'antonico / m'ha rotte sý le corace e le maglie...╗.

Cfr. Giorgio Varanini, Aciaio ind˛naco, źLingua Nostra╗, XXXVII, 1976, pp. 76-78.

0.5 Locuz. e fras. acciaio andanico 2; ferro andanico 2.

0.7 1 Metallo di incerta natura simile al ferro e all'acciaio. 1.1 [Come termine di paragone, simbolo di durezza]. 2 Agg. Locuz. nom. Acciaio, ferro andanico: v. acciaio, ferro.

0.8 Rosalba Cigliana 14.07.1998.

1 Metallo di incerta natura simile al ferro e all'acciaio.

[1] Giacomino da Verona, Babilonia, XIII sm. (ver.), 42, pag. 639: Sovra la citÓ Ŕ fato un cel reondo / d'ašal e de ferro, d'andranego e de bronšo, / de saxi e de monti tuta muraa d'atorno / aš˛ k'el peccaor šamai no se 'n retorno.

[2] Microzibaldone pis., XIII/XIV, 7, pag. 204.6: Trov˛ Allexandro arte di .M. spechi di ferro forbiti, li quali ponea contra lo sole di contra ali suoi nimici, e llevando e dirissando catuno di quelli dela sua gente li dicti .M. spechi forbiti, li quali erano d'andanico di genneratione di ferro indico, ben forbiti et purgati et risprendenti...

[3] Milione, XIV in. (tosc.), cap. 59, pag. 80.15: Quivi Óe montagne ove Ó buone vene d'acciaio e d'andanico; e in queste montagne Ŕ un'altra vena, onde si fa la salamandra.

[4] Armannino, Fiorita (08), p. 1325 (tosc.), pag. 510.12: Nel meššo del castello Ŕ una grande torre tutta murata d'andanicho fino et perfino al cielo Ŕ lunga la sua cima...

[5] Armannino, Fiorita (12), p. 1325 (abruzz.), pag. 510.8: Nel meššo del castello Ŕne una gran torre tucta murata de andanico fino, perfine al cielo longha Ŕ la sua cima.

1.1 [Come termine di paragone, simbolo di durezza].

[1] Chiaro Davanzati, XIII sm. (fior.), Son. D.10.1, pag. 394: S'i' fussi andanico e 'l cor di diamante / e di cuoio di balena il vestimento...

[2] Cecco Angiolieri, XIII ex. (sen.), 81.2, pag. 199: Sed i' avesse mille lingue in bocca, / e fosser tutte d'andÓnic'o acciaio, / e 'l predicar del buon frate Pagliaio, / non potre' fare sý ch'un fil di rocca / potesse aver da que', che viver locca / pi¨ che non fa l'osorrieri 'l danaio...

[3] Nicol˛ de' Rossi, Rime, XIV pi.di. (tosc.-ven.), son. 132.1, pag. 98: S'Űo avesse la lingua andanica / et en perpetua vi pensasse su, / y' non exprimirey, ben vidi tu, / la stolta vogla che [Ŕ] la ytalica, / che fanno sÚ servi de šente galica...

2 Agg. Locuz. nom. Acciaio, ferro andanico: v. acciaio, ferro.

[1] Laude cortonesi, XIII sm. (tosc.), 23.49, vol. 1, pag. 174: Ciascun, farisei' et laico, / pi¨ for duri k'aciaio ind˛naco / d'intendar, quella gente prava!

[2] Francesco di Vannozzo, Rime, XIV sm. (tosc.-ven.), 146.4: Io son fratello d'ogni amor tiranico, / d'ogni mondana e vaga conpagnia, / per la virt¨ inaurata, cortesia, / con punte fabricate a ferro andranico, / sý che star voglio ormai stretto nel manico...

[u.r. 17.02.2016]