ANGORE s.m.

0.1 angor, angore.

0.2 Lat. angor, angorem (LEI s.v. angor).

0.3 F Natuccio Cinquino pisano, XIII (pis.): 2; Libro pietre preziose, XIV in. (fior.): 1.

0.4 In testi tosc.: F Natuccio Cinquino pisano, XIII (pis.); Libro pietre preziose, XIV in. (fior.).

In testi sic.: Sposiz. Pass. s. Matteo, 1373 (sic.).

0.6 N Doc. esaustiva.

0.7 1 Affanno, sofferenza fisica. 2 Pena, dolore, angoscia. 2.1 Accidia, tristizia.

0.8 Roberto Leporatti 24.03.2000.

1 Affanno, sofferenza fisica.

[1] Libro pietre preziose, XIV in. (fior.), pag. 321.5: Lyus s uno animale del lupo cerviere, la cui orina s fae una pietra preziosa, ch' chiamata lygorio, et colore d'ellectro; e trae la scabbia a s, e mitiga e cura il dolore de lo stomaco, e ripara l'angore alli iterici, e costringne i dolori del ventre.

2 Pena, dolore, angoscia.

[1] F Natuccio Cinquino pisano, XIII (pis.): Poi sono stato convitato a ccorte / da quei che port'' di chiarir errore, / e mostrato per suo dittato forte / che 'ntr'ale porte tne lui l'angore / (ed peccato, ch dannato in tort' / s che isport' d'onni gran tristore!), / pi se' pregiato, e' maggior grat' e[n] sorte, / e pi onor t' con vero sprendore. || CLPIO L 330 NaCi.4.

[2] F Canz. an. Rosa aulente, XIV (tosc.): E te comfortti / e me che sportti, / ch'era senza noia; / no m portti / di[s]comfortti / n l'angore croia; / gioia mi doni ch'amore non m'amortti. || CLPIO V 271.76.

2.1 Accidia, tristizia.

[1] Sposiz. Pass. s. Matteo, 1373 (sic.), prologo cap. 8, vol. 1, pag. 32.3: Kistu originali peccatu, sicundu li savii et li santi disscipuli di Cristu, si clama originali culpa, reatu, tirapnu, ligi di li membri, ligi di cuncupissencia, l'angor nature, muffa di cuncupissencia, turtia di l'omu, pronitati a mali, difficultati a beni, ligi di peccatu, ligi di morti. || Ma sar da intendere piuttosto come langor nature (naturae): cfr. Contemptu mundi (I), XIV sm. (tosc.), L. 1, cap. 3, pag. 84.23: Questo el tiranno della carne, la feccia, ovvero la legge delle membra, el nutrimento del peccato, el langore della natura, la pastura della morte, [senza el quale nessuno nasce], senza el quale nessuno muore, el quale se qualche volta passa per colpa, niente di manco sempre rimane per atto.

[u.r. 05.02.2018]