ANNOMARE v.

0.1 annomae, annomati, anoma', anomà , anomá, anomada, anomade, anomadha, anomadho, anomadi, anomao, anomare, anomarse, anome, anomerà , anomo.

0.2 Da nome.

0.3 Pietro da Bescapè, 1274 (lomb.): 1.

0.4 In testi sett.: Pietro da Bescapè, 1274 (lomb.); Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.); Anonimo Genovese (ed. Cocito), a. 1311; Jacopo della Lana, Inf., 1324-28 (bologn.); Doc. venez., 1348 (4).

0.7 1 Aver nome; chiamare per nome. 1.1 Pronunciare, proferire un nome. 1.2 Pron. Rivelare il proprio nome, farsi identificare. 1.3 Menzionare con importanza. 1.4 Invitare qno a venire in un luogo, chiamare a sé. 2 Conferire o ottenere una dignità o una carica pubblica, eleggere. 3 Designare secondo una particolare qualità o condizione.

0.8 Roberto Leporatti 15.06.2000.

1 Aver nome; chiamare per nome.

[1] Pietro da Bescapè, 1274 (lomb.), 524, pag. 42: Quando illi fon a quela citá / Ke Bethleem fi anomá, / Lí de fora molto apresso / Maria aparturí lí adesso, / In un logo molt poverile, / Lo quale fi dito bovile.

[2] Anonimo Genovese (ed. Cocito), a. 1311, 16.270, pag. 190: Ma infra zo se misse in via / un noble omo anomao / Joseph ab Arimatia, / chi so disipolo era stao.

[3] Atrovare del vivo e del morto, a. 1375 (emil.), iii. st. 4.6, pag. 163: Lo primo nome è de gran posança / in l'inferno scuro, chi Ago è annomae...

1.1 Pronunciare, proferire un nome.

[1] Bart. da San Concordio, 1302/08 (pis.>fior.), dist. 40, cap. 1, par. 12, pag. 565.22: Cassiodoro, ivi libro quinto. Se coloro, a' quali molti mirano, sono insozzati d'alcuna riprensione, egli per lo loro stato rendono palese e chiare le loro macule; e più faceva per loro non essere veduti, che con beffe di molti essere annomati.

[2] Giovanni da Vignano, XIII/XIV (bologn.>ven.), cap. 76, pag. 320.19: Eio clamo marçé al nostro segnore Deo et a la soa sanctissima madre madona sancta Maria et al biato messere san Çumigna' chi è coe e guida de questa terra - e anome lo nomme de vesco chi à, e po' diga ensì :- che a loro piaça e façam ch'el sia che in questo conseio se diga e prenda quelo chi sia soa laude e piaçere e sia bom stato e tranquilità de li homigni e del comune de questa terra e de chi a lue attende.

[3] Doc. venez., 1348 (4), pag. 205.15: Anchora arecordo che lo può eser che Franciscina mia muier al tempo d'anchuo se graveda: se la fese fijo o fijoli o fija o fije lasole chosì in albitrio de mio frar miser Marin, cho' li laso le oltre anomade per nome, como ch'elo de farà me plasse.

- [Rif. a una divinità].

[4] Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.), Disputatio rose cum viola, 68, pag. 79: Ma tu cum cossa ville, tu zopa, tu sidradha, / Invers la terra guardi co la boca badhadha, / Donca sont eo plu degna da fí plu honoradha, / Ma tu no seriss degna de fí pur anomadha».

[5] Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.), Rationes quare Virgo tenetur diligere peccatores, 99, pag. 235: «Eo voi ke tu me appendi, ke 'l viver me desplax». / Illora l'olcellato respos al desperao: / «Met la correza in collo se tu voi ess aiao, / E 'l nom dra matre 'd Criste no fia pur anomadho.

1.2 Pron. Rivelare il proprio nome, farsi identificare.

[1] Maramauro, Exp. Inf., 1369-73 (napol.>pad.-ven.), cap. 32, parr. 46-53, pag. 470.29: Allora el presi per la coticagna e dissi: «El converrà che tu ti nomi, o che capel qui sù non ti rimagna». [97-99] D. dice che costui converrà anomarse, O che capel etc..

1.3 Menzionare con importanza.

[1] Elucidario, XIV in. (mil.), L. 3, quaestio 7, pag. 184.22: \D.\ Perqué fi più anomadi quisti dì cha li oltri? \M.\ Tri e quatro fan sete; per li tri è significada la Trinitad, per li quatro l'omo, ch'è fagio de quatro eliminti.

1.4 Invitare qno a venire in un luogo, chiamare a sé.

[1] Jacopo della Lana, Inf., 1324-28 (bologn.), c. 20, 106-114, pag. 506, col. 1.14: E perché in li fatti de Troia fo necessario anomare Euripillo, sí come àuguro di Greci, perzò dixe che cussí lo chiamò l'alta sua tragedia.

2 Conferire o ottenere una dignità o una carica pubblica, eleggere.

[1] Giovanni da Vignano, XIII/XIV (bologn.>ven.), cap. 76, pag. 321.10: E prego çaschaum che de quigi chi serà anoma' in questo conseio sia tale confermato ch'elo per so senno et per soa bontà, se lo nostro stato no fosse tuto prospero, recunçe e redugalo in quela prosperità chi sia reposo de questa terra e moltiplicamento de le persone e de l'avere...

3 Designare secondo una particolare qualità o condizione.

[1] Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.), De peccatore cum Virgine, 82, pag. 51: Per mi tu he tal gratia ke tu e' exaltadha / Sor tug angei e archangei. Per mi tu fi' anomadha / Matre de De poënte, Vergen glorificadha, / E sor le altre vergene regina incoronadha.

[2] Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.), Rationes quare Virgo tenetur diligere peccatores, 11, pag. 232: Ella è aprov l'Altissimo plu grand e plu exaltadha / Ke sia in ce ni in terra, e fi plu honoradha: / Regina 'd paradiso perzò fi 'la anomadha / Perzò k'ella è dr'Altissimo matre glorificadha.

[3] Legg. sacre Mgl. XXXVIII.110, XIV sm. (sett.), 9, pag. 26.29: E vendè tute queste conse e metèlle a i pe' d'i apostoli. Stagando Maria en delicie ni no atendando a Deo, ma pur al corpo soe, ella se metè a far male del corpo soe cum tanti ch'ella no fideva anomà se no per peccatrice.

[u.r. 19.04.2010]