ANSIA s.f.

0.1 anscio, ansio, anxii; f: ansia.

0.2 Lat. anxia (LEI s.v. anxia).

0.3 Elucidario, XIV in. (mil.): 1.

0.4 In testi sett.: Elucidario, XIV in. (mil.); Jacopo della Lana, Inf., 1324-28 (bologn.).

In testi mediani e merid.: Gloss. lat.-eugub., XIV sm.

0.5 Anche s.m. (ansio).

0.6 N Doc. esaustiva.

0.7 1 Stato di forte agitazione interiore, angoscia. 2 Respiro affannoso. 3 Desiderio ardente, bramosia di qsa.

0.8 Rossella Mosti 03.07.2000.

1 Stato di forte agitazione interiore, angoscia.

[1] Elucidario, XIV in. (mil.), L. 2, quaestio 15, pag. 144.5: E quisti no n senza torminti, perz che sempre fin crutiadi da la soa rea consientia e continuamente in anxii e temorizi ch'illi no fizano prixi e morti on tolegie le soe cosse...

[2] f Plutarco volg., XIV ex.: E veggendo che il tempo passava, non avea pi forza nella sua persona, ma a poco a poco s'indeboliva, ed avea ansia nel cuor per la paura che ella avea. || Crusca (5) s.v. ansia.

2 Respiro affannoso.

[1] Jacopo della Lana, Inf., 1324-28 (bologn.), c. 24, 34-45, pag. 578, col. 1.8: Or s'ello [[lo polmone]] ventilla continuo per movimento convene essere de nervi li quai per molta fadiga receveno varietade; e se continuo lo polmone no oresza 'l core che festini o ver tardi di pi, incontinenti receve varietade, et ansio l'omo, e per consequens la fadiga ten l'omo quasi amazado e vinto.

[2] Gl Gloss. lat.-eugub., XIV sm., pag. 84.1: Hic anelitus, tus id est l'anscio.

[3] f Libro delle mascalcie, XIV: Quando la bestia incomincia a infermare, incontanente comincia a stare tristo e pigro, e non dorme [[...]] l'ansio spesso grave; la bocca secca e calda. || Crusca (Gl.) s.v. ansio; dal ms. Ricc. 2300.

3 Desiderio ardente, bramosia di qsa.

[1] F Laude pseudoiacoponica trecentesca, La superbia de l'altura, str. 8: Or vedessi almen l'ansia, / con che ognun morte disia, / d'esto demone incarnato. || Tresatti, p. 121.

[u.r. 05.02.2018]