ANTRO s.m.

0.1 antri, antro.

0.2 Lat. antrum (LEI s.v. antrum).

0.3 Petrarca, Canzoniere, a. 1374: 1.

0.4 In testi tosc.: Petrarca, Canzoniere, a. 1374; Francesco da Buti, Par., 1385/95 (pis.).

In testi sett.: Gid. da Sommacamp., Tratt., XIV sm. (ver.).

0.6 N Doc.: cit. tutti i testi.

0.7 1 CavitÓ nella roccia, caverna, grotta.

0.8 Pietro G. Beltrami 05.09.2006.

1 CavitÓ nella roccia, caverna, grotta.

[1] Petrarca, Canzoniere, a. 1374, 303.5, pag. 377: fior', frondi, herbe, ombre, antri, onde, aure soavi, / valli chiuse, alti colli et piagge apriche, / porto de l'amorose mie fatiche, / de le fortune mie tante, et sý gravi...

[2] Francesco da Buti, Par., 1385/95 (pis.), c. 33, 55-66, pag. 863.1: una donna nel tempo d'Apolline, che si chiamava sibilla, che dava risposta delle future cose, e chiamavasi Sibilla cumana, perchŔ era presso a la cittÓ chiamata Cume e stava nell'antro, dove era lo spirito che li dava a sapere le future cose...

[3] Gid. da Sommacamp., Tratt., XIV sm. (ver.), cap. 3, par. 13, comp. 42.74, pag. 120: Quando per lo splendor de l'alta fronte / de Cynthia, Thisbe vide la liona / ch'avea de sangue la bocha machiata, / alor, tutta turbata, / per temenša de perder la persona, / corse ne l'antro dela sepoltura / e lý s'ascose piena de paura.

[u.r. 05.02.2018]