ANZERUTO s.m.

0.1 anzarutu, anzeruto, azeruto.

0.2 Ar. anzarut (DEI s.v. anzeruta).

0.3 Doc. catan., 1345: 1.

0.4 Pegolotti, Pratica, XIV pm. (fior.).

In testi sic.: Doc. catan., 1345.

0.6 N Doc.: cit. tutti i testi.

0.7 1 Resina gommosa importata per uso medicinale dalla Persia o dall'Arabia, sarcocolla.

0.8 Niccolò Scaffai 10.03.2000.

1 Resina gommosa importata per uso medicinale dalla Persia o dall'Arabia, sarcocolla.

[1] Doc. catan., 1345, pag. 39, col. 3.5: arca, cardamuni, argentu vivu, sapuni mollu, cordelli di filu, anzarutu, vernici, sangui di draguni, mirra, russectu, lignu di garofali, vitru. opera ki porta, verdi pir mirra (?), li bardi pinti, leunellu, indecu, liume salati, candeli di sivu pinti.

[2] Pegolotti, Pratica, XIV pm. (fior.), pag. 299.21: Anzeruto si garbella, e la sua garbellatura vale il 1/3 di ciò che vale il buono anzeruto.

[3] Pegolotti, Pratica, XIV pm. (fior.), pag. 70.1: A cantar forfori si vendono Giengiovo, e lacca, e 'ncenso, e verzino, e argento vivo, denti di liofante, orpimento, seme da vermini, e sandali, zettoaro, e aloe d'ogni ragione, e azurro fine della Magna, e azeruto, e cassia ligna, e tamerendi, e costo amaro...

[u.r. 05.02.2018]