ANZI (1) avv./cong.

0.1 amsi, an, an', ance, anše, anchi, anci, anši, ancie, anšo, anšy, ansi, anz, anz', anze, anzi.

0.2 Lat. *antius (LEI s.v. *antius).

0.3 Raimb. de Vaqueiras, Contrasto, c. 1190 (gen.): 1.

0.4 In testi tosc., toscanizzati e corsi: Ritmo laurenziano, XII sm. (tosc.); Doc. montier., 1219; Giacomo da Lentini, c. 1230/50 (tosc.); Lett. sen., 1253 (2); Bonagiunta Orb. (ed. Parducci), XIII m. (lucch.); Brunetto Latini, Rettorica, c. 1260-61 (fior.); Poes. an. sang., 1270-71 (2); Restoro d'Arezzo, 1282 (aret.); Bestiario toscano, XIII ex. (pis.); Doc. prat., 1305; Doc. pist., 1294-1308; Doc. volt., 1322; Stat. cort., a. 1345; Stat. collig., 1345; Doc. cors., 1365.

In testi sett.: Raimb. de Vaqueiras, Contrasto, c. 1190 (gen.); Proverbia que dicuntur, XII u.q. (venez.); Uguccione da Lodi, Libro, XIII in. (crem.); Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.); Lett. mant. 1282-83 (?); Rainaldo e Lesengr. di Udine, XIII (friul.); Poes. an. padov., XIII sm.; Matteo dei Libri, XIII sm. (bologn.); Belcalzer (ed. Ghinassi), 1299/1309 (mant.); Legg. S. Caterina ver., XIV in.; Stat. trent., c. 1340; Stat. bergam., XIV pm.; Enselmino da Montebelluna, XIV pm. (trevis.); Dondi dall'Orologio, Rime, XIV (padov.).

In testi mediani e merid.: Simone Fidati, Ordine, c. 1333 (perug.); Neri Moscoli, Rime, XIV pm. (castell.); Buccio di Ranallo, Cronaca, c. 1362 (aquil.).

In testi sic.: Mascalcia G. Ruffo volg., a. 1368 (sic.).

0.5 Per gire anzi > gire 1.

Locuz. e fras. anzi che no 1.2; anzi scritto 1.3.

0.7 1 [Con valore avversativo:] piuttosto, invece. 1.1 [A correzione di un errore:] ossia. 1.2 Locuz. avv. Anzi che no: alquanto, piuttosto. 1.3 [Con valore testuale:] locuz. agg. Anzi scritto: che Ŕ sopra, nella parte precedente (di uno scritto). 2 Al contrario; [con valore correttivo:] ancor pi¨ [o anche:] pi¨ precisamente. 3 [Con valore locativo:] davanti, prima.

0.8 Paolo Squillacioti 26.01.2001.

1 [Con valore avversativo:] piuttosto, invece.

[1] Raimb. de Vaqueiras, Contrasto, c. 1190 (gen.), 18, pag. 164: Jujar, voi no sei corteso / qe me chaidejai de zo / qe negota no far˛. / Ance fossi voi apeso! / Vostr'amia non ser˛.

[2] Ritmo laurenziano, XII sm. (tosc.), 28, pag. 192: Lo vescovo Grimaldesco, / cento cavaler'a desco / d'in un tenpo no lli 'ncrescono, / anši plašono e abelliscono.

[3] Uguccione da Lodi, Libro, XIII in. (crem.), 57, pag. 602: Non Ŕ om en 'sto mondo, sire Deu, s'el T'onfende, / s'el de li soi peccati envers Ti se repente, / qe de la T÷a gracia no sea ric e maienente, / qÚ guerra [nÚ] regoio no te fo a talente, / anci mandasti pase enfra tuta la šente.

[4] Doc. montier., 1219, pag. 48.32: It. a qualunq(ue) omo fie coma[n]dato p(er) seram(en)to (e) noĚ lo s(er)varae, sia tenuto di pagare al signore u co(n)suli lx s., (e) poscia no(n) siano <tenuti> renduti, anzi li spendarae il signore nel fatto de la co(m)pagnia...

[5] Giacomo da Lentini, c. 1230/50 (tosc.), 1.25, pag. 12: foc' aio al cor non credo mai si stingua; / anzi si pur alluma: / perchÚ non mi consuma?

[6] Lett. sen., 1253 (2), pag. 204.32: Inper˛ vo facio contio che io me ne serei volo(n)tieri venuto coĚ lloro, m'Aldob(ra)ndino Gonšolino sý mi dise da vostra p(ar)te che io no mi partise di Peroscia, anši vi rimanese p(er) pagare i cavaieri di Peroscia (e) altri cavaieri dela co(n)trada, (e) disemi che a llui conveniva andare a Cortona p(er) fare la sicurtÓ ai cavaieri di Cortona, und'io volendo obedire sý ci sono rimaso.

[7] Bonagiunta Orb. (ed. Parducci), XIII m. (lucch.), son. 4.12, pag. 81: No se dev'omo troppo ralegrare / di gran grandeza nÚ tener ispene, / chÚ gli Ŕ gran doglia alegressa fallire. / Anzi si deve molto umiliare, / non far soperchio perch'agia gran bene, / chÚ ogna monte a valle dÚ' venire.

[8] Brunetto Latini, Rettorica, c. 1260-61 (fior.), pag. 65.10: Adunque Ŕ provato che conforto nÚ disconforto non possono essere materia di questa arte. Ma consolamento puote anzi essere materia del parliere, perci˛ che puote venire sopra cosa c'ancora non sia pervenuta all'anima.

[9] Poes. an. sang., 1270-71 (2), 11, pag. 69: Gravoso sono (e) doloroso vivo / p(er)chÚ l'amore como suol n(on) pare, / anši potente acceso focho (e) vivo.

[10] Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.), De Sathana cum Virgine, 95, pag. 31: Lo peccaor del mondo plu t'ß offes ka mi: / Per lu fo mort to fio, ma no miga per mi, / E no 'l vol recognossce, anz pecca omia di, / E sÝ 'l reciv po anche sed el se torna a ti.

[11] Restoro d'Arezzo, 1282 (aret.), L. I, cap. 3, pag. 7.11: E questi doi ponti so' detti solstizio, emperci˛ che quando lo sole Ŕ en su questi doi ponti, sta, e non va pi¨ enverso setentrione nÚ enverso lo mezzodie, anzi torna enderetro...

[12] Bestiario moralizz., XIII (tosc./aret.-castell.), 64.9, pag. 868: Similimente lo rio cristiano / non guarda l'alma sua co' si convene, / anši s'adorme, [sý] conmo lo tiro, / per encanto de spiriti malengni, / e perdese lo balsamo ke guarda.

[13] Rainaldo e Lesengr. di Udine, XIII (ven.), 605, pag. 176, col. 1: Quant la cavra vÚ Isigrin, / c[h]'ella no 'l tein per so bon visin, / nÚ Ó paura nÚ vol fušir, / anši sta ardida e balda...

[14] Meo di Bugno, XIII sm. (pist.>trevis.), 6, pag. 26: No so qual dig demoni m'Ó veduto, / chÚ, sendo sancto, no sere' creduto, / anzi me scrideria la zente a torma.

[15] Poes. an. padov., XIII sm., 53, pag. 807: Le done oldý šo k'ela disse; / nexuna d'ele contradisse, / anšo fo tegnuo tuto per bene / e cosa ke ben se covene...

[16] Matteo dei Libri, XIII sm. (bologn.), 12, pag. 44.8: questa discordia k'Ŕ intra N. et M. se debia dare in manu de la nostra potestate e del nostro communo, habiando questo intendimento in noi k'elli non lo dema[n]dano per soplar nel foco, anši volno kel foco, ke par ke se vogla accendere...

[17] Bestiario toscano, XIII ex. (pis.), cap. 12, pag. 33.6: E cussý sono una maynera di gente che sono in peccati e tanto li tiene acecati la loro fellonia che non congnosceno lo loro malo stato, e sý non ne sanno uscire, anši pur diceno: Dimane, dimane.

[18] Serventese Lambertazzi, XIII u.v. (bologn.), 446, pag. 864: De questa cosa curare non parea, / anci s'aliegra cum loro per la via, / ma de curto glie ordenarÓ una tela / como oderiti.

[19] Legg. S. Margherita, XIII ex. (piac.>ver.), 57, pag. 3: Ela fo fiia d'un pagan, / D'un gentilisimo patriarcha / A cui Ŕ mester che Deo ge parcha, / Per šo crešo ch'el Ŕ perd¨, / S'el Ŕ cosý como e' ˛ olš¨ / Ch'el no creva en De' verax / Sý como li Cristiani fax: / Anci orava una figura / Facta de prea e d'enpentura...

[20] Doc. prat., 1305, pag. 453.24: Queste cose noĚ sono nascoste, anši le sanno tucti li Pratesi che cosý Ŕe vero.

[21] Doc. pist., 1294-1308, pag. 135.3: La Deccha mi ne iscrisse ed io le fornii lo facto, che se avesse avuta la lectera tua prima, sichuroti che no(n) sere(b)be fornito p(er) quello modo, a(n)ši avrei p(ro)vata questa forša p(er) rascione, no(n) dicho p(er) ci˛ ched era sua.

[22] Belcalzer (ed. Ghinassi), 1299/1309 (mant.), pag. 167.30: Altr melanconich Ŕ chi caz in pessima suspition irrevocabelmente, e per nient porta odiy ay so amis e vituperay e confundey, anz a la fiada senza caxon, ma per mata suspicion a la fiada ie fer e a la fiada i oncý.

[23] Legg. S. Caterina ver., XIV in., 668, pag. 279: [R]esponde l'imperaore e dis a la polšella: / źQuesta toa raxon me pare savia e bella, / non ee voxe d'omo ki la poesse proferire, / anši Ŕn gi nostri dei ki te lo fano dire; / und'Ŕ degna consa ke tu debie adorare / questi nostri dei ke te fan cosý parlare.╗

[24] Doc. volt., 1322, 4, pag. 13.32: Fecilo richiedere per quessto debito: non venne innanši, anši fece venire innanši Petro di Baccio di Locto secondo che procuratore di messer Vanni iudece a protestare che non mi fusse data tenuta sopra la casa di ser Bartalommeo cum ci˛ fusse cosa ch'ella fusse di messer Vanni iudice, a cci˛ ch'io non fusse mai pagato.

[25] Nicol˛ de' Rossi, Rime, XIV pi.di. (tosc.-ven.), canz. 2.42, pag. 8: De'! pensati ch'el stato nonn Ŕ eterno; / anši sale e scende quanto pyaše / al veraše - iudic´o che rešše / onni creato cum sua forma e lešše.

[26] Stat. trent., c. 1340, cap. 41, pag. 36.20: It. sý statuemo e sý ordenemo che la nostra casa, no se deba clamar per hospetal, anšo se deba clamar e dir casa de misericordia e de la disciplina de li batuy ladegy, e chi contra disesso, sý deba pagar una onša de cera.

[27] Stat. cort., a. 1345, cap. 6, pag. 131.6: Ancho ordenamo che quelgli de la compagnia se debiano onorare insieme, amare l'uno l'altro, e servire en ci˛ che puono convenevolemente, secondo la gratia e la grandeša che Dio Ó data a ciascuno, a ci˛ che l'uguagianša de lo stato, no desuguagli l'onore e 'l servitio, anši chi magiure et migliore ene, sia a le decte virtude.

[28] Stat. collig., 1345, cap. 12, pag. 12.24: Et altre mente nŔ in altro modo essa arte non possa operare, anši s'intenda e sia dala decta universitÓ e de' benefici d'essa per essa ragione exchiuso.

[29] Stat. bergam., XIV pm. (lomb.), cap. 32, pag. 266.35: Ancora hano statuito e ordinato che non sia alcuna persona de la dita congregatione che olzi ný debia vestirse la capa de alcuno di compagni nÚ scoriata usare sanza licentia de lo ministro, anze caduno se vestisse la capa propria e usi la sua scoriata.

[30] Enselmino da Montebelluna, XIV pm. (trevis.), 682, pag. 44: La Chananea che te chridava drio, / tu la exaudisti pur, e mi topina / tu non exaudi, anzi m'e fato rio.

[31] Neri Moscoli, Rime, XIV pm. (castell.), 32.3, pag. 577: Qual Ŕ colui ch'Ŕ del suo aver tenace, / lo quale avar s'appella, ben lo saie, / che a sÚ non pro' ne face, anz' ha sol guaie, / nÚ de donarne altrui pˇnto li piace...

[32] Cost. Egid., 1357 (umbro-romagn.), L. IV, cap. 18, pag. 643.25: Et etiamdeo essi et loro descendenti in perpetua in le terre delle Ghiesia a nessuno officio e beneficio sianno admessi, anši ne siano exclusi ipso iure...

[33] Buccio di Ranallo, Cronaca, c. 1362 (aquil.), XLII, pag. 10: Uscý contra re Carlo, con impeto se mosse, / Con una lancia in mano adosso li percosse; / Del quale culpo re Carlo de sella non mutosse, / Ansi la soa lancia in su lo petto li posse.

[34] Mascalcia G. Ruffo volg., a. 1368 (sic.), Di la guardia..., pag. 572.3: E lu cavallu, ki esti cunplutu di etati, ruda herba e firraina pir spaciu di unu misi tantu, et non staa ad ayru: anci staa in casa, tinendu adossu carpita di lana grossa.

[35] Maramauro, Exp. Inf., 1369-73 (napol.>pad.-ven.), cap. 25, pag. 382.24: Lo traffito, idest l'omo, lo mir˛ ma disse nulla; anci sbadigliava coi pedi fermati como somno o febre gli comenzasse de venire.

[36] Dondi dall'Orologio, Rime, XIV (padov.), 8.11, pag. 25: Al sý m'ocorre poy da l'altro canto, / che l'huom civil non de' star solitario, / anzi Ŕ des´o naturale et santo / aver famiglia...

1.1 [A correzione di un errore:] ossia.

[1] Pegolotti, Pratica, XIV pm. (fior.), pag. 79.24: Lovano, della grande magione... canne 14 Mellati di Bruggia... canne 11 3/4 Vergati di Guanto... braccia 12 anzi canne 12 Vergati di Popolungo... canne 14...

[2] Pegolotti, Pratica, XIV pm. (fior.), pag. 216.21: Tutte le mercantie che si vendono in Genova si vendono e comperano a libbre anzi a lire di genovini piccioli, e pagansi di genovini o di fiorini d'oro, d'ogni soldi 25 di genovini piccioli uno fiorino d'oro o uno genovino d'oro, come in Firenze de' soldi 29 a fiorino uno fiorino d'oro.

1.2 Locuz. avv. Anzi che no: alquanto, piuttosto.

[1] Boccaccio, Decameron, c. 1370, II, 10, pag. 171.24: Io so che voi siete divenuto un pro' cavaliere poscia che io non vi vidi! Andate, e sforzatevi di vivere, chÚ mi pare anziche no che voi ci stiate a pigione, sý tisicuzzo e tristanzuol mi parete.

[2] Boccaccio, Decameron, c. 1370, III, 10, pag. 254.22: E cosý alcuna volta le sodisfaceva, ma sý era di rado, che altro non era che gittare una fava in bocca al leone: di che la giovane, non parendole tanto servire a Dio quanto voleva, mormorava anziche no.

[3] Boccaccio, Decameron, c. 1370, IV, 2, pag. 279.4: Donna zucca al vento, la quale era anziche no un poco dolce di sale, godeva tutta udendo queste parole e verissime tutte le credea...

1.3 [Con valore testuale:] locuz. agg. Anzi scritto: che Ŕ sopra, nella parte precedente (di uno scritto).

[1] Dom. Benzi, Specchio umano, a. 1347 (fior.), pag. 159.21: Ritornando ormai al facto, per˛ che forse essere stato troppo prolisso nell'anzi scritto prohemio sar˛ giudicato da' pi¨ savi, imprima voglo chotanto a pi¨ chiarezza d'esso dire.

2 Al contrario; [con valore correttivo:] ancor pi¨ [o anche:] pi¨ precisamente.

[1] Brunetto Latini, Rettorica, c. 1260-61 (fior.), pag. 155.8: Et perci˛ falla chi dice che salutazione Ŕ un titolo fuor del fatto; anzi si scrive e s'inchiude e sugella dentro; ma 'l titolo della pistola Ŕ la soprascritta di fuori, la quale dice a cui sia data la lettera.

[2] Fiori di filosafi, 1271/75 (fior.), pag. 194.10: Non ti maravigliare se li uomini vanno a Dio, chÚ Dio venne alli uomini, anzi ne li uomini.

[3] Bono Giamboni, Vegezio, a. 1292 (fior.), L. 2, cap. 4, pag. 42.25: Ed ancora fa bisogno di dare a molti licenza di partirsi per cagione d'infertade, e tali senza licenza la cavalleria abbandonano, ed altri sono che per diverse cagioni si muoiono, e se ciascheduno anno, anzi poco meno che catuno mese in luogo di coloro che si partono, altri giovani non fossero rimessi, verrebbe l'oste a neente, ponghiamochŔ fosse assai grande.

[4] Fiore di rett., red. beta, a. 1292 (fior.), cap. 21, pag. 23.5: ╚ un altr'ornamento che s'apella gastigamento, il quale si fa quando il dicitore quel ch'Ó giÓ detto rimuove, e un'altra cosa che me' vi s'acconcia pone in luogo di quella, in questo modo: źPoscia che questi ebber vinto - anzi, furon vinti: perchÚ, come si pu˛ vittoria appellare, onde a colui che vince si seguita pi¨ danno che prode?╗

[5] Dante, Vita nuova, c. 1292-93, cap. 11 parr. 1-3, pag. 40.6: [par. 1] Dico che quando ella apparia da parte alcuna, per la speranza de la mirabile salute nullo nemico mi rimanea, anzi mi giugnea una fiamma di caritade, la quale mi facea perdonare a chiunque m'avesse offeso...

[6] Brunetto Latini, Pro Ligario, a. 1294 (fior.), pag. 179.4: E di ci˛ nasce la colpa, anzi l'ira e l'odio contra Ligario.

[7] Giordano da Pisa, Quar. fior., 1306 (pis.>fior.), 40, pag. 208.17: E per˛ sono utili, anzi utilissime ad asegnare e mostrare l'uomo le ragioni de le cose altrui, per˛ che per nulla cosa si muove l'uomo cosý come per udire le ragioni de le cose, quando gli sono mostrate e fatte vedere.

[8] Dante, Convivio, 1304-7, IV, cap. 12, pag. 337.1: Oh com'Ŕ manifesto, anzi manifestissimo, quelle in acrescendo essere del tutto imperfette, quando di loro altro che imperfezione nascere non pu˛, quanto che acolte siano!

[9] Rim. Am. Ovid. (B), a. 1313 (fior.), pag. 356.17: Spesso gli altri giovani si refred[d]arono, ma io sempre amai, e sse tu mi domandi ora altresý che io fo, io amo. Anzi, amaestrai io con quali arti tu potessi essere aquistato, e quello che Ŕ qui ragione, era imprima impeto, disordinato assalimento.

[10] Lett. pist., 1320-22, 12, pag. 51.21: E questo Ŕ vero secondo che Baronto ci scrive, ch'Ŕ molto sollicito in questo facto. Anzi se bene intendi le lectere nostre, puoi dire che siamo stati molto solliciti...

[11] Dante, Commedia, a. 1321, Inf. 18.135, vol. 1, pag. 311: Ta´de Ŕ, la puttana che rispuose / al drudo suo quando disse źHo io grazie / grandi apo te?╗: źAnzi maravigliose!╗.

[12] Bosone da Gubbio, Avv. Cic., a. 1333 (eugub.>fior.), L. 2, cap. 6, pag. 195.26: E per avventura si leveranno invidiosi per li quali per lo sostenimento che avete fatto del detto pericolo, giudicheranno voi pi¨ di loro essere intrigati in maggior peccati, e per quello voi essere pi¨ in odio a Dio; anzi, crederanno eglino di voi essere pi¨ giusti e meno colpevoli, e pi¨ in grazia al giusto giudice.

[13] Simone Fidati, Ordine, c. 1333 (perug.), pt. I, cap. 16, pag. 650.10: Ed Ŕ falso lo lamentare che fanno molti, dicendo: źIo non ho grazia, non ho virtude; venute mi sono meno╗; anzi doverebbero dire il contrario...

3 [Con valore locativo:] davanti, prima.

[1] Itinerario luoghi santi, XIII u.q. (fior.>lucch.), pag. 163.45: Di fuori dalle mura di Giaffe, come l'umo escie di fuore per la diritta porta, che l'uomo chiama la porta di Gerusalem, si Ó una aqua che non corre. Anzi he uno luogho in del quale acqua s'abeverano le bestie della t(er)ra.

[u.r. 05.02.2018]