ANZICH╔ cong.

0.1 ancši che, ance che, anše che, anše ke, anci ch', anši ch', anci che, anšichŔ, anši che, anši chi, anši k', anci kÚ, anši ke, anci qe, anši que, anšo che, anšo k', anšo ke, anse che, ansi che, anz ghe, anz k', anz ke, anz q', anz qe, anz qu', anze che, anze k', anze ke, anze ki, anzich', anzi ch', anziche, anzichŔ, anzichÚ, anzi che, anzi k', anzi ke.

0.2 Da anzi 1 e che 2.

0.3 Uguccione da Lodi, Libro, XIII in. (crem.): 2.1.

0.4 In testi tosc.: Lett. sen., 1260; Brunetto Latini, Rettorica, c. 1260-61 (fior.); Stat. prat., 1295; Conti di antichi cavalieri, XIII u.q. (aret.); Mare amoroso, XIII ui.di. (lucch.); PalamedÚs pis., c. 1300; Lett. pist., 1320-21; Doc. volt., 1322; Stat. sang., 1334; Stat. collig., 1345.

In testi sett.: Proverbia que dicuntur, XII u.q. (venez.); Uguccione da Lodi, Libro, XIII in. (crem.); Pietro da BescapŔ, 1274 (lomb.); Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.); Lett. mant. 1282-83 (?); Sermoni subalpini, XIII (franco-piem.); Stat. bergam., XIV pm.

In testi mediani e merid.: Simone Fidati, Ordine, c. 1333 (perug.); Neri Moscoli, Rime, XIV pm. (castell.).

0.5 Per anzi che no > anzi.

0.7 1 [Esprime anterioritÓ nel tempo:] prima di, anteriormente a. 2 [Con valore avversativo, esprime il rifiuto di un lato di un'alternativa:] piuttosto, invece. 2.1 [Anzi... che in costruzioni correlative:] anzi esprime il lato preferito di un'alternativa, che quello rifiutato.

0.8 Paolo Squillacioti 26.01.2001.

1 [Esprime anterioritÓ nel tempo:] prima di, anteriormente a.

[1] Lett. sen., 1260, pag. 269.5: Egli te l'avarebe mandato dicendo p(er) sua lettera, s'eli no fusse istato nel'oste a Monte Pulciano, che v'and˛ anši che le lettere si sc[r]ivesero, e preg˛ne me Vincenti ch'io tel dovese isc[r]ivare in chesta lettara.

[2] Brunetto Latini, Rettorica, c. 1260-61 (fior.), pag. 39.4: Ma anzi che noi diciamo ci˛ che ssi comanda in rettorica, pare che sia a trattare del genere d'essa arte e del suo officio e della fine e della materia e delle sue parti...

[3] Pietro da BescapŔ, 1274 (lomb.), 1444, pag. 57: Quando el odÝ lo gallo cantare, / SÝ s'acomenša a regordare / De quelo ke i aveva dito / Lo segnor Deo, Jhesu Christo, / Ked el lo deveva renegare / Anše ke 'l gallo devese cantare...

[4] Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.), De Sathana cum Virgine, 321, pag. 41: Da po ke De saveva anz k'el m'avess creao / K'eo pur me perdereve per un soleng peccao, / Per que 'm creava el donca per ess po habissao?

[5] Lett. mant., 1282-83 (?), 3, pag. 17.8: Anchora dicho a Bonaventura che aveva comparÓ VI stanforti e due monesterole e du vergÓ de Parý et aveva ša fati ligÓ, ma Albertý me dŔ una soa letra che non doveso toro, et inperš˛ sý ˛ retrato lo mercÓ e non tor˛ pl¨ neg¨, roxella no ghŔ alcuna, ma s'el gen ve [...] [anšo] che me parta de Bolongna ben ne tor˛ una. Fata die X ex(eun)t(e) novembre in Bolongna.

[6] Stat. prat., 1295, pag. 446.25: Ancho ordinamo che no(n) si ne scriva in q(ue)sta Compagnia sa(n)ša paravola del rectore; e -l rectore co' suoi consillieri [debbia] dima(n)dare (e) i(n)venire che p(er)sona elli fosse anši che ssi scriva i(n) questa Compagnia.

[7] Sermoni subalpini, XIII (franco-piem.), 22, pag. 280.17: Mas anz qu'el intras en Ierusalem, ven en Betphage.

[8] Legg. S. Margherita, XIII ex. (piac.>ver.), 456, pag. 26: Dis quel: 'Anšo k'el vegna sera / Sapi ke te far˛ pentir / De šo che t'˛ olšuo dir.'

[9] PalamedÚs pis., c. 1300, pt. 2, cap. 21, pag. 69.22: e ci˛ ch'io v'˛e ditto quie de la vostra forsa e de la mia, vo moster˛ io tutto apertamente ansi che voi vi partiate di questo luogo.

[10] Lett. pist., 1320-22, 4, pag. 39.29: Noi abiamo speranza, che anzi che le ghalee giunghano, che tu abi fornito il fatto tuo...

[11] Doc. volt., 1322, 4, pag. 12.40: Poi stecte lo decto ser Bartalommeo bene uno mese anši che mmi volesse fare la decta carta, et non me l'arebbe facta se non ch'io ne gli feci dire male a pi¨ persone.

[12] Cecco d'Ascoli, Acerba, a. 1327 (tosc./ascol.), L. 1, cap. 8.563, pag. 160: E ci˛ si mostra in un remoto colpo, / ChÚ in uno tempo Ŕ il suono con il fatto, / E vien sý tardo che l'udito incolpo, / ChÚ giÓ non segue lo veder presente, / Ch'anzi percorre anche l'ultimo tratto / Che il primo suono vegna ne la mente.

[13] Jacopo della Lana, Inf., 1324-28 (bologn.), c. 28, 28-36, pag. 667, col. 2.1: Anzi che 'l predicto tornasse murrÝ lo Papa; e i Cardinai feceno un altro e no costu'.

[14] Bosone da Gubbio, Avv. Cic., a. 1333 (eugub.>fior.), L. 3, cap. 13, pag. 410.16: źSigniore, disse il principe, poscia che io posso a ricomperazione venire, io la dar˛ anzi ch'io moja molto volentieri, pure chŔ io possa avere cosa che vi piaccia╗.

[15] Stat. sang., 1334, 30, pag. 111.15: E detti dodici consiglieri si chiamino per li vecchi che sono stati per quattro die anši ch'eschano del loro ufficio.

[16] Stat. bergam., XIV pm. (lomb.), cap. 11, pag. 262.8: Ancora hano statuito e ordinato che cescaduno de la dita congregatione sý sia tenuto andare a la zesia omnia domane e odire la messa in cadauna festa anzi che al vada in altro loco, se non al serÓ impedito.

[17] Neri Moscoli, Rime, XIV pm. (castell.), 40.10, pag. 585: Sý ch'io me vegio morir desperando / ance che venga el tempo, amor mio caro, / nel quale io perderia ciascuno amaro.

[19] Maramauro, Exp. Inf., 1369-73 (napol.>pad.-ven.), cap. 26, pag. 390.18: E proseguendo etc., idest che se teniva cum mane anci che movesse lo pede.

[20] San Brendano ven., XIV, pag. 102.5: Non ve recorda ch'io ve fi revelar per quelo che ve besognava far, anzi che vui vignise qua in questo luogo?

[21] St. de Troia e de Roma Ricc., XIV (rom.>tosc.), pag. 226.33: Et poi s'acconcioe di cobattere con Scipione consolo di Mario, ma anši che conbattesse, Scipio per sua volontade si submise ad Silla.

[22] Legg. sacre Mgl. XXXVIII.110, XIV sm. (sett.), 5, pag. 10.37: Alora Decio emperadore disse: źMisera, consente al me conseio anci che perissi.╗

2 [Con valore avversativo, esprime il rifiuto di un lato di un'alternativa:] piuttosto, invece.

[1] Brunetto Latini, Tesoretto, a. 1274 (fior.), 2042, pag. 246: Per˛ fa grande bene / chi s'arischi' al morire / anzi che soferire / vergogna nÚ grave onta...

[2] Pietro da BescapŔ, 1274 (lomb.), 2085, pag. 67: Illi se lagaveno scortegare / Anše ke illi voliano Deo negare...

[3] Mare amoroso, XIII ui.di. (fior.), 36, pag. 488: chÚ assai vi sono pi¨ leale amante / che l'ermellino a la sua bianchezza, / che, anzichÚ voglia entrar nel fango, / si lascia prendere e condure a morte.

[4] Elucidario, XIV in. (mil.), L. 2, quaestio 74, pag. 171.3: Deo voleva ke quilli sacrifitii fisseno al So honore, anze ke a l'onore de le ydole.

[5] Jacopo della Lana, Inf., 1324-28 (bologn.), c. 13, 109-129, pag. 369, col. 2.12: pensando c'avea struto 'l so et ch'era in gran miseria pens˛ de voler murire anci che pi˙ viver e desperatamente se mise tra i Fiorentini e fo morto.

2.1 [Anzi... che in costruzioni correlative:] anzi esprime il lato preferito di un'alternativa, che quello rifiutato.

[1] Uguccione da Lodi, Libro, XIII in. (crem.), 499, pag. 617: Deu l'avesse voi¨, q'eu no fos unca naa, / en profondo de mar anci fos eu zitaa / com una mola al colo fortementre ligaa, / anz q'a tanto martorio eu fosse delivraa╗.

[2] Conti di antichi cavalieri, XIII u.q. (aret.), 7, pag. 93.16: [[Pompeio]] era fornito de potere l'oste sua mantenere, contra el volere de la gente sua tucta non volea la battaglia, sý come omo che volea venciare anzi per fame e senza risco el nemico suo che per batallia, e che volea victoria senza combattere pria che combatendo en ventura d'avere victoria o del perdere stare.

[3] Fatti di Cesare, XIII ex. (sen.), Sal. L. 1, cap. 7, pag. 11.15: Io far˛ consoli e rettori voi e me, se voi vorrete anzi essere donzelli che garzoni.

[4] Giovanni da Vignano, XIII/XIV (bologn.>ven.), cap. 63, pag. 306.26: E sempre intendo anše condure lo meo conseio al vostro che lo vostro al meo, perš˛ ch'el dixe Sallomom: źNo essere savio apo ti medexemo╗.

[5] Lett. pist., 1320-22, 6, pag. 42.19: io le diedi per no' potere fare altro, e vollile anzi mandare che ritenerlle.

[6] Simintendi, a. 1333 (tosc.), L. 6, vol. 2, pag. 58.11: e lo iddio stette lungo tempo, che non potŔ avere l'amata Orizia; per˛ ch'egli pregava, e volea anzi usare di preghieri che delle forze.

[7] Simone Fidati, Ordine, c. 1333 (perug.), pt. I, cap. 16, pag. 647.5: E di molte tentazioni alle quali l'anima non consente, anzi che le dispiacciono e vorrebbe anzi morire, che venissero ad effetto, non solamente l'anima non vi offende, ma vi merita e guadagna per la virtuosa resistenzia.

2.1.1 Prima, pi¨ facilmente.

[1] Proverbia que dicuntur, XII u.q. (venez.), 467, pag. 543: La femena Ŕ contraria d'ogno castigamento, / pessima et orgoiosa e de forte talento: / anci poris-tu volšere rea ploša o forte vento / femena trašÚsi de lo so plaquimento.

[u.r. 05.02.2018]