APARO s.m.

0.1 apari; f: aparo.

0.2 Da apparare 1.

0.3 Bonagiunta Orb. (ed. Contini), XIII m. (lucch.): 1.

0.4 Att. unica nel corpus.

0.6 0.7 1 Disposizione d'animo (alle virt¨). 2 Spiegamento di forze, resistenza.

0.8 Raffaella Pelosini 19.04.1999.

1 Disposizione d'animo (alle virt¨).

[1] Bonagiunta Orb. (ed. Contini), XIII m. (lucch.), son. 9-2.6, pag. 276: Per˛, chi vol valer, da voi impari / gli apari che del mal fa[n] l'om rimondo, / che 'n voi conmendan li due che son pari, / ma pi¨ che pari, Folchetto nÚ 'Smondo.

2 Spiegamento di forze, resistenza.

[1] F Guittone, Rime, a. 1294 (tosc.): [I]nparo senpre condišio[n] d'amore; / d'amar e' son pi¨ che 'n vista non paro; / no paro credo aver servo d'amore: / d'amore amare eo pur son f˛r paro, / e paro di color miĚ fer Amore, / ch'Amor tormenta senš'alcun riparo; / ch'eo aparo non f˛ contr'a del'Amore: / s'Amor meĚ fere, pur lo scudo paro. || CLPIO L 377 GuAr.7.

[u.r. 05.02.2018]